Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le obbligazioni si divertono a parlare di tagli dei tassi della Fed

Le obbligazioni si divertono a parlare di tagli dei tassi della Fed

  • I rendimenti dei titoli del Tesoro a due anni hanno toccato i minimi di 4 mesi
  • I rendimenti dei titoli sovrani nell’area dell’euro sono diminuiti
  • L’indice Euro Stoxx 600 è salito
  • Il dollaro scivola ampiamente; L’oro tocca il massimo degli ultimi 7 mesi
  • Le azioni globali sono aumentate di quasi il 9% a novembre

LONDRA/SINGAPORE (Reuters) – I rendimenti dei titoli del Tesoro e il dollaro hanno toccato i minimi da molti mesi mercoledì dopo che un funzionario della Federal Reserve ha dato nuove indicazioni su un taglio dei tassi di interesse, mentre i titoli azionari sono stati contrastati a livello globale.

I futures sui fondi federali sono aumentati sulla scia dei commenti che fissano tagli a più di cento punti base nel 2024 e una probabilità del 40% che inizino già a marzo. I rendimenti dei titoli del Tesoro a due anni sono scesi bruscamente e hanno toccato nuovi minimi nella sessione asiatica.

Il rendimento delle obbligazioni a due anni ha raggiunto il livello più basso da metà luglio al 4,69%, mentre il rendimento dei titoli di riferimento a 10 anni è sceso di 6 punti base al livello più basso da settembre al 4,28%.

Anche i rendimenti dei titoli sovrani nella zona euro sono diminuiti e i mercati hanno aumentato le loro scommesse sui tagli dei tassi di interesse dopo che i dati provenienti dal Nord Reno-Westfalia, lo stato più popoloso della Germania, hanno sostenuto le aspettative di un calo dell’inflazione tedesca.

Nelle ultime transazioni il dollaro è sceso dello 0,1% a 147,33 yen, dopo essere stato scambiato all’inizio della giornata al livello più basso dal 12 settembre a 146,68. Ha toccato il livello più basso in tre mesi e mezzo a 1,1017 dollari per euro.

READ  Bull on track ritarda il servizio NJ Transit tra New York City e Newark

Il governatore della Federal Reserve Christopher Waller – voce influente ed ex falco della banca centrale statunitense – ha dichiarato martedì all’American Enterprise Institute che i tagli dei tassi di interesse potrebbero iniziare entro pochi mesi, a condizione che l’inflazione continui a diminuire.

I commenti di Waller hanno fatto eco ai precedenti commenti fatti dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell.

“I commenti degli Stati Uniti sono stati immediatamente presi in considerazione”, ha affermato Robert Alster, chief investment officer di Close Brothers Asset Management, aggiungendo che le banche centrali delle principali economie di tutto il mondo hanno iniziato a offrire “note miste” sull’inflazione.

“Gli Stati Uniti sono aggressivi, il Regno Unito è neutrale o neutrale e gli europei sono piuttosto aggressivi”.

Le azioni europee (.STOXX) sono aumentate dello 0,1% nei primi scambi, e le azioni di Francoforte (.GDAXI) hanno guidato i guadagni dopo i dati tedeschi.

L’indice MSCI World Equity (.MIWD00000PUS), che replica le azioni di 47 paesi, è rimasto in linea con un guadagno dell’8,7% questo mese, il livello migliore in tre anni.

In precedenza, il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) aveva raggiunto brevemente il massimo di una settimana, prima che la debolezza dei titoli tecnologici di Hong Kong portasse a una perdita dello 0,2%.

Il dollaro neozelandese è aumentato negli ultimi scambi dello 0,9%, dopo aver superato il livello di resistenza per raggiungere il massimo di quattro mesi di 62 centesimi di dollaro. Mercoledì la banca centrale della Nuova Zelanda ha alzato leggermente le sue previsioni sui tassi di interesse e ha avvertito che gli aumenti potrebbero non finire.

READ  Il barometro economico avverte presto di una recessione negli Stati Uniti

Anche l’euro, lo yen, la sterlina, il dollaro australiano, lo yuan, il franco svizzero e una serie di valute dei mercati emergenti asiatici hanno raggiunto nuovi massimi plurimestrali rispetto al dollaro, mentre l’oro è salito al massimo di sette mesi sopra i 2.501 dollari l’oncia.

“le condizioni”

I commenti di Waller continuano l’impennata di due settimane di azioni e obbligazioni in tutto il mondo dalla pubblicazione del rapporto favorevole sull’inflazione negli Stati Uniti due settimane fa – ad eccezione della Cina, dove i dubbi sull’economia e il peggioramento della crisi immobiliare hanno portato al pessimismo degli investitori. .

“Sorprendentemente franco”, è così che gli analisti di Deutsche Bank hanno descritto i commenti. “Questo è stato interpretato come un ulteriore segnale che la Fed ha alzato i tassi di interesse”, hanno aggiunto in una nota ai clienti.

L’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è sceso del 2,4% e finora è sceso dello 0,4% a novembre. Non registrava un mese positivo da luglio.

Alcuni analisti temono che i mercati siano stati influenzati da parti dei commenti dei funzionari della Fed – che suggerivano possibili tagli dei tassi di interesse – sebbene i commenti fossero condizionati a ulteriori cali dell’inflazione e al mantenimento di condizioni finanziarie restrittive.

“Le scommesse dovrebbero essere guidate dalla condizione che la politica sia adeguatamente aggressiva, e non indulgere nell’abbandonare l’eccessiva fiducia che la Fed lo abbia fatto”, ha affermato l’economista Vishnu Varathan di Mizuho.

Altrove, l’inflazione australiana è scesa più del previsto.

I futures del greggio Brent si sono attestati a 81,74 dollari al barile in vista della riunione cruciale dell’OPEC+ di giovedì per determinare la politica di produzione nei prossimi mesi, ma i prezzi si stanno dirigendo verso un calo mensile.

READ  Samsung e ASML intendono costruire una fabbrica di chip avanzata in Corea del Sud

(Segnalazione di Tom Wilson a Londra e Tom Westbrook a Singapore – Preparazione di Mohammed per il bollettino arabo) Montaggio di Simon Cameron-Moore, Kim Coghill e Miral Fahmy

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Tom si occupa di società, regolamentazione e mercati di criptovalute da Londra, con un focus fino al 2022 sull’exchange di criptovalute Binance. Lavora alla Reuters dal 2014, con un precedente lavoro a Tokyo dove ha denunciato gli abusi nel sistema di immigrazione giapponese e ha vinto un premio congiunto del Foreign Press Club per il suo reportage sul colosso del tabacco Philip Morris.

Tom riferisce da Singapore sui mercati finanziari asiatici, fornendo rapporti giornalieri di mercato e articoli approfonditi sul trading di azioni, obbligazioni e forex. Collabora alla newsletter Morning Bid. In precedenza è stato corrispondente di notizie aziendali e generali a Sydney e corrispondente per News Ltd. Contatto: +6588797244