Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le principali tendenze dei playoff degli Oilers, con l’avvicinarsi delle finali della Western Conference

Le principali tendenze dei playoff degli Oilers, con l’avvicinarsi delle finali della Western Conference

Gli Edmonton Oilers sono tornati alle finali della Western Conference, battendo i Vancouver Canucks 3-2 in Gara 7 della serie del secondo turno.

La vittoria di Edmonton dà il via alla resa dei conti con i Dallas Stars, che hanno sconfitto i Colorado Avalanche in sei partite.

Ecco i punti salienti della corsa degli Oilers finora e come se la caveranno contro le Stelle nel prossimo turno:

Entrambe le squadre speciali degli Oilers si sono dimostrate d’élite

È possibile che ciò che hanno fatto i Canucks nei Giochi 5 e 6 possa aver fornito una sorta di modello su come rallentare almeno il gioco di potere degli Oilers. Ma fino ad allora, gli Oilers hanno sfruttato questa stagione per dimostrare ancora una volta perché sono stati una delle principali unità di power play della NHL nelle ultime stagioni.

Entrando in Gara 7, gli Oilers avevano la migliore unità di power play della NHL, con una percentuale di successo del 36,8% alimentata da Leon Draisaitl che ha segnato sei dei loro 14 gol mentre Connor McDavid ha ottenuto 10 assist.

Ma per chiunque pensi che il gioco di potere sia l’unico vantaggio degli Oilers nelle squadre speciali, indovina di nuovo. Il rigore ucciso dagli Oilers è stato anche il migliore della NHL nella postseason, con una percentuale di successo superiore al 90%. Mattias Ekholm, Vincent Desharnais, Matthias Janmark e Ryan Nugent-Hopkins svolgono tutti un ruolo fondamentale nel mettere a segno l’uccisione, registrando più di 20 minuti in quelle brevi sequenze nella postseason.

READ  I New Orleans Saints inciampano con la sconfitta casalinga contro i Baltimore Ravens | NFL

Che differenza fa un anno

Torniamo a quello che è successo agli Oilers quando furono eliminati al secondo turno la scorsa stagione.

Uno dei problemi che dovettero affrontare in quel momento fu trovare coerenza difensiva. Hanno concesso il sesto maggior numero di gol a partita (3,50), l’ottavo maggior numero di tiri a partita (31,5) e hanno avuto una media di rigori eliminati (75,6%).

Una delle domande che gli Oilers hanno dovuto affrontare nella scorsa offseason era quali lezioni avrebbero imparato dalla loro uscita al secondo turno.

Con l’arrivo dell’allenatore Kris Knoblauch in offseason, gli Oilers hanno ritrovato quella coerenza difensiva e sono passati ai playoff. Entrando in Gara 7, gli Oilers avevano concesso il nono maggior numero di gol a partita, a 2,82, mentre avevano concesso il minor numero di tiri a partita, a 21,2. Come accennato in precedenza, i rigori sono al primo posto nella postseason.


Come si esibirà Stuart Skinner sul grande palco?

Nessun Oiler è arrivato in questa stagione affrontando più domande di Skinner, e questa sarà la serie più importante della sua carriera. È stato ritirato per le ultime tre partite della loro eliminazione al secondo turno l’anno scorso, con la sua prestazione ritenuta fondamentale per il successo degli Oilers.

Dopo essere stato ritirato in Gara 3 contro i Canucks, Skinner è tornato in Gara 6 e ha fermato tutti i tiri tranne uno nella vittoria del pareggio in serie della sua squadra.

Ma come se la caverà Skinner ora che è passato dall’affrontare una squadra con il minor numero di tiri di media nei playoff a una squadra con la seconda media più bassa (dietro agli stessi Oilers)? Tieni presente che il portiere con cui gareggia, Jake Oettinger, è un favorito per Conn Smythe ed è tra i primi tre in diverse categorie.

READ  I D-backs consentono 10 punti nella sconfitta in Gara 2 dell'NLCS del 2023

I riflettori sono puntati direttamente su Skinner.


Il punteggio secondario degli Oilers verrà visualizzato nelle finali della conference?

Evan Bouchard, Zach Hyman, Draisaitl e McDavid hanno segnato il 64% dei gol degli Oilers negli ultimi playoff. Quest’anno, questo quartetto si è unito per segnare il 66% dei gol degli Oilers in Gara 7. Sebbene McDavid abbia segnato solo due di questi gol, ciò crea dubbi su cosa possono fare gli Oilers per trovare gol secondari e a tripla cifra contro le Stelle. Ciò ha fatto sì che tutti i giocatori tranne uno segnassero un punto durante queste qualificazioni.

Le ultime sei formazioni utilizzate dagli Oilers in Gara 7 si sono combinate per segnare due gol con entrambi i gol appartenenti a Warren Voegele e Matthijs Janmark. È un netto contrasto considerando che la terza coppia difensiva degli Oilers composta da Codi Ceci e Brett Kulak ha segnato due gol, con Ceci che ha segnato in Gara 7 portando il totale a tre.


Come gli Oilers si confrontano con le Stelle

Bilancio della stagione regolare contro DAL: 1-2-0

Una squadra è stata la più prolifica in questi playoff, mentre l’altra è stata una delle migliori nel prevenire i gol durante la postseason.

E questo è solo uno dei prismi attraverso i quali vedere le finali della Oilers-Stars Conference.

READ  Baltimore Ravens vs Washington Chiefs Punteggio in diretta e statistiche - 21 agosto 2023

Anche se segnare rimane un segno distintivo degli Oilers, hanno usato questi playoff per dimostrare che anche la loro struttura difensiva può produrre risultati. Continuare a fare affidamento su questi principi potrebbe rivelarsi utile contro una squadra di Stars che è anche capace di vincere le partite in vari modi.

E se Skinner potesse fornire alla rete il tipo di stabilità che può almeno eguagliare Oettinger? Potrebbe essere sufficiente per spingere gli Oilers alla loro prima finale della Stanley Cup dal 2006.