Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo Yemen, controllato dai ribelli Houthi, ha lanciato missili balistici contro un cacciatorpediniere americano che stava rispondendo ad un attacco contro una nave cisterna commerciale.

Lo Yemen, controllato dai ribelli Houthi, ha lanciato missili balistici contro un cacciatorpediniere americano che stava rispondendo ad un attacco contro una nave cisterna commerciale.

Marina americana/Bill Mista/Reuters/Archivio

Il cacciatorpediniere lanciamissili della Marina statunitense USS Mason naviga a fianco di una petroliera per il rifornimento della flotta nell’Oceano Atlantico, il 17 luglio 2021.



CNN

L’esercito americano ha annunciato domenica che due missili balistici sono stati lanciati dallo Yemen, controllato dai ribelli Houthi, contro una nave da guerra americana nel Golfo di Aden, dopo che la Marina americana ha risposto a una chiamata di soccorso proveniente da una nave cisterna commerciale sequestrata da uomini armati.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha dichiarato in una nota che la petroliera, denominata Central Park, trasportava un carico di acido fosforico quando il suo equipaggio ha chiesto aiuto “sono stati attaccati da uno sconosciuto”. dichiarazione.

Questo incidente avviene dopo che le forze Houthi, appoggiate dall’Iran, hanno lanciato numerosi attacchi contro gli interessi americani nella regione e contro Israele, dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre, con continui timori in tutta la regione circa la possibilità di un ampliamento della portata della guerra tra Israele e Israele. Hamas.

Houthi A Organizzazione politica e militare sciita Nello Yemen, il paese è bloccato in una guerra civile contro una coalizione sostenuta dall’Arabia Saudita. Hanno espresso il loro sostegno ai palestinesi e organizzato proteste nello Yemen contro l’attacco israeliano a Gaza.

Il cacciatorpediniere lanciamissili USS Mason e le navi alleate della task force antipirateria operante nel Golfo di Aden e al largo delle coste della Somalia hanno risposto alla richiesta di aiuto e “hanno chiesto il rilascio della nave” al suo arrivo. Lo ha detto il Comando Centrale.

Il comunicato pubblicato sulla piattaforma social

READ  Türkiye vota al ballottaggio, Erdogan è in condizione di prolungare la pena

La dichiarazione aggiunge: “Al-Maison ha inseguito gli aggressori, il che ha portato alla loro resa”, senza identificare gli aggressori.

Ore dopo, all’1:41 ora locale di lunedì mattina, due missili balistici sono stati lanciati dalle aree controllate dai ribelli Houthi nello Yemen “verso la posizione generale” della USS Mason e Central Park, si legge nella nota.

La dichiarazione afferma: “I missili sono atterrati nel Golfo di Aden, a circa dieci miglia nautiche dalle navi”.

Il Mason stava finendo di rispondere alla richiesta di soccorso di Central Park al momento del lancio del missile. Ha aggiunto che di conseguenza non ci sono stati danni o lesioni a Central Park o Mason.

Una dichiarazione di Zodiac Maritime, che gestisce Central Park, domenica ha affermato che la petroliera battente bandiera liberiana era al sicuro e che “tutto l’equipaggio, la nave e il carico sono illesi”.

Sembra che la petroliera abbia legami con una compagnia di proprietà israeliana; zodiaco marino Blogger Come filiale della Ofer Global del miliardario israeliano Eyal Ofer, anche se il portavoce di Zodiac Maritime Jani Jarvinen ha affermato domenica che Zodiac “non è di proprietà di Ofer Global”.

La sicurezza del dominio marino è “essenziale per la stabilità regionale”, ha affermato domenica in una dichiarazione il generale Eric Kurella, comandante del comando centrale degli Stati Uniti.

“Continueremo a lavorare con alleati e partner per garantire la sicurezza e la protezione delle rotte marittime internazionali”, ha affermato Kurella.

Dopo l’attacco di Hamas a Israele, gli Stati Uniti hanno sottolineato la priorità di evitare che il conflitto si estenda in un conflitto più ampio nella regione, e le forze americane sono state dispiegate anche in Iraq e Siria. Sotto attacco regolare Da gruppi sostenuti dall’Iran. Tra i gruppi sostenuti da Teheran, gli Houthi destano particolare preoccupazione perché sono più indipendenti dall’Iran rispetto ad altri.

READ  L'economia è una priorità più grande della punizione della Russia: sondaggio AP-NORC

Nonostante l’escalation degli attacchi nella regione, la CNN Ho menzionato in precedenza L’intelligence ha dimostrato che l’Iran e i suoi delegati stanno finora calibrando le loro risposte per evitare un conflitto diretto con gli Stati Uniti o Israele.

Ma nelle ultime settimane, gli Stati Uniti hanno intercettato una serie di missili da crociera e droni d’attacco lanciati dagli Houthi contro risorse israeliane o americane. La settimana scorsa, il cacciatorpediniere statunitense USS Thomas Hudner ha abbattuto diversi droni d’attacco unidirezionali lanciati dallo Yemen mentre era di pattuglia nel Mar Rosso. Anche il 15 novembre Hudner Un drone è stato abbattuto Si ritiene che si stesse dirigendo verso la nave. All’inizio di questo mese, l’IDF Ha detto frustrato Un attacco aereo con missili balistici e droni contro obiettivi in ​​Israele.

La scorsa settimana le forze navali Houthi hanno rinnovato il loro avvertimento in una dichiarazione nei confronti delle navi nel Mar Rosso battenti bandiera israeliana, gestite da compagnie israeliane o di proprietà di israeliani.

Il gruppo ha annunciato la sua intenzione di continuare le operazioni militari contro le navi e gli interessi israeliani finché “l’aggressione israeliana contro Gaza non si fermerà”.

La dichiarazione mette in guardia tutte le unità militari che forniscono protezione alle navi israeliane, indicando che sarebbero considerate obiettivi legittimi per le operazioni Houthi.

Questa è una storia in via di sviluppo ed è stata aggiornata con ulteriori informazioni.