Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’eroico sforzo difensivo di Matt Chapman innesca il ritorno dei Giants: NBC Sports Bay Area e California

L’eroico sforzo difensivo di Matt Chapman innesca il ritorno dei Giants: NBC Sports Bay Area e California

Matt Chapman si è guadagnato la reputazione di eminente terza base difensiva della Major League Baseball, ma la sua giocata rivoluzionaria potrebbe essere stata quella vincente nell’emozionante vittoria per 8-7 dei Giants sui New York Mets venerdì sera al Citi Field.

Con San Francisco aggrappato a un punto di vantaggio nella parte inferiore del nono, il terzo base dei Mets Mark Ventus è entrato nell’area di battuta affrontando un conteggio di 3-2 con due eliminati e le basi caricate. Vientos ha colpito un rullo lento lungo la linea della terza base ed è apparso brevemente per mettere la palla in un punto in cui un cornerback normalmente non caricherebbe e non farebbe una giocata. il problema? Chapman non è il tipico terzo base.

Chapman ha lanciato un tiro a mani nude che è stato colto da terra in modo mozzafiato dal prima base Lamonte Wade Jr., battendo di poco Ventus e regalando ai Giants la terza vittoria consecutiva in rimonta dopo che San Francisco era in svantaggio a almeno quattro punti in ogni partita.

Dopo l’emozionante vittoria, Chapman ha rivelato che i suoi atti eroici nel nono inning sono stati i più drammatici di sempre dopo aver effettuato una giocata difensiva sul diamante.

“Penso che sia il momento più eccitato che abbia mai provato dopo uno spettacolo”, ha detto Chapman ai giornalisti. “Ovviamente la situazione e come sono andate queste ultime quattro partite [has] Erano solo giochi pazzeschi. Essere in grado di giocare in difesa in quel modo, con le basi cariche, con il gioco in gioco, penso che probabilmente sia sicuramente la cosa migliore. In un certo senso mi sono sorpreso un po’ lì. “È stato molto divertente e sono felice che abbiamo ottenuto questa vittoria.”

READ  Ten Hag sale dall'inseguimento di De Jong nel Man United. Neymar è disponibile presso il Paris Saint-Germain

Il terzo base dell’All-Star ha dettagliato il suo processo di pensiero mentre caricava la palla, rivelando la natura “fai o muori” del suo tentativo.

“Perdiamo la palla e poi il ragazzo della terza base continua a correre e noi perdiamo o buttiamo via la palla”, ha spiegato Chapman. “Ma in quel momento pensavo di poter giocare. Ho detto nella mia testa: ‘Okay, o vinciamo questa partita o la perdiamo qui.’

Anche se la superiore fiducia in se stesso di Chapman alla fine ha vinto la partita per i Giants, il manager Bob Melvin ha condiviso che non pensava che il terzo base avesse la possibilità di fare un gioco sulla palla.

“Questa è una palla su cui speri possa commettere fallo, non è una palla su cui giochi”, ha detto Melvin ai giornalisti dopo la vittoria di venerdì. “Quindi ad un certo punto, deve vedere se ha una possibilità, e non pensavo che lo facesse. E l’ho visto fare ogni giocata che abbia mai fatto.”

Melvin si è anche assicurato di enfatizzare il contributo di Wade Jr.. Nella partita finale della partita, evidenziando la difficoltà di raccogliere quella palla dallo sporco in modo pulito per segnare la partita finale.

“Ottimo su entrambi i lati”, ha detto Melvin. “È un gioco “fai o muori”. Ti allunghi così tanto per prendere la palla e questa ti supera. È una perdita.”

Chapman ha sicuramente guidato l’attacco durante la recente serie di vittorie consecutive di San Francisco, ma è stato anche veloce nel dare credito al ruolo di Wade Jr. nel gioco difensivo che ha fermato lo spettacolo.

READ  Bill Belichick: I Ravens hanno scambiato Malik Cunningham a causa della sua adattabilità alla loro offensiva

“Incredibile”, ha detto Chapman riguardo all’impegno di Wade nello spettacolo. “Avrebbe potuto facilmente togliersi il guanto [and] Stiamo perdendo. Ha resistito, ha fatto una buona scelta ed è rimasto alla base. “Questa commedia non esisterebbe senza di lui.”

Il ricevitore Patrick Bailey si è mostrato sulla buona strada per fornire ciò che non c’erano dubbi È stato È stata la giocata più emozionante della partita, quando ha dato il via al via in cima all’ottavo posto dando ai Giants un vantaggio di 7–6 dopo essere entrata nell’inning sotto di quattro punti.

Mentre la mazza di Bailey forniva molta potenza, il ricevitore dei Giants si è affrettato a elogiare gli sforzi difensivi di Chapman e Wade Jr. dopo la vittoria di venerdì.

“Oh mio Dio, è stata una delle migliori giocate che abbia mai visto su un campo da baseball, cosa [Chapman] “L’ho fatto in quella situazione, in quella giocata”, ha detto Bailey al “Giants Postgame Live”. “E poi dall’altra parte con LaMonte che lo ha raccolto. Voglio dire, è stata una grande vittoria.”

L’improbabile vittoria ha portato i Giants a .500 per la prima volta dal 31 marzo. – Quattro partite nella stagione MLB 2024 quando si siedono sul 2-2.

La vittoria di venerdì è stata la settima del San Francisco nelle ultime otto partite, una serie di vittorie consecutive innescata dall’attacco, non dai tiri, che ha guidato la squadra attraverso il primo tratto della stagione.

I Giants hanno una media di sette punti a partita nelle ultime otto gare, il che fa sorgere la domanda: come sarebbe questa squadra se fossero in grado di sincronizzare questa produzione offensiva di qualità con la qualità dei lanci che li ha portati a iniziare la stagione?

Non guardare adesso, ma i Giants che non dicono mai di morire sono solo a metà partita dal terzo posto nella Wild Card della NL, e si stanno incredibilmente trasformando in una squadra che nessuno vuole affrontare il prossimo ottobre, soprattutto se continuano la loro propensione per i campioni.

San Francisco ha resistito a un turbinio di infortuni e cambi di formazione, ma i Giants sono emersi da un tumultuoso inizio di stagione con forse la risorsa più importante che una squadra di baseball può avere: la ferma convinzione che nessun deficit è troppo grande e nessuna partita è fuori gioco. giocare. Dall’arrivo fino al ventisettesimo viene effettuato il checkout definitivo.

Gli anni d’oro della dinastia di San Francisco sono stati costruiti sulla “tortura” e, visto come stanno andando le cose, puoi contare su un’altra estate dai traguardi entusiasmanti.

Scarica e segui il podcast Giants Talk