Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sessione invernale del Parlamento: opposizione indiana arrabbiata con 141 deputati sospesi

Sessione invernale del Parlamento: opposizione indiana arrabbiata con 141 deputati sospesi

  • Scritto da Meryl Sebastian
  • BBC Notizie, Kochi

Fonte immagine, Samir Al-Islam/X

Commenta la foto,

Lunedì alcuni deputati sospesi hanno protestato fuori dal Parlamento

Il parlamento indiano ha assistito ad accese proteste dopo la sospensione di altri 49 parlamentari dell’opposizione, portando il numero totale dei parlamentari banditi a 141.

Lunedì l’opposizione ha accusato il governo del primo ministro Narendra Modi di attaccare la democrazia dopo aver sospeso un numero record di 78 parlamentari in un giorno.

Alla maggior parte dei parlamentari è stato vietato di partecipare alla sessione invernale, che si concluderà venerdì.

Ma circa due dozzine di loro potrebbero dover restare lontani più a lungo, a seconda della decisione della Commissione Privilegi del Parlamento.

La maggior parte dei parlamentari sospesi fanno parte della All India Alliance, una coalizione di partiti di opposizione che spera di sconfiggere il partito Bharatiya Janata di Modi alle elezioni generali del prossimo anno.

La coalizione comprende 142 deputati sui 543 membri della Lok Sabha – la camera bassa del Parlamento – e 95 di loro sono stati finora sospesi. Ha 101 deputati nel Senato o Rajya Sabha, composto da 250 membri (alcuni seggi sono vacanti), 46 dei quali sono sospesi.

Il deputato del Congresso Shashi Tharoor ha dichiarato martedì dopo la sua sospensione: “Sfortunatamente, dobbiamo iniziare a scrivere un necrologio per la democrazia parlamentare indiana”.

Il partito al potere Bharatiya Janata ha accusato i leader dell’opposizione di aver deliberatamente interrotto i lavori del Parlamento.

Si prevede che questi sviluppi aggravino i già gelidi rapporti tra l’opposizione e il governo Modi.

Molti parlamentari dell’opposizione chiedevano una dichiarazione del ministro degli Interni dell’Unione Amit Shah o di Modi in Parlamento sulla violazione della sicurezza avvenuta la scorsa settimana, in cui due persone sono entrate in Parlamento, hanno acceso gas colorato e hanno scandito slogan, mentre altre due hanno protestato fuori dal Parlamento.

La polizia non ha rivelato ufficialmente il movente, ma i media e le famiglie degli accusati hanno affermato che i manifestanti erano disoccupati e volevano esprimere la loro frustrazione per le politiche del governo.

L’hacking è avvenuto nel 22esimo anniversario dell’attacco mortale al Parlamento.

Anche i rappresentanti dell’opposizione hanno chiesto una discussione in Parlamento sulla vulnerabilità della sicurezza.

Anche se Modi non ha parlato in Parlamento di questo tema, ha detto ad un giornale indiano che “quello che è successo è molto grave”.

“Non c’è bisogno di discutere di questo argomento, dovrebbe esserci un’indagine approfondita al riguardo”, ha detto al quotidiano Dainik Jagran.

Anche Shah non è intervenuto in Parlamento, ma durante un evento ha affermato che sull’incidente è stata condotta un’indagine ad alto livello e ha accusato l’opposizione di politicizzare la violazione della sicurezza.

“Il primo ministro può rilasciare interviste a un giornale e il ministro degli Interni può rilasciare interviste ai canali televisivi”, ha affermato Mallikarjun Kharge, presidente del partito d’opposizione del Congresso. “Ma non hanno più alcuna responsabilità nei confronti del Parlamento, che rappresenta il popolo indiano”. Il signor Kharge, membro del Rajya Sabha, non è stato ancora sospeso.

Manoj Kumar Jha, deputato regionale del Rashtriya Janata Dal, ha descritto il suo commento come un “distintivo d’onore”.

“È un’ammissione che stanno cercando di sopprimere le domande che poniamo [opposition] Lo ha detto ai giornalisti lunedì.

Alcuni parlamentari dell’opposizione, tra cui Karji, hanno affermato che il governo ha deliberatamente sospeso diversi leader dell’opposizione affinché approvassero importanti progetti di legge senza dibattito.

Ma il ministro dell’Unione Piyush Goyal, che lunedì ha presentato una mozione per sospendere 34 MLA, ha descritto la protesta dell’opposizione come una “strategia pre-pianificata” per interrompere il lavoro del Parlamento e ostacolare importanti progetti di legge.

Ha anche accusato i parlamentari dell’opposizione di mancare di rispetto al Parlamento e di aver insultato il presidente della Lok Sabha e il presidente del Rajya Sabha rifiutandosi di dare ascolto alle loro richieste di non portare striscioni di protesta nel pozzo della Camera.

BBC News India ora su YouTube. clicca qui Per iscriverti e guardare i nostri documentari, film esplicativi e in primo piano.

Leggi altre storie sull’India dalla BBC:

READ  Netanyahu afferma di aver detto agli Stati Uniti che si oppone allo stato palestinese del dopoguerra: NPR