Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Netanyahu afferma di aver detto agli Stati Uniti che si oppone allo stato palestinese del dopoguerra: NPR

Netanyahu afferma di aver detto agli Stati Uniti che si oppone allo stato palestinese del dopoguerra: NPR

Fumo che si alza dopo un bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, visto dal sud di Israele, giovedì 18 gennaio 2024.

Ohad Zweigenberg/AFP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Ohad Zweigenberg/AFP

Fumo che si alza dopo un bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, visto dal sud di Israele, giovedì 18 gennaio 2024.

Ohad Zweigenberg/AFP

GERUSALEMME – Giovedì il primo ministro Benjamin Netanyahu ha respinto le richieste degli Stati Uniti di ridurre l'assalto militare israeliano alla Striscia di Gaza o di intraprendere passi verso la creazione di uno stato palestinese del dopoguerra, attirando critiche immediate da parte della Casa Bianca.

La tensione riflette quello che è diventato un diffuso disaccordo tra i due alleati sulla portata della guerra israeliana e sui suoi piani per il futuro della regione assediata.

“Ovviamente la vediamo diversamente”, ha detto il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby.

Netanyahu ha parlato proprio il giorno dopo che il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che Israele non potrà mai godere di una “vera sicurezza” senza un percorso verso l’indipendenza palestinese. All’inizio di questa settimana, la Casa Bianca ha anche dichiarato che questo era il “momento giusto” perché Israele riducesse l’intensità della sua devastante offensiva militare a Gaza.

In una conferenza stampa televisiva a livello nazionale, Netanyahu ha assunto un tono di sfida, affermando ripetutamente che Israele non fermerà la sua offensiva finché non avrà raggiunto i suoi obiettivi di distruggere il gruppo militante di Hamas a Gaza e restituire tutti gli ostaggi rimasti detenuti da Hamas.

Ha respinto le affermazioni di un crescente gruppo di critici israeliani secondo cui questi obiettivi erano irraggiungibili e si è impegnato ad andare avanti per diversi mesi. “Non ci accontenteremo di niente di meno che della vittoria assoluta”, ha detto Netanyahu.

Israele ha lanciato l’attacco dopo un attacco transfrontaliero senza precedenti da parte di Hamas il 7 ottobre che ha ucciso 1.200 persone e ha preso in ostaggio circa altre 250 persone. Israele ritiene che circa 130 ostaggi siano ancora prigionieri di Hamas. La guerra ha aumentato le tensioni in tutta la regione, minacciando di innescare altri conflitti.

L’offensiva israeliana, una delle campagne militari più sanguinose e distruttive della storia moderna, ha ucciso quasi 25.000 palestinesi, secondo le autorità sanitarie di Gaza, causato una distruzione diffusa e sradicato dalle loro case oltre l’80% dei 2,3 milioni di residenti dell’enclave.

L’alto costo della guerra ha portato a un aumento delle richieste da parte della comunità internazionale di fermare l’offensiva. Dopo aver inizialmente fornito un sostegno globale a Israele nei primi giorni della guerra, gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, hanno iniziato a esprimere le proprie preoccupazioni e hanno esortato Netanyahu a chiarire la sua visione per la Gaza del dopoguerra.

READ  “Impossibile”: panico dopo che Israele ha ordinato l'evacuazione dell'ospedale Al-Shifa a Gaza | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Gli Stati Uniti hanno affermato che l’Autorità Palestinese riconosciuta a livello internazionale, che governa le aree semi-autonome della Cisgiordania occupata da Israele, dovrebbe essere “attivata” e restituita a Gaza. Hamas ha espulso l’Autorità da Gaza nel 2007.

Gli Stati Uniti hanno anche chiesto misure verso la creazione di uno Stato palestinese. I palestinesi cercano di fondare il loro Stato a Gaza, in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Israele occupò queste aree nel 1967.

Intervenendo mercoledì al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, Blinken ha affermato che una soluzione a due Stati è il modo migliore per proteggere Israele, unire i paesi arabi moderati e isolare l'arcinemico di Israele, l'Iran.

Ha aggiunto che senza “un percorso che conduca ad uno Stato palestinese”, Israele non “otterrà una vera sicurezza”.

Nella stessa conferenza, il ministro degli Esteri saudita ha affermato che il Regno è pronto a stabilire piene relazioni con Israele come parte di un accordo politico più ampio. Ha aggiunto: “Ma questo può avvenire solo attraverso la pace per i palestinesi, attraverso lo Stato palestinese”.

Netanyahu, che guida un governo di estrema destra contrario alla creazione di uno Stato palestinese, ha ribadito la sua continua opposizione alla soluzione dei due Stati. Ha detto che lo Stato palestinese diventerà un punto di partenza per gli attacchi contro Israele.

Ha detto che Israele “deve avere il controllo della sicurezza su tutto il territorio a ovest del fiume Giordano”, aggiungendo: “Ciò contraddice l'idea di sovranità. Allora cosa possiamo fare?”

Ha detto: “Dico questa verità ai nostri amici americani e smetto di cercare di costringerci a una realtà che metterebbe in pericolo lo Stato di Israele”.

I manifestanti portano palloncini arancioni durante una marcia in solidarietà con Kfir Bibas, il bambino israeliano che ha trascorso il suo primo compleanno giovedì prigioniero di Hamas nella Striscia di Gaza, a Tel Aviv, Israele, giovedì 18 gennaio 2024.

Oded Balilti/AFP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Oded Balilti/AFP

I manifestanti portano palloncini arancioni durante una marcia in solidarietà con Kfir Bibas, il bambino israeliano che ha trascorso il suo primo compleanno giovedì prigioniero di Hamas nella Striscia di Gaza, a Tel Aviv, Israele, giovedì 18 gennaio 2024.

Oded Balilti/AFP

Questi commenti hanno suscitato un immediato rimprovero da parte della Casa Bianca. Kirby ha affermato che il presidente Joe Biden “non smetterà di lavorare” verso una soluzione a due Stati.

READ  Giappone: un uomo è stato condannato a morte per un incendio a Kyoto che ha ucciso 36 persone

Prima del 7 ottobre, la società israeliana era profondamente divisa sul piano di riforma giudiziaria di Netanyahu. Dopo l’attacco, il Paese si è schierato a sostegno della guerra. Ma le divisioni stanno cominciando ad emergere di nuovo sulla gestione della guerra da parte di Netanyahu.

Le famiglie degli ostaggi e molti dei loro sostenitori hanno chiesto un nuovo cessate il fuoco che possa riportarli a casa. Hamas ha rilasciato più di 100 ostaggi in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi durante un cessate il fuoco durato una settimana a novembre.

Decine di persone hanno partecipato a un triste raduno a Tel Aviv in solidarietà con la famiglia di Kfir Bibas, il più giovane ostaggio israeliano, in occasione del suo primo compleanno. Il bambino dai capelli rossi e suo fratello di 4 anni, Ariel, furono presi in ostaggio insieme alla madre, Sherri, e al padre, Yarden. I quattro sono ancora in prigionia.

I commentatori hanno iniziato a chiedersi se gli obiettivi di Netanyahu siano realistici, data la lentezza dell'attacco e le crescenti critiche internazionali, comprese le accuse di genocidio alla Corte mondiale delle Nazioni Unite, che Israele nega con veemenza.

Gli oppositori di Netanyahu lo accusano di ritardare qualsiasi discussione sugli scenari del dopoguerra per evitare imminenti indagini sui fallimenti del governo, preservare la sua coalizione e rinviare le elezioni. I sondaggi d’opinione mostrano che la popolarità di Netanyahu, sotto processo con l’accusa di corruzione, è diminuita durante la guerra.

I medicinali destinati agli ostaggi entrano a Gaza

Giovedì non c'erano notizie se i medicinali entrati nei territori palestinesi nell'ambito di un accordo mediato da Francia e Qatar fossero stati distribuiti a decine di ostaggi affetti da malattie croniche detenuti da Hamas.

Questo accordo è il primo raggiunto tra le parti in guerra da novembre. L’accordo prevede ingenti spedizioni di medicinali, cibo e aiuti umanitari anche per i civili palestinesi.

Il Qatar ha confermato mercoledì scorso che la medicina era entrata a Gaza, ma non era ancora chiaro se fosse stata distribuita agli ostaggi tenuti in luoghi segreti, compresi i bunker sotterranei.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa, che ha contribuito a facilitare il rilascio degli ostaggi, ha affermato di non essere coinvolto nella distribuzione dei medicinali.

Combattimenti a Gaza

Hamas ha continuato a combattere in tutta Gaza, anche nelle zone più devastate, e a lanciare razzi contro Israele. Dice che non rilascerà altri ostaggi finché non verrà raggiunto un cessate il fuoco permanente, cosa che Israele e gli Stati Uniti, il suo principale alleato, hanno escluso.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

Centinaia di migliaia di palestinesi hanno risposto agli ordini di evacuazione israeliani e si sono affollati nel sud di Gaza, dove sono stati riempiti i rifugi gestiti dalle Nazioni Unite e sono stati allestiti enormi campi.

Una donna palestinese mostra il segno V verso le forze israeliane durante un raid dell’esercito nel campo profughi di Tulkarem, in Cisgiordania, mercoledì 17 gennaio 2024.

Nasser Nasser/AFP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Nasser Nasser/AFP

Una donna palestinese mostra il segno V verso le forze israeliane durante un raid dell’esercito nel campo profughi di Tulkarem, in Cisgiordania, mercoledì 17 gennaio 2024.

Nasser Nasser/AFP

Israele ha continuato a colpire quelli che ritiene essere obiettivi militanti in tutta Gaza, spesso provocando la morte di donne e bambini. Giovedì scorso, i medici hanno riferito che un attacco aereo israeliano su una casa ha ucciso 16 persone, metà delle quali bambini, nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Israele attribuisce la colpa dell'elevato numero di vittime civili a Hamas perché combatte in dense aree residenziali. Israele afferma che le sue forze hanno ucciso circa novemila militanti senza fornire prove e che 193 dei suoi soldati sono stati uccisi dall'inizio dell'attacco di terra a Gaza.

Giovedì l'esercito israeliano ha dichiarato di aver distrutto il “cuore” dell'industria degli armamenti di Hamas vicino a una strada principale nord-sud nel centro di Gaza. Ha aggiunto che il complesso comprende fabbriche di armi e una vasta rete di tunnel utilizzati per spedire armi in tutta Gaza.

La guerra si ripercuote su tutta la regione

La guerra si è diffusa in tutto il Medio Oriente, con gruppi sostenuti dall’Iran che attaccano obiettivi americani e israeliani. I combattimenti a bassa intensità tra Israele e i militanti Hezbollah in Libano minacciano di trasformarsi in una guerra totale, e i ribelli Houthi nello Yemen continuano a prendere di mira le spedizioni internazionali nonostante gli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti.

L’esercito israeliano ha dichiarato di aver lanciato un missile intercettore contro un “bersaglio aereo sospetto” – probabilmente un drone o un missile – in avvicinamento sul Mar Rosso giovedì, facendo scattare le sirene nella città meridionale di Eilat. Gli Houthi lanciarono droni e missili verso Israele, la maggior parte dei quali fallì o fu intercettata e abbattuta.

Allo stesso tempo, l’Iran ha lanciato una serie di attacchi missilistici contro quella che ha descritto come una base di spionaggio israeliana in Iraq e basi militanti in Siria.