Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Notizie in diretta tra Israele e Hamas: le Nazioni Unite affermano che il loro rapporto ha trovato prove di una violenza sessuale avvenuta il 7 ottobre

Notizie in diretta tra Israele e Hamas: le Nazioni Unite affermano che il loro rapporto ha trovato prove di una violenza sessuale avvenuta il 7 ottobre

Si prevede che il vicepresidente Kamala Harris, emersa come una delle voci principali dei palestinesi negli incontri a porte chiuse alla Casa Bianca, spingerà per fermare i combattimenti a Gaza con il membro del gabinetto di guerra israeliano Benny Gantz al vertice. Lunedì pomeriggio alla Casa Bianca.

Si prevede inoltre che la vicepresidente sottolinei l'urgenza di garantire la presa degli ostaggi e di frenare la crisi umanitaria che si è sviluppata parallelamente alla guerra di Israele contro Hamas in risposta agli attacchi del 7 ottobre, secondo un funzionario della Casa Bianca che ha condiviso i dettagli dei suoi piani a condizione che dell'anonimato.

Il funzionario ha detto che la Harris discuterà dei piani post-bellici per Gaza che includono l’Autorità Palestinese, ribadirà gli obiettivi degli Stati Uniti di aumentare gli aiuti alla regione attraverso lanci di cibo iniziati sabato, ed esprimerà preoccupazione per oltre 1 milione di palestinesi sfollati in Rafah, nel 2018. Nel sud della Striscia di Gaza, mentre Israele si prepara a schierare lì le forze di terra.

Sebbene la signora Harris non si sia allontanata troppo dal messaggio di guerra di Biden, in un discorso di domenica ha assunto un tono più duro nel chiedere un “cessate il fuoco immediato”. Tuttavia, ha rivolto le sue osservazioni ad Hamas, non alla leadership israeliana, e ha ribadito che lei e il presidente rimangono “fermi nel nostro impegno per la sicurezza di Israele”.

Ma nei suoi incontri alla Casa Bianca è stata energica nell’esortare l’amministrazione a non ignorare la rabbia dei palestinesi americani e di altri negli Stati Uniti, che affermano che Biden non ha fatto abbastanza per prevenire la morte di decine di migliaia di civili. A Gaza, secondo quattro persone che hanno familiarità con la questione.

READ  Biden amplia il suo vantaggio finanziario su Trump

Le sue osservazioni rappresentano un cambiamento nella posizione generale dell'amministrazione su Gaza, e sono intese in parte ad affrontare la crescente responsabilità politica che Biden ha nella sua campagna per la rielezione quest'anno. Nel Michigan la scorsa settimana, circa 150.000 elettori delle primarie democratiche hanno votato per i “non impegnati”, molti di loro esprimendo rabbia per l’incrollabile sostegno del presidente a Israele.

L’attenzione della Harris su Israele potrebbe anche contribuire a rafforzare le sue credenziali in politica estera in un momento in cui molti nel suo partito si chiedono se sia pronta a prendere il posto di Biden se gli succedesse qualcosa.

Fonti a conoscenza della questione affermano che la signora Harris in diverse occasioni aveva consigliato a Biden e agli alti funzionari della Casa Bianca che l’amministrazione avrebbe dovuto mostrare maggiore compassione per i civili palestinesi parlando apertamente del crescente bilancio delle vittime a Gaza e della difficile situazione dei sopravvissuti. Il vicepresidente ha affermato che ciò dovrebbe essere fatto oltre a continuare a condannare gli attacchi di Hamas del 7 ottobre che hanno ucciso 1.200 persone in Israele.

Le dichiarazioni pubbliche del Vice Presidente arrivano mentre la crisi umanitaria a Gaza peggiora. Dopo che la scorsa settimana 100 palestinesi sono stati uccisi in una scena caotica durante un convoglio di cibo, ha rilasciato una dichiarazione che è andata oltre i cauti commenti di altri funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

“Solo pochi giorni fa, abbiamo visto persone affamate e disperate avvicinarsi ai camion degli aiuti, semplicemente cercando di garantire cibo alle loro famiglie dopo settimane in cui quasi nessun aiuto raggiungeva il nord di Gaza”, ha detto. “Hanno incontrato colpi di arma da fuoco e caos.”

“La gente a Gaza sta morendo di fame”, ha detto domenica. Le condizioni sono disumane. “La nostra comune umanità ci obbliga ad agire”.

READ  Il video mostra commando appoggiati dall'Iran che dirottano una nave mercantile durante un raid in elicottero

In seguito ha aggiunto che “il governo israeliano deve fare di più per aumentare in modo significativo il flusso di aiuti”. niente scuse.”

Gantz, l'ex capo di stato maggiore dell'esercito israeliano che ha visitato Washington l'anno scorso, dovrebbe incontrare separatamente Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale, nonché membri del Congresso e sostenitori, ha affermato il suo ufficio in una nota. – Gruppi di pressione israeliani.

Funzionari americani hanno detto ai giornalisti durante il fine settimana che i negoziati stavano continuando e che Israele aveva “più o meno accettato” il quadro dell'accordo sugli ostaggi, ma anche che Hamas non l'aveva ancora accettato. Hamas ha rifiutato la proposta di rilasciare più di 100 ostaggi israeliani perché non prevede un cessate il fuoco permanente e il ritiro delle forze israeliane da Gaza – concessioni che secondo Israele gli impedirebbero di distruggere Hamas.

Gantz ha informato Netanyahu venerdì della sua intenzione di recarsi negli Stati Uniti per coordinare i messaggi che trasmetterà nei suoi incontri con i funzionari americani, ha affermato sabato l’ufficio di Gantz in una dichiarazione.

Netanyahu è rimasto sconvolto dai piani di Gantz, dicendogli che pensava che fossero “controproducenti”, secondo un funzionario israeliano vicino a Gantz, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere i dettagli della chiamata tra i due leader. Il funzionario ha detto che Netanyahu ha rifiutato di coordinarsi con Gantz.

L'ufficio di Netanyahu ha dichiarato in una dichiarazione di non approvare il viaggio di Gantz a Washington. Un funzionario dell'ufficio di Netanyahu, parlando a condizione di anonimato, ha detto che Gantz non ha rappresentato il governo nel suo viaggio a Washington e ha insistito sul fatto che il primo ministro continua ad avere una comunicazione aperta con il presidente Biden.

READ  Il presidente liberiano George Weah ha ammesso la sconfitta alle elezioni a Joseph Bukai

Gli assistenti della Harris ritengono da tempo che la politica estera rappresentasse per lei un'opportunità per forgiare la propria strada e ritagliarsi un ruolo importante come vicepresidente. La Casa Bianca ha anche precedentemente inviato la signora Harris per parlare di questioni che motivano i giovani elettori e gli elettori di colore. La Harris sta ora cercando di fare entrambe le cose allo stesso tempo, utilizzando una pressante questione di politica estera per parlare a un blocco di elettori disillusi e forgiare la sua distinta identità politica.

Ma alcuni gruppi che chiedono un cessate il fuoco permanente hanno affermato che la Harris non è andata oltre. Hanno affermato che le sue dichiarazioni si limitano a invocare la retorica di coloro che hanno protestato contro la guerra, senza in realtà invocare un cambiamento radicale nella politica che potrebbe cambiare la situazione.

Leila Al-Abd, direttrice della campagna per Listen Michigan, un gruppo che ha mobilitato più di 100.000 elettori per votare “senza impegno” contro Biden alle primarie del Michigan, ha affermato in una dichiarazione che era chiaro che l'amministrazione stava rispondendo alle pressioni.

“Ma cerchiamo di essere chiari: questo è un cessate il fuoco temporaneo, o quella che chiamano una pausa umanitaria”, ha detto la signora Al-Abd in una nota. “Le richieste del nostro movimento erano chiare: un cessate il fuoco permanente e la fine del finanziamento statunitense della guerra e dell’occupazione israeliana contro il popolo palestinese”.

Adam Rasgon E Aaron Puckermann Ha contribuito riportando da Gerusalemme.