Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni globali sono piatte mentre le preoccupazioni sull’inflazione e sui tassi di interesse si insinuano nei mercati

Le azioni globali sono piatte mentre le preoccupazioni sull’inflazione e sui tassi di interesse si insinuano nei mercati

LONDRA/NEW YORK (Reuters) – I titoli azionari globali sono stati scambiati con cautela lunedì, mentre l’attenzione del mercato si è spostata sui dati sull’inflazione statunitense per avere ulteriori indizi sul fatto che i tassi di interesse globali abbiano già raggiunto il picco.

Dopo due settimane di guadagni, l’indice MSCI delle azioni globali (.MIWD00000PUS) è ​​rimasto piatto e l’indice azionario di riferimento S&P 500 di Wall Street ha perso lo 0,27%. Il Dow Jones Industrial Average è rimasto poco cambiato, mentre l’indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,4%.

L’indice è cresciuto di circa il 5% finora questo mese, dopo che l’ondata di avversione al rischio in ottobre innescata dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas è stata raffreddata dalle scommesse secondo cui le principali banche centrali avevano posto fine a una lunga serie di rialzi dei tassi di interesse.

Tuttavia, la prossima settimana sarà piena di eventi legati al rischio di mercato, con i dati sull’inflazione al consumo e sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti rispettivamente martedì e mercoledì, che probabilmente cambieranno la narrativa economica.

“Lo slancio negli Stati Uniti rimane forte e l’inflazione potrebbe persistere”, hanno detto gli strateghi della Barclays in una nota ai clienti, mettendo in guardia contro un altro rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettano di vedere l’inflazione generale dei prezzi al consumo negli Stati Uniti rallentare al 3,3% a ottobre dal 3,7% del mese precedente, anche se il cosiddetto tasso di inflazione core che esclude le componenti volatili rimane invariato.

READ  L'ex CEO di FTX Bankman-Fried è stato arrestato alle Bahamas dopo che gli Stati Uniti hanno presentato accuse

Lunedì la società di ricerca BCA ha inoltre avvertito in una nota indirizzata ai clienti: “Anche se un continuo rally (azionario) fino alla fine dell’anno è certamente possibile, potrebbe essere attenuato dal sentimento ribassista azionario guidato dai rischi geopolitici e dagli accresciuti rischi finanziari”.

Questa combinazione di preoccupazioni per l’aumento dei tassi di interesse e di avversione al rischio ha contribuito a spingere il dollaro al nuovo massimo di un anno contro lo yen lunedì.

Anche i rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni di riferimento, che aumentano quando i tassi scendono, hanno toccato il massimo di una settimana del 4,668% all’inizio della sessione di lunedì, poiché le preoccupazioni sull’inflazione hanno ridotto l’attrattiva degli strumenti di debito a tasso fisso.

Lunedì il dollaro ha registrato 151,90 yen per la prima volta dalla metà di ottobre dello scorso anno, e si aggira ancora a 151,64 vicino ai livelli elevati delle 15:36 GMT. L’indice del dollaro, che misura la valuta statunitense rispetto ad altre sei valute, si è attestato a 105,83, vicino al livello più alto dall’inizio dell’anno, raggiunto il 3 ottobre.

È probabile che le azioni globali si stiano avvicinando al picco, ha affermato Naka Matsuzawa, stratega di Nomura Securities.

“Finora, il mercato sta prendendo le cattive notizie economiche come buone notizie perché significano una pausa negli aumenti dei tassi di interesse da parte della Fed”, ha detto.

“Ma ora, il mercato dei titoli del Tesoro è già stato temporaneamente scontato, quindi c’è poco spazio per un ulteriore calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro, rimuovendo il supporto per il mercato azionario. In breve, non credo che il rally del mercato azionario continuerà”.

READ  Dow sale mentre Snap crolla del 33% sugli utili

Ad aumentare le tensioni di mercato a breve termine è il fatto che il presidente americano Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping si incontreranno questa settimana a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco.

Anche i prezzi del petrolio greggio sono diminuiti poiché le preoccupazioni sulla domanda hanno superato le preoccupazioni sull’offerta in vista dei dati sulle vendite al dettaglio cinesi più avanti nella settimana, che potrebbero gettare un’ombra sulle aspettative che sono già state smorzate da un calo dell’attività industriale nella seconda economia mondiale.

I futures del greggio Brent per gennaio e quelli del greggio US West Texas Intermediate per dicembre sono aumentati, entrambi in rialzo di oltre 70 centesimi a 82,23 dollari e 77,94 dollari al barile.

Entrambi i parametri di riferimento sono aumentati di circa il 2% venerdì quando l’Iraq ha espresso il suo sostegno ai tagli alla produzione di petrolio implementati dall’OPEC+.

(Relazione di Naomi Rovnick e Neil McKenzie a Londra – Preparato da Mohammed per l’Arab Bulletin) Relazione aggiuntiva di Kevin Buckland a Tokyo; A cura di Jacqueline Wong e Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda