Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le misteriose palline di Dyson potrebbero avere un’altra spiegazione, dicono gli scienziati: ScienceAlert

Le misteriose palline di Dyson potrebbero avere un’altra spiegazione, dicono gli scienziati: ScienceAlert

Le sfere Dyson sono state una sconcertante digressione nella ricerca dell’intelligenza aliena. Recentemente sono state identificate sette stelle come possibili candidate, la maggior parte della loro radiazione emette nella lunghezza d’onda dell’infrarosso.

Questo è probabilmente un segno di calore proveniente dalla disposizione della navicella spaziale attorno alla stella, ma sfortunatamente un nuovo articolo ha un’altra spiegazione, leggermente meno entusiasmante; Galassie che bloccano la polvere.

Esistono diversi modi per dare la caccia agli alieni e uno di questi è cercare segni di progetti su larga scala nello spazio. Inserisci il dominio Dyson. L’idea fu proposta per la prima volta da Freeman Dyson nel 1960 per descrivere che le civiltà avanzate avrebbero collocato complessi energetici e persino habitat attorno a una stella per sfruttarne il potere.

Alla fine, questa infrastruttura probabilmente circonderebbe l’intera stella e Dyson pensò che sarebbe stato possibile rilevare una firma come un eccesso di luce infrarossa.

I risultati del Progetto Hephaestus hanno rivelato le sette stelle di tipo M da un campione di 5 milioni di stelle scoperte da Gaia. Il satellite astronomico è stato utilizzato per mappare le stelle della Via Lattea ed è stato di grande beneficio per molte ricerche.

I dati di 2MASS (Nine Micron Sky Survey) e WISE (Wide Field Infrared Survey Explorer) sono stati utilizzati anche per identificare le stelle che sembrano mostrare l’eccesso previsto di radiazione infrarossa.

Immagini WISE di galassie oscurate dalla polvere. (NASA/JPL-Caltech/UCLA)

In L’ultimo foglio L’autore principale Tongtian Ren e il suo team hanno esplorato i risultati del progetto e approfondito la potenziale natura delle aree candidate. Il team ha confrontato le informazioni provenienti dai dati del Very Large Sky Survey (VLASS) e da numerose altre indagini radio del cielo.

READ  La Valles Marineris di Marte, 20 volte più ampia del Grand Canyon, è visibile in nuove straordinarie foto

Hanno cercato sorgenti radio entro un raggio di 10 secondi d’arco dai siti Gaia dei candidati. Si noti che la luna piena ha un diametro di 1860 secondi d’arco.

Sono state trovate fonti radio per tre dei candidati, A, B e G. La precisione delle sorgenti era rispettivamente entro 4,9, 0,4 e 5 secondi d’arco e il candidato G è stato trovato in molteplici rilevamenti radio. La conclusione del team è che è improbabile che le sette stelle siano palline di Dyson ma siano invece una sorta di fenomeno extragalattico. La spiegazione più probabile è la presenza di una galassia lontana oscurata dalla polvere!

La presenza di polvere contaminerebbe la distribuzione dell’energia infrarossa negli spettri dei due oggetti. Si ritiene che anche l’altro candidato, il candidato B, sia una galassia distante, ma si trova all’interno di una linea di vista molto ravvicinata di una stella nana di tipo M.

Molto simile ai Candidati A e B, il Candidato G ha uno spettro che rivela forti nuclei galattici attivi con getti ultraleggeri che si estendono verso l’esterno. Le galassie sono probabilmente quasar distanti che emettono enormi quantità di radiazioni, ma nubi opache di polvere calda bloccano la maggior parte della radiazione, ad eccezione degli infrarossi.

E gli altri quattro candidati? Ad oggi non è stata trovata alcuna sorgente radio corrispondente. Ciò non significa che il modello di una galassia calda e avvolta dalla polvere sia una spiegazione insufficiente, ma piuttosto che sono necessarie indagini radio potenzialmente a risoluzione più elevata.

Naturalmente può anche darsi che si tratti di campi tecnologici in orbita attorno a stelle lontane. Per quanto mi piacerebbe che ciò fosse vero, non ce n’è ancora alcuna prova.

READ  Gli scienziati scoprono un fenomeno invisibile

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da L’universo oggi. sta leggendo Articolo originale.