Febbraio 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il massimo religioso iraniano afferma che la polizia morale è chiusa

Il massimo religioso iraniano afferma che la polizia morale è chiusa

  • I manifestanti chiedono un boicottaggio economico dal lunedì al mercoledì
  • Raisi visita l’Università di Teheran mercoledì nel giorno dello studente
  • Il Ministero dell’Interno tace sullo status della polizia morale

DUBAI (Reuters) – Domenica i manifestanti in Iran hanno indetto uno sciopero di tre giorni questa settimana, intensificando la pressione sulle autorità dopo che il pubblico ministero ha dichiarato che la polizia morale la cui detenzione di una giovane donna ha scatenato mesi di proteste è stata chiusa. .

Non c’è stata alcuna conferma dal ministero dell’Interno, che è responsabile della polizia morale, e i media statali iraniani hanno affermato che il pubblico ministero Mohammad Jaafar Montazeri non era responsabile della supervisione della forza.

Alti funzionari iraniani hanno ripetutamente affermato che Teheran non cambierà la politica obbligatoria dell’hijab della Repubblica islamica, che richiede alle donne di vestirsi con modestia e indossare il velo, nonostante 11 settimane di proteste contro le rigide regole islamiche.

Centinaia di persone sono state uccise nei disordini scoppiati a settembre in seguito alla morte di Mohsa Amini, una donna iraniano-curda di 22 anni che è stata arrestata dalla polizia morale per aver violato le regole del velo.

I manifestanti che cercano di continuare a sfidare i governanti clericali iraniani hanno chiesto uno sciopero economico di tre giorni e un raduno in piazza Azadi (Libertà) a Teheran mercoledì, secondo singoli post pubblicati da account Twitter Reuters non verificati.

Lo stesso giorno il presidente Ebrahim Raisi terrà un discorso agli studenti a Teheran in occasione della Giornata dello studente in Iran.

Simili appelli a scioperi e mobilitazioni di massa nelle ultime settimane hanno portato a un’escalation di disordini che hanno dilagato nel paese, una delle più grandi proteste antigovernative dai tempi della rivoluzione islamica iraniana del 1979.

READ  La Cina sta minimizzando il nuovo focolaio di coronavirus con una corsa festiva completa

L’agenzia di stampa attivista Hana ha dichiarato che sabato sono stati uccisi 470 manifestanti, di cui 64 minorenni. Ha aggiunto che 18.210 manifestanti sono stati arrestati e 61 forze di sicurezza sono state uccise.

Oggi, sabato, il Consiglio di sicurezza dello Stato del ministero dell’Interno iraniano ha dichiarato che il bilancio delle vittime è di 200, secondo Mizan, un’agenzia affiliata alla magistratura.

Pubblicando sui social media e sui giornali come il quotidiano Sharq, i residenti affermano che nelle ultime settimane ci sono stati meno avvistamenti della polizia morale per le strade poiché le autorità sembrano cercare di evitare di scatenare ulteriori proteste.

Sabato la Labor News Agency semi-ufficiale iraniana ha citato Montazeri che ha affermato che la polizia morale è stata sciolta.

È stato citato dicendo: “La stessa autorità che ha istituito questa polizia l’ha chiusa”. Ha detto che la polizia morale non è soggetta alla giurisdizione della magistratura, che “continua a monitorare il comportamento comportamentale a livello di comunità”.

Il canale televisivo di stato Al-Alam ha affermato che i media stranieri hanno descritto le sue osservazioni come “una ritrattazione da parte della Repubblica islamica della sua posizione sul velo e sulla moralità religiosa a seguito delle proteste”, ma tutto ciò che si può capire dai suoi commenti è questo: la polizia morale non era direttamente collegata alla magistratura.

Esecuzioni

I media statali hanno detto che quattro uomini condannati per aver collaborato con il servizio di intelligence israeliano del Mossad sono stati giustiziati domenica.

L’agenzia di stampa Tasnim ha riferito che sono stati arrestati a giugno – prima che gli attuali disordini dilagassero nel paese – in seguito alla cooperazione tra il ministero dell’Intelligence e le Guardie rivoluzionarie.

READ  Tassi di deforestazione alti, nonostante le promesse della COP26

La Repubblica islamica ha a lungo accusato l’arcinemico Israele di svolgere operazioni segrete sul suo territorio. Di recente, Teheran ha accusato i servizi segreti israeliani e occidentali di aver pianificato una guerra civile in Iran.

L’ufficio del primo ministro in Israele, che sovrintende al Mossad, ha rifiutato di commentare.

Mercoledì, i media statali iraniani hanno riferito che la Corte Suprema del Paese ha confermato la condanna a morte emessa contro i quattro uomini “con l’accusa di collaborazione con i servizi di intelligence del regime sionista e con l’accusa di rapimento”.

L’agenzia di stampa Mehr ha detto che altre tre persone sono state condannate a pene tra i cinque ei 10 anni di carcere dopo essere state giudicate colpevoli di reati tra cui atti contro la sicurezza nazionale, favoreggiamento nel rapimento e possesso di armi illegali.

Reportage di Dubai Newsroom Montaggio di Dominic Evans, Raisa Kasuluski, William Maclean e Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.