Maggio 27, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite si prepara ad incolpare la Russia per l'invasione dell'Ucraina

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si prepara ad incolpare la Russia per l’invasione dell’Ucraina

Una foto dell’edificio della sede delle Nazioni Unite con il logo delle Nazioni Unite su di esso nel quartiere Manhattan di New York City, New York, USA, 1 marzo 2022. REUTERS/Carlo Allegri

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

NAZIONI UNITE (Reuters) – L’Assemblea generale delle Nazioni Unite si prepara a rimproverare mercoledì la Russia per la sua invasione dell’Ucraina e chiedere a Mosca di fermare i combattimenti e di ritirare le sue forze militari in una mossa volta a isolare diplomaticamente la Russia dall’organismo mondiale. .

Entro martedì sera, hanno detto i diplomatici, quasi la metà dei 193 membri dell’Assemblea Generale aveva firmato l’elenco degli sponsor della bozza di risoluzione prima del voto di mercoledì. Il testo denuncia l'”aggressione” russa contro l’Ucraina.

È simile a una bozza di risoluzione che la Russia ha respinto venerdì nel Consiglio di sicurezza di 15 membri. Nessun Paese ha il veto all’Assemblea Generale ei diplomatici occidentali si aspettano che la risoluzione venga adottata, che necessita del sostegno di due terzi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La guerra russa rappresenta una nuova realtà. Richiede a ciascuno di noi di prendere una decisione ferma e responsabile e di restare a guardare”, ha detto martedì il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock all’Assemblea generale.

Sebbene le risoluzioni dell’Assemblea Generale non siano vincolanti, hanno un peso politico.

La bozza di testo chiede che “la Federazione Russa ritiri immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”.

Ci si aspetta che decine di paesi si astengano formalmente dal voto o non partecipino affatto. In due votazioni del Consiglio di sicurezza a 15 nazioni sulla crisi in Ucraina la scorsa settimana, Cina, India ed Emirati Arabi Uniti si sono astenute.

READ  Mariupol: il capo dell'esercito ucraino afferma che le persone rischiano la vita ogni volta che lasciano il rifugio

“Dobbiamo lasciare spazio a una pendenza diplomatica esterna”, ha affermato martedì l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite Lana Nusseibeh. “I canali devono rimanere aperti e quei paesi che si sono astenuti hanno quei canali con il presidente Putin e li useranno per aiutare e sostenere in ogni modo possibile”.

Il voto dell’Assemblea Generale arriverà al termine di una rara sessione straordinaria di emergenza del Consiglio che il Consiglio di Sicurezza ha convocato domenica. La Russia non ha potuto porre il veto a questa mossa perché era una questione procedurale. Per saperne di più

Più di 100 paesi parleranno alla sessione prima del voto.

Le azioni delle Nazioni Unite rispecchiano ciò che è accaduto nel 2014 dopo che la Russia ha annesso la regione della Crimea all’Ucraina.

Il Consiglio di sicurezza ha votato una bozza di risoluzione che si oppone a un referendum sullo status della Crimea e invita i paesi a non riconoscerlo. È stato rifiutato dalla Russia.

Quindi l’Assemblea Generale ha adottato una risoluzione che dichiara nullo il referendum. Ha ricevuto 100 voti a favore, 11 contrari e 58 astenuti ufficiali, mentre 24 paesi non hanno partecipato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalato da Michelle Nichols; Montaggio di Mary Milliken e Richard Boleyn

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.