Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Notizie in diretta sulla guerra russo-ucraina: il leader di Wagner minaccia di ritirarsi da Bakhmut

Notizie in diretta sulla guerra russo-ucraina: il leader di Wagner minaccia di ritirarsi da Bakhmut

credito…Governatore di Krasnodar Veniamin Kondratyev Canale Telegram, tramite Associated Press

I droni hanno colpito depositi di petrolio e una raffineria, provocando enormi incendi. Le esplosioni non hanno fatto deragliare, ma due treni merci. Negli ultimi giorni, le infrastrutture russe vicino al confine ucraino e nella Crimea controllata dalla Russia sono state ripetutamente prese di mira.

L’Ucraina non ha rivendicato direttamente la responsabilità degli attacchi, l’ultimo dei quali sembra aver colpito venerdì una raffineria di petrolio nella regione meridionale di Krasnodar in Russia, secondo i media statali russi. Ma una maggiore frequenza di attacchi potrebbe aiutare a spianare la strada a una controffensiva che i funzionari ucraini hanno detto sta per iniziare, secondo gli analisti militari.

Gli analisti affermano che sebbene gli attacchi abbiano respinto le linee del fronte della guerra, hanno messo a dura prova la logistica della Russia, costringendo Mosca a spendere risorse aggiuntive per ricostruire le infrastrutture danneggiate e pianificare le difese russe contro un contrattacco. Ha anche un effetto psicologico, dicono, permeando l’aura di invincibilità di Mosca sulle terre che controlla.

“Fa parte della preparazione per il campo di battaglia”, ha detto Johan Michel, analista di ricerca presso l’International Institute for Strategic Studies. “Indebolisci il corpo del nemico in punti diversi per assicurarti che non si muova mentre stai effettivamente attaccando.”

Ha detto che tali attacchi non sono progettati principalmente per colpire un punto di contrattacco in futuro. Il tentativo dell’Ucraina di riconquistare il controllo territoriale, se ciò accadrà, dovrebbe concentrarsi sui territori che la Russia ha sequestrato da quando ha iniziato la sua invasione su vasta scala più di 14 mesi fa, tra cui il Donbass orientale e le regioni meridionali di Kherson e Zaporizhia.

READ  I ministri israeliani di destra si uniscono a migliaia di persone in un evento che chiede il reinsediamento del loro paese a Gaza

Ma la Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014, è stata un importante canale di approvvigionamento e di truppe a sostegno delle forze di occupazione russe nell’Ucraina meridionale, ed è stata ripetutamente colpita negli ultimi mesi. L’Ucraina ha ampiamente rivendicato la responsabilità degli attacchi in Crimea, anche se raramente fornisce dettagli. Ma di solito ha tenuto segreto il coinvolgimento in attacchi sul suolo russo.

Michel ha affermato che gli attacchi alle infrastrutture lontane dalle linee del fronte hanno lo scopo di creare colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento militare, costringendo la Russia a deviare risorse ed energia per colmare le lacune, il che a sua volta espone altre aree.

Gli scioperi si sono moltiplicati negli ultimi giorni. L’agenzia di stampa statale russa TASS ha riferito che, venerdì, un drone ha attaccato la raffineria di petrolio Elsky nella regione russa di Krasnodar per il secondo giorno consecutivo. Ha aggiunto che è scoppiato un incendio, ma è stato spento e non ci sono state vittime.

Funzionari russi hanno riferito di scioperi sulle linee ferroviarie nella regione russa di Bryansk lunedì e martedì. L’area è stata un punto di partenza per l’invasione nel febbraio dello scorso anno e da allora è stata utilizzata come punto di partenza per attacchi di droni contro l’Ucraina.

Sabato è scoppiato un incendio anche in Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014. Giovedì quattro droni hanno anche attaccato strutture di stoccaggio in una delle più grandi raffinerie di petrolio nella regione meridionale di Krasnodar, secondo l’agenzia di stampa russa TASS.

READ  L’Iran sequestra la petroliera Saint Nicholas vicino all’Oman

Britannico Rapporto dell’intelligence della difesa Giovedì, ha affermato, “l’interruzione della rete di stoccaggio e distribuzione del carburante costringerà probabilmente la Russia ad apportare modifiche alle operazioni di rifornimento militare russe per mitigare gli obiettivi”.

In una misura dell’importanza della Crimea per la logistica militare russa, il sindaco della città occupata di Melitopol, nel sud dell’Ucraina, ha dichiarato il mese scorso che meno di un terzo dei rifornimenti che passano attraverso la città destinati alle forze russe provengono dalla Crimea.

Gli alleati occidentali hanno esortato l’Ucraina a non utilizzare armi a lungo raggio appena fornite per colpire all’interno della Russia, temendo che tali attacchi possano indurre il Cremlino a intensificare la sua guerra. Gli analisti affermano che l’Ucraina ha sviluppato una flotta di droni in grado di percorrere centinaia di miglia trasportando munizioni. Le difese aeree della Russia sono anche istituite per proteggere i suoi lunghi confini da aerei e missili più grandi, secondo Samuel Bendett, un esperto russo presso il CNA Research Institute in Virginia.

Uno dei vantaggi per l’Ucraina del lancio di attacchi con i droni, ha affermato Bendett, è costringere la Russia a rivelare la posizione dei suoi sistemi di difesa aerea, lasciandoli vulnerabili agli attacchi in futuro.

Inoltre, qualsiasi attacco in Russia potrebbe causare “gravi traumi psicologici” e ridurre il senso di controllo di Mosca sul proprio territorio, ha affermato il colonnello ucraino, Petro Chernik, che è stato attento a non insinuare che dietro i recenti attacchi ci fosse l’esercito ucraino.

“Tutto ciò che accade sul territorio della Federazione Russa in termini di distruzione di carburante, lubrificanti e qualsiasi altro materiale di valore assicura che la guerra sia incredibilmente buona”, ha detto mercoledì ai giornalisti.

READ  L'OMS rinomina il vaiolo delle scimmie per evitare discriminazioni e stigmatizzazioni

Marco Santora Contribuire alla redazione dei report.