Settembre 25, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sei persone, tra cui la famiglia di Aidan, sopravvissute allo schianto, hanno fatto a pezzi la sua guardia del corpo

Un incidente in funivia in Italia lo scorso maggio ha ucciso 14 persone. Il sopravvissuto è Eden Bran, 6 anni. È stato consegnato alla sua matrigna in Italia perché i suoi genitori israeliani sono emigrati in Italia e sono morti nell’incidente. Secondo quanto riferito, suo nonno materno lo ha rapito e portato in Israele su un jet privato.

La giustizia italiana ha avviato domenica un processo per “rapimento” dopo che il piccolo Eaton è partito per Israele dopo essere sopravvissuto a un incidente in funivia che ha ucciso 14 persone nel nord Italia a maggio.

Il bambino di sei anni Aidan Brann è stato prelevato dal nonno materno sabato su un jet privato per Israele durante una visita alla sorella di suo padre, Aya Bran-Nirko. Pavia (Nord) godeva di tutela legale

Eden è stato ricoverato in ospedale per diverse settimane

Secondo l’agenzia Ansa, la procura di Pavia ha aperto un’inchiesta sul sequestro. I genitori di Eaton, sei anni, insieme al fratello minore e ai due nonni, sono stati uccisi in un incidente in funivia il 23 maggio al Piedmont Resort sulle rive del lago Maguire.

Eden, gravemente ferito, ha trascorso diverse settimane in un ospedale di Torino. Dal suo rilascio, la sua famiglia paterna, che vive in Italia, e la sua famiglia materna, che vive in Israele, hanno combattuto per la custodia.

Eden è stato affidato alla zia paterna dal Tribunale per i Minorenni di Torino, mentre la famiglia della madre ha avuto il diritto di visita. Il tribunale italiano ha anche ordinato la restituzione del suo passaporto, che era trattenuto dalla famiglia materna.

READ  Mercato dei normali prodotti italiani

In un’intervista con Radio Israeliana 103 di domenica, sua zia materna, Khali Belek, ha presentato la versione di ritorno in Israele.

Sua zia dice che non è stato rapito

“Non l’abbiamo rapito (…), l’abbiamo portato a casa. Abbiamo dovuto farlo perché non avevamo informazioni sulla salute fisica e mentale di Aiten”, ha spiegato.

“Lo abbiamo portato a casa, i suoi genitori lo volevano, sono dovuti tornare a casa e sono stati respinti a causa del virus corona, ma quando sono stati qui qualche mese fa, abbiamo parlato di tornare da loro”, ha promesso.

I genitori di Eaton, Amit Bran, 30 anni, e Tal Belek, 27, hanno vissuto per molti anni in Italia, dove Amit era uno studente di medicina. Il loro figlio più giovane, Tom, è nato lì nel 2019.

Il leader della comunità ebraica di Milano lo ha denunciato come “un atto che viola il diritto italiano e internazionale”.

“Speriamo che il caso venga risolto presto, come deciso dal tribunale per i minorenni”, ha detto Milo Hasbani in una nota.

Jean Blunt con AFP Reporter BFMTV