Dicembre 7, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le forze ucraine si arrendono a Mariupol registrati come prigionieri di guerra

Le forze ucraine si arrendono a Mariupol registrati come prigionieri di guerra

Kiev, Ucraina (AFP) – Il destino di centinaia di combattenti ucraini che si sono arresi giovedì dopo aver resistito agli attacchi punitivi all’acciaieria di Mariupol è stato interrotto tra i timori internazionali che i russi potessero adottare misure di ritorsione contro i prigionieri.

Il CICR ha raccolto informazioni personali da centinaia di soldati – nome, data di nascita e parenti – e li ha registrati come prigionieri di guerra, nell’ambito del suo ruolo nell’assicurare il trattamento umano dei prigionieri di guerra ai sensi delle Convenzioni di Ginevra.

Amnesty International ha affermato in un tweet su Twitter che i soldati ucraini sono ora prigionieri di guerra e quindi “non dovrebbero essere sottoposti ad alcuna forma di tortura o maltrattamento”.

Più di 1.700 difensori dell’acciaieria Azovstal a Mariupol si sono arresi da lunedì, hanno detto le autorità russe, in quella che sembra essere la fase finale di un assedio di quasi tre mesi della città portuale ormai distrutta.

I russi hanno spostato almeno alcuni dei combattenti in un’ex colonia penale in un’area controllata dai separatisti sostenuti da Mosca. Altri sono stati portati in ospedale, secondo un funzionario separatista.

Ma un numero sconosciuto è rimasto nei bunker dei bunker e nei tunnel della fabbrica tentacolare.

E in un breve videomessaggio, il vice comandante del reggimento Azov, che comandava la difesa dell’acciaieria, ha affermato che lui e altri combattenti erano ancora all’interno.

“C’è un processo in corso e non annuncerò i suoi dettagli”, ha affermato Svyatoslav Ballamar.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha affermato che sta lavorando per garantire che “le forze internazionali più influenti siano informate e partecipino, per quanto possibile, al salvataggio delle nostre forze”.

Mentre l’Ucraina sperava in uno scambio di prigionieri, le autorità russe hanno minacciato di indagare e processare alcuni combattenti dell’Azovstal per crimini di guerra, definendoli “nazisti” e criminali.

Il Cremlino ha sequestrato i beni di estrema destra del reggimento Azov come parte di un tentativo di ritrarre l’invasione russa come una battaglia contro l’influenza nazista in Ucraina.

READ  Gli oligarchi russi hanno standard incredibili

Intanto il primo processo per crimini di guerra Trattenuto dall’Ucraina, un soldato russo catturato ha testimoniato di aver sparato alla testa a un civile disarmato per ordine di un ufficiale e ha chiesto alla vedova della vittima di perdonarlo. Il soldato si è dichiarato colpevole all’inizio della settimana, ma i pubblici ministeri hanno presentato prove contro di lui in linea con la legge ucraina.

miniatura del video di YouTube

Nella regione di Poltava, giovedì sono comparsi in tribunale altri due soldati russi accusati di crimini di guerra per aver bombardato civili. I pubblici ministeri hanno affermato che entrambi si sono dichiarati colpevoli. La prossima udienza del loro caso è fissata per il 26 maggio.

Inoltre, più aiuti statunitensi Sembrava essere in viaggio per l’Ucraina quando il Senato ha approvato in modo schiacciante un pacchetto di 40 miliardi di dollari di aiuti militari ed economici al paese e ai suoi alleati. La Camera ha votato a favore la scorsa settimana. La rapida firma del presidente Joe Biden è stata assicurata.

“L’aiuto è in arrivo, davvero un grande aiuto. Un aiuto che può garantire la vittoria degli ucraini”, ha detto il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer.

La cattura dell’acciaieria Azovstal consentirebbe alla Russia di rivendicare il controllo completo di Mariupol e di assicurarsi una vittoria tanto attesa. Ma sarebbe una vittoria per lo più simbolica a questo punto, perché la città è già nelle mani di Mosca e gli analisti affermano che la maggior parte delle forze russe impegnate nella battaglia se ne sono già andate.

Le forze di Kiev, sostenute dalle armi occidentali, hanno contrastato l’obiettivo iniziale della Russia di assaltare la capitale, Kiev, Hanno formato una dura resistenza contro le forze di Mosca nel Donbass, la regione industriale orientale che il presidente Vladimir Putin aveva mirato a catturare.

READ  I veterinari vogliono che le persone smettano di comprare bulldog inglesi "malsani".

L’improvviso successo delle forze ucraine ha rafforzato la fiducia di Kiev.

“Non offrirci un cessate il fuoco: questo è impossibile senza il ritiro completo delle forze russe”, ha detto in un tweet a Mosca Mikhailo Podolak, un consigliere di Zelensky che è stato coinvolto in diversi round di colloqui con la Russia.

“Fino a quando la Russia non sarà pronta a liberare completamente i territori occupati, la nostra squadra negoziale sarà composta da armi, sanzioni e denaro”, ha scritto.

Tuttavia, la Russia ha espresso ancora una volta la sua intenzione di integrare o almeno mantenere la sua influenza nelle aree conquistate dalle sue forze.

Il vice primo ministro Marat Khosnolin questa settimana ha visitato le regioni di Kherson e Zaporizhia, gran parte delle quali era sotto il controllo delle forze russe da poco dopo l’inizio dell’invasione a febbraio. È stato citato dalle agenzie di stampa russe dicendo che i territori potrebbero diventare parte della nostra “famiglia russa”.

Inoltre, Volodymyr Saldo, il capo della regione di Kherson insediato dal Cremlino, è apparso in un video su Telegram dicendo che Kherson “diventerà un suddito della Federazione Russa”.

In altri sviluppi, il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, ha parlato al telefono giovedì con la sua controparte russa per la prima volta dall’inizio della guerra, e hanno deciso di mantenere aperte le linee di comunicazione, secondo il Pentagono. .

Sul campo di battaglia, l’esercito ucraino ha affermato che le forze russe hanno intensificato la loro offensiva in varie sezioni del fronte nel Donbass ma sono state respinte. Il governatore della regione di Luhansk ha affermato che i bombardamenti russi hanno ucciso quattro civili, mentre le autorità separatiste di Donetsk hanno affermato che i bombardamenti ucraini ne hanno uccisi due.

Zelensky ha detto che 12 persone sono state uccise e dozzine ferite nella città di Severodonetsk, e gli attacchi alla regione nord-orientale di Chernihiv hanno incluso un violento assalto al villaggio di Desna, con molti soccorritori uccisi e che stanno ancora passando tra le macerie.

READ  L'ultimo a Kherson: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra Russia-Ucraina

Sul lato russo del confine, il governatore della regione di Kursk ha detto che un camionista è stato ucciso dai bombardamenti dall’Ucraina.

Al processo per crimini di guerra a KievIl sergente Vadim Shishimarin, un membro di 21 anni di un’unità di carri armati russi, ha detto alla corte di aver sparato alla testa a Oleksandr Shelipov, un civile ucraino di 62 anni, per ordine di un ufficiale.

Shishimarin ha detto di aver disobbedito al primo comando, ma ha sentito di non avere altra scelta che obbedire quando un altro ufficiale lo ha ripetuto. Ha detto che gli era stato detto che l’uomo poteva localizzare le truppe per le forze ucraine.

Il pubblico ministero ha messo in dubbio che Shishimarin stesse agendo su ordine, dicendo che le indicazioni non provenivano da un comandante diretto.

Shishimarin si è scusata con la vedova della vittima, Katerina Shelipova, che ha descritto di aver visto suo marito essere colpito a colpi di arma da fuoco fuori dalla loro casa nei primi giorni dell’invasione russa.

Ha detto alla corte che credeva che Shishimarin meritasse l’ergastolo, nella misura massima possibile, ma che non le sarebbe dispiaciuto se fosse stato sostituito come parte dello scambio del difensore dell’Azovstal.

___

McQuillan riportato da Leopoli. I giornalisti dell’Associated Press Juras Karmanau a Leopoli, Andrea Rosa a Kharkiv, Amer Madani a Washington e altri membri dello staff di AP in tutto il mondo hanno contribuito.

___

Segui la copertura dell’Associated Press sulla guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ukraine