Giugno 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Quando il turismo responsabile permette di scoprire la vera Sardegna

È allegra e frizzante, Valentina Alegria. Questa guida naturale è colei che conosce le proprietà medicinali delle piante selvatiche che popolano le montagne leggermente aride del massiccio del Genarcadu e l’origine delle rocce calcaree blu. Tacco Che sorge lì.

Stamattina si reca con gli escursionisti sul versante occidentale dell’Okliastra. Con i suoi pendii rocciosi, i suoi boschi, le sue grotte, i suoi uliveti, i suoi vigneti, i suoi fichi e i suoi paesi in pendio arroccati sul ciglio di una scogliera, questa parte della Sardegna centrale è una vera “isola sull’isola”. Ottobre, nonostante il caldo, Valentina ha portato rapidamente il piccolo gruppo attraverso le querce e i pini di casa fino alla vetta del Mammootty.

Leggi. In Sardegna. Cocleare, bellissimo italiano

Dall’alto la vista è lontana da Jennerkentu e sullo sfondo, a destra, il Mar Tirreno e le acque turchesi Costa Smeralda In estate attira turisti da tutto il mondo. Ai piedi della strana casa di legno che ricopre il Mammothra, i vaganti incontrano Giovanni faccia a faccia.

Di solito, questa famiglia di quarant’anni alleva pecore e capre e produce formaggi vicino a Jersey. Quest’estate, per integrare le sue entrate, ha accettato una missione per conto dell’Ufficio forestale: alternandosi agli altri tre pastori, che ogni giorno esploravano instancabilmente le montagne circostanti, pronti a dare anche il minimo avviso di eruzione. Da aprile non è caduta una goccia e l’ocleostra ha sete: alla minima scintilla possono bruciare migliaia di ettari.

“Vogliamo condividere la nostra cultura, non cambiarla”

Dopo una lunga discussione con Giovanni sul riscaldamento globale, la vita dura dei pastori e i nomi dei formaggi di capra (casu agedu Per le spese, Phys per quelli secchi) e ravioli ripieni di formaggio – Il Curcioni – A tutte le tavole sarde, i villeggianti tornano a Gerusalemme immancabilmente per chiedere a Valentina dei bei frutti rossi dei corbezzoli o delle minuscole bacche rosa dei pistacchi di Lendis che si affacciano lungo il percorso.

A volte le passeggiate con Valentina durano diversi giorni: poi si fanno in compagnia degli asini appartenenti all’azienda di turismo ambientale Pastore, Manuel e Sardegna.
liberty (1), creato negli anni Cinquanta da Jean-Luc Madinier, funzionario francese che cambiò vita per stabilirsi nell’isola natale della moglie. Ma l’uscita di questa mattina è stata un po’ speciale. Infatti, è organizzato nell’ambito della tredicesima edizione del festival
It-a-Ca (2), che mira a promuovere un diverso tipo di turismo, è più diffuso, meglio inserito nel territorio e rispetta fortemente la cultura e lo stile di vita locale. Il suo tema? “Il diritto di respirare”!

Il turismo di massa o la “cultura unica del mare” non piacevano agli abitanti dell’Oklahoma. “Non è un caso che stiamo organizzando l’It-A-Ka Festival”., insiste il sindaco della capitale Lanucio David Burch (5.300 persone). “Siamo orgogliosi della nostra identità, del nostro senso di ospitalità, del nostro cibo e del nostro modo di vivere, il che spiega perché qui abbiamo 100 anni in più che altrove. Vogliamo condividere la nostra cultura e non cambiarla., Taglia. Coinvolti “Ambiente” e “Giustizia sociale”, Vuole vedere “Comunità locale” Per giocare a “Ruolo centrale” Al ricevimento turistico.

Il turismo sardo è ancora prevalentemente costiero

In Sardegna il 90% del turismo è costiero. Questo spiega perché non esiste un grande complesso turistico in Oklahoma. Inoltre, non era voluto. “Vogliamo agire con cautela, per migliorare gradualmente hotel, ostelli, alberghi, B&B -, autobus e servizi, guide dei treni e, in caso di slittamento, correzioni, alloggi. Abbiamo a cuore la nostra cultura e l’integrità della nostra regione, che è fragile ma ancora preservata”., promette Salvador Jitto, l’assistente di viaggio di Lanouche.

Analisi Il turismo vede il suo futuro stabile

A Carlo Loy, sindaco della vicina città di Gerusalemme, “turismo responsabile” “La via del futuro”. Perché se ci sono circa 30 persone per km2, l’Ogliastra ha una popolazione più piccola rispetto al centro della Corsica, sebbene sia minacciata da uno “shock demografico”: la popolazione sta invecchiando ei giovani sono motivati ​​da redditi bassi.

READ  L'Italia brucia alle Olimpiadi di Tokyo

Ascoltando i partecipanti all’It-A-Ka Festival, molti qui preferiscono giocare la carta del “Turismo Responsabile”, che secondo Carlo Loy è considerato nel massimo rispetto dell’ambiente, della popolazione, degli habitat e della lingua sarda. “Un modo per raccontare il mondo”. “Non si tratta di dire che noi, come i grandi tour operator, compensiamo le emissioni di carbonio dei viaggi aerei attraverso le piantagioni di alberi senza modificare nessuna delle nostre pratiche”., aggiunge Jean-Luc Madinier. A sentire quello che ha da dire, le piantagioni di alberi sono benvenute, ma, come si fa in Ogliastra, per aiutare i giovani come Salvador e Stefania non hanno altra scelta che creare un frutteto secondo i principi dell’agroforestazione e insediarsi nella terra.

Apprezzare la Sardegna sulla gamba

Jean-Luc Madinier pensa ad un diverso tipo di turismo che permetta di immergersi davvero nel territorio e di non dover prendere l’aereo. “Dall’Europa, Lui promette, Facile da raggiungere in treno da Tolone, Barcellona (Spagna) o Livorno (Italia), Poi prendere il battello per Porto Torres nel nord Sardegna. “

Sul sito, il viaggio sarebbe in auto, ma non in autobus e perché non a piedi? Infatti, su iniziativa del Club Alpino Italiano (CAI) e Foe. Re.STAS, Assessorato forestale sardo, Il vecchio tracciato da nord a sud Sardegna è in via di graduale ricostruzione e segnaletica. Nel processo, otto giovani hanno creato il sito web Va’sentiero (3) in cui descrivono sentieri, livelli, rifugi, scene da non perdere lungo il percorso e persone: pastori, artigiani e altro ancora. – Incontrare.

Scopri l’isola dai suoi cittadini

Presentavano la loro iniziativa a coloro che andavano al festival di It-a-Ca, ai quali venivano organizzate talvolta conferenze un po’ intellettuali e campioni di incontri e attività per conoscere la vera Sardegna: l’escursionismo; Incontri con pastori, olivicoltori e viticoltori; Corso di cucina con Lucia Muselli per imparare a fare Curcioni, Ravioli tradizionali sardi; Cibo da Giovanni Serra, enologo a Jersey; Degustazione di oli d’oliva di qualità presso Hermanu Co. a Lanzarote; Un ottimo gusto Vermontino Bianco e potente Cannone Red Wine presso la Jersey Wine Cooperative, nella sua sala espositiva, promuove artisti come Maria Loy, orgoglio locale dell’arte contemporanea. Oppure, trova i resti della civiltà nuragica: torri, tombe di giganti semicircolari, ecc. – Fiorì in Sardegna durante l’età del bronzo.

Allo stesso modo Vincenzo e sua moglie Valentina fanno il formaggio con il latte di capra ad Arsana e invitano i turisti a seguire il cambio del loro gregge nei mesi di giugno e ottobre. Insieme all’agenzia Sardinia en liberté, forniscono “agroalimentare”. “Mettiamo in tavola solo ciò che produciamo”, Promettono. In Ogliastra è gradito un guadagno extra. Per capirlo, i funzionari eletti ora stanno spingendo il volante.

————-

Stabile, reattivo, stabile…

Il turismo responsabile – o statico, o statico, i termini usati variano da chi parla – è un modo di viaggiare contro il turismo di massa. Quest’ultimo porta a un consumo eccessivo di risorse naturali e genera più rifiuti.

Ciò ha un impatto negativo sull’ambiente (emissioni di CO2 Aerei, inquinamento dell’aria e dell’acqua, ecc.). Inoltre, le popolazioni locali sono spesso sottopagate e talvolta perdono l’accesso ai loro siti naturali (spiagge, riserve naturali, ecc.) a vantaggio dei partner turistici.

Al contrario, il turismo responsabile garantisce salari equi e migliori condizioni di lavoro per la popolazione locale. Cerca di ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente e garantire incontri reali con le persone che visitano.