Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esercito americano ritira le sue forze dal Niger

L’esercito americano ritira le sue forze dal Niger

Più di 1.000 soldati statunitensi lasceranno il Niger nei prossimi mesi, ribaltando la politica antiterrorismo e di sicurezza degli Stati Uniti nella travagliata regione africana del Sahel, hanno detto venerdì funzionari dell’amministrazione Biden.

Nel secondo dei due incontri di questa settimana a Washington, il vice segretario di Stato Kurt Campbell ha detto al primo ministro del Niger, Ali Lamine Zein, che gli Stati Uniti non sono d'accordo con il paese che si rivolge alla Russia per la sicurezza e all'Iran per un potenziale accordo sull'uranio. riserve, e l’incapacità del governo militare del Niger di tracciare un percorso di ritorno alla democrazia, secondo un alto funzionario del Dipartimento di Stato, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere i colloqui diplomatici.

La decisione non è stata una sorpresa particolare. Il Niger ha dichiarato il mese scorso che avrebbe annullato il suo accordo di cooperazione militare con gli Stati Uniti dopo una serie di controversi incontri nella capitale del Niger, Niamey, con una delegazione diplomatica e militare americana di alto livello.

Questo passo è in linea con il recente modello seguito dai paesi della regione del Sahel, una regione arida a sud del Sahara, di tagliare i legami con i paesi occidentali. Stanno invece collaborando sempre più spesso con la Russia.

Funzionari americani hanno affermato che i diplomatici americani hanno cercato nelle ultime settimane di salvare il rinnovato accordo di cooperazione militare con il governo militare del Niger, ma alla fine non sono riusciti a raggiungere un compromesso.

I colloqui fallirono nel mezzo di una crescente ondata di risentimento nei confronti della presenza americana in Niger. Migliaia di manifestanti nella capitale sabato scorso hanno chiesto il ritiro del personale delle forze armate statunitensi, pochi giorni dopo che la Russia ha consegnato all'esercito del paese il proprio lotto di equipaggiamento militare e addestratori.

READ  Erdogan e Kilicdaroglu alle strette elezioni presidenziali

Il rifiuto del Niger di stabilire legami militari con gli Stati Uniti arriva dopo il ritiro delle sue forze dalla Francia, l'ex potenza coloniale che negli ultimi dieci anni ha guidato gli sforzi di antiterrorismo straniero contro i gruppi jihadisti nell'Africa occidentale, ma recentemente è stata vista come un paria in la Regione. .

Funzionari statunitensi hanno detto venerdì che le discussioni con il Niger per pianificare un “ritiro ordinato e responsabile” delle forze inizieranno nei prossimi giorni e che il processo richiederà mesi per essere completato.

Molti degli americani dispiegati in Niger sono di stanza presso la base aerea statunitense 201, una struttura da 110 milioni di dollari fondata sei anni fa situata nel deserto settentrionale del paese. Ma dal colpo di stato militare che ha deposto il presidente Mohamed Bazoum e ha insediato una giunta lo scorso luglio, le forze sono rimaste inattive, con la maggior parte dei droni MQ-9 Reaper a terra, ad eccezione di quelli che svolgono missioni di sorveglianza per proteggere le forze statunitensi.

Non è chiaro quale accesso gli Stati Uniti avranno eventualmente alla base in futuro, e se i consiglieri russi e forse anche l’aeronautica russa agiranno se i legami del Niger con il Cremlino si approfondiranno.

A causa del colpo di stato, gli Stati Uniti furono costretti a sospendere le operazioni di sicurezza e gli aiuti allo sviluppo in Niger. Il signor Bazoum rimane in detenzione, otto mesi dopo la sua cacciata. Tuttavia, gli Stati Uniti desideravano mantenere la loro partnership con il paese.

Ma l’arrivo a sorpresa di 100 addestratori e sistemi di difesa aerea russi in Niger la scorsa settimana ha reso meno probabili le possibilità di una cooperazione a breve termine. Secondo l'agenzia statale russa RIA Novosti, il personale russo fa parte dell'Africa Corps, la nuova struttura paramilitare che mira a sostituire il Gruppo Wagner, la compagnia militare i cui mercenari e operazioni sono dispiegati in Africa sotto il comando di Yevgeny V . Prigozhin, morto in un incidente aereo l'anno scorso.

READ  Gli sfollati di Gaza arrivano in Egitto attraverso il valico di Rafah: aggiornamenti in tempo reale tra Israele e Hamas

Sabato i manifestanti a Niamey hanno sventolato bandiere russe così come quelle del Burkina Faso e del Mali, due paesi vicini i cui governi a guida militare hanno anche chiesto aiuto russo per combattere i ribelli legati allo Stato islamico e ad al-Qaeda.

Funzionari americani affermano che da mesi cercano di impedire una rottura ufficiale nei rapporti con la giunta militare del Niger.

La nuova ambasciatrice statunitense in Niger, Kathleen Fitzgibbon, una delle maggiori esperte di Washington sull'Africa, ha avuto regolari colloqui con la giunta da quando è entrata ufficialmente in carica all'inizio dell'anno.

Durante un viaggio in Niger a dicembre, Molly Fee, vicesegretario di Stato per gli affari africani, ha affermato che gli Stati Uniti intendono riprendere la cooperazione in materia di sicurezza e sviluppo con il Niger, anche se ha chiesto una rapida transizione al governo civile e il rilascio del sig. Morsi. Bazoum.

Ma il Pentagono stava pianificando il peggio se i colloqui fossero falliti. Il Dipartimento della Difesa sta discutendo la creazione di nuove basi di droni con diversi paesi costieri dell’Africa occidentale come backup della base in Niger, un paese senza sbocco sul mare. Funzionari militari, che hanno parlato a condizione di anonimato per discutere questioni operative, hanno affermato che i colloqui sono ancora nella fase iniziale.

Funzionari e diplomatici attuali ed ex della sicurezza hanno affermato che la posizione strategicamente importante del Niger e la volontà di entrare in una partnership con Washington saranno difficili da sostituire.

“Mentre la gente comune del Niger sopporterà il peso delle conseguenze del ritiro militare americano e della conseguente perdita di interesse politico e diplomatico, anche gli Stati Uniti e i suoi alleati perderanno”, ha affermato J. Peter Pham, ex inviato speciale degli Stati Uniti in Nigeria. il Sahel, ha affermato in una e-mail, risorse militari strategiche che saranno molto difficili da sostituire, almeno nel breve termine.

READ  Il ministro degli Esteri tedesco annulla il volo in Australia dopo il "disastro" aereo