Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Durante la lite sul Partenone, Sunak annulla l’incontro con Mitsotakis

Durante la lite sul Partenone, Sunak annulla l’incontro con Mitsotakis

Negli ultimi due anni, il governo greco ha portato avanti delicate trattative con il British Museum sul futuro dei marmi del Partenone, gli antichi reperti greci portati in Gran Bretagna da Lord Elgin all’inizio del XIX secolo.

Ora, il primo ministro britannico Rishi Sunak sembra voler gettare acqua fredda su quelle discussioni.

Lunedì sera, Sunak ha improvvisamente annullato un incontro su larga scala programmato con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, che avrebbe dovuto svolgersi martedì. Secondo Alla BBCLa decisione è stata presa dopo che Mitsotakis, apparso domenica alla televisione britannica, ha chiesto che il marmo, che comprende statue di divinità greche e pannelli di fregio scolpiti che un tempo adornavano il Partenone, fosse restituito ad Atene.

Signor Mitsotakis Lo ha detto in un programma televisivo della BBC Che le statue erano state rubate e dovevano essere riunite ad Atene. “Dove puoi apprezzare meglio ciò che è essenzialmente un monumento?” Egli ha detto. Ha aggiunto che la situazione attuale, in cui le sculture sono in gran parte divise tra il British Museum di Londra e il Museo dell’Acropoli di Atene, è insoddisfacente, paragonando ciò al taglio della Gioconda in due metà e alla divisione tra due musei.

Mitsotakis ha fatto commenti simili durante tutto il suo mandato, e Sunak ha ripetutamente affermato che non modificherebbe la legge britannica per consentire alle sculture, a volte conosciute come Marmi di Elgin, di lasciare permanentemente il British Museum.

Mitsotakis ha dichiarato in una dichiarazione di essere costernato per il fatto che l’incontro sia stato annullato. Ha detto: “Le posizioni della Grecia sulla questione delle sculture del Partenone sono ben note”. Nel comunicato stampa. “Speravo di avere l’opportunità di discuterne anche con la mia controparte britannica, insieme alle principali sfide del momento internazionale: Gaza, Ucraina, crisi climatica e migrazione”.

READ  Un video di Hamas mostra il rilascio di una donna e di due bambini Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Alla domanda sui motivi dell’annullamento dell’incontro, un portavoce dell’ufficio del signor Sunak ha inviato una dichiarazione affermando che il vice primo ministro era disponibile a incontrare il signor Mitsotakis.

Un portavoce del British Museum ha detto in un’intervista che il museo non ha commentato la decisione del signor Sunak, ma che le conversazioni costruttive continuano.

Per Sunak, il litigio diplomatico con la Grecia è una distrazione sgradita in un momento in cui deve affrontare un’economia stagnante e una disputa nel Partito conservatore sulla politica di immigrazione.

In genere ha instaurato rapporti più amichevoli con gli altri leader europei da quando è diventato primo ministro l’anno scorso. A febbraio è riuscito a risolvere la crisi con l’Unione Europea sullo status commerciale dell’Irlanda del Nord dopo la sua uscita dall’Unione Europea.

Ma i politici conservatori sostengono da tempo che le sculture del Partenone fanno parte della collezione permanente del British Museum e non possono essere semplicemente restituite alla Grecia, qualunque sia la loro provenienza.

Lunedì sera, Giorgos Gerapetritis, ministro degli Esteri greco, ha dichiarato durante una conferenza alla London School of Economics che non crede che la disputa sul futuro delle sculture sia un motivo “legittimo” per annullare un incontro di alto livello.