Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le case automobilistiche europee sono preoccupate per l’abilità delle auto elettriche cinesi al Motor Show di Monaco

Le case automobilistiche europee sono preoccupate per l’abilità delle auto elettriche cinesi al Motor Show di Monaco

  • La sfida di abbassare i costi di produzione dei veicoli elettrici in Europa
  • Costi inferiori per colmare il divario di prezzo con le auto elettriche cinesi
  • Fino a luglio le vendite di veicoli elettrici in Cina hanno rappresentato l’8% del totale europeo
  • La Renault R5 EV costerà il 25-30% in meno rispetto alla Scenic/Megane

MONACO, 4 settembre (Reuters) – Le case automobilistiche europee affrontano una battaglia decisiva per produrre auto elettriche a basso costo e invertire la leadership della Cina nello sviluppo di modelli più economici e più adatti ai consumatori, hanno detto i dirigenti al salone dell’auto IAA di Monaco.

“Dobbiamo colmare il divario nei costi con alcuni attori cinesi che hanno iniziato a produrre auto elettriche una generazione fa”, ha detto a Reuters Luca de Meo, amministratore delegato di Renault (RENA.PA), al salone dell’auto, aggiungendo che quando i costi di produzione scendono , così come i prezzi. . .

De Meo ha affermato che, come parte della spinta della casa automobilistica francese verso la parità di prezzo con i cinesi, la R5 EV prevista per il prossimo anno sarà dal 25% al ​​30% più economica rispetto ai modelli elettrici Scenic e Megane.

I produttori cinesi di veicoli elettrici tra cui BYD (002594.SZ), Nio (9866.HK) e Xpeng (9868.HK) stanno prendendo di mira il mercato dei veicoli elettrici in Europa, dove le vendite sono aumentate di quasi il 55% a circa 820.000 veicoli nei primi sette mesi di anno 2023. Costituiscono circa il 13% di tutte le vendite di automobili.

Xpeng prevede di espandersi in più mercati europei nel 2024 e Zhejiang Leapmotor Technology (9863.HK) ha annunciato cinque modelli per i mercati esteri, inclusa l’Europa, nei prossimi due anni.

READ  X ha corso per contenere i danni dopo che Elon Musk ha approvato un post antisemita

Secondo la società di consulenza automobilistica Inovev, l’8% delle nuove auto elettriche vendute in Europa quest’anno sono state prodotte da marchi cinesi, rispetto al 6% dello scorso anno e al 4% nel 2021.

Circa il 41% degli espositori dell’evento di Monaco di quest’anno hanno sede in Asia, con il doppio delle aziende cinesi partecipanti, tra cui BYD, Xpeng e il produttore di batterie CATL (300750.SZ).

L’arrivo dei produttori cinesi di veicoli elettrici in Europa ha sollevato preoccupazioni sul fatto che potrebbero dominare le vendite di veicoli elettrici.

“Noi (la Germania) stiamo perdendo il nostro vantaggio competitivo”, ha detto Hildegard Müller, presidente dell’Associazione automobilistica tedesca, aggiungendo che il Motor Show di Monaco mostra “come l’elevata pressione della concorrenza internazionale” renda necessario che la Germania investa. Altro sull’elettrificazione.

Secondo i ricercatori di Jato Dynamics, nella prima metà del 2022 il costo medio di un’auto elettrica in Cina era inferiore a 32.000 euro (35.000 dollari) rispetto ai circa 56.000 euro in Europa.

“Il segmento principale del mercato automobilistico o scomparirà oppure i produttori europei no”, ha detto domenica sera il CEO della BMW Oliver Zepsey, riferendosi all’ingresso della Cina in Europa.

Mercedes-Benz (MBGn.DE) offrirà la compatta classe CLA e BMW (BMWG.DE) la Neue Klasse, entrambe mirando a una maggiore autonomia ed efficienza riducendo della metà i costi di produzione.

Oliver Blume, CEO di Volkswagen (VOWG_p.DE), ha detto ai giornalisti che attraverso le sue partnership in Cina, la casa automobilistica mira a ridurre i costi delle celle della batteria del 50%.

READ  Cosa hanno in comune le armi The Rock e S&P 500: Morning Brief

Il presidente di Xpeng, Brian Guo, ha affermato che, sebbene le case automobilistiche europee siano attualmente in ritardo rispetto alla Cina, hanno assunto un “grande impegno” nei confronti dei veicoli elettrici attraverso partnership e investimenti significativi nella tecnologia.

“Non escluderei mai le grandi case automobilistiche che stanno provando così tanto a tornare indietro e concentrarsi su questa importante transizione”, ha detto Gu.

Ferdinand Dudenhofer, analista del settore automobilistico, ha affermato che i cinesi sono “campioni del mondo” nella produzione di batterie, che possono rappresentare il 40% del costo di un veicolo elettrico.

Dudenhofer ha aggiunto che i produttori cinesi di batterie presenti in Germania stanno contribuendo ad abbassare i costi delle auto elettriche, e i politici tedeschi devono assicurarsi che “non vengano cacciati dal paese con stupide strategie di disaccoppiamento”.

($1 = 0,9273 euro)

Scritto da Nick Carey. (Reporting di Victoria Waldercy, Jill Gillum, Christina Amann, Zoe Chang e Jean Schwartz; Reporting di Mohamed per l’Arab Bulletin; Reporting di Mohamed per l’Arab Bulletin) Montaggio di Frederick Hein, Clarence Fernandez e Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia per Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Corrispondente automobilistico in Germania, che si occupa della transizione del settore ai veicoli elettrici. L’impatto della pandemia di COVID-19 sul settore della vendita al dettaglio in Asia meridionale, Cina ed Europa è stato precedentemente riportato, così come notizie generali più ampie. In precedenza ha lavorato per YouGov and Economy, un ente di beneficenza che produce copertura economica accessibile.