Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lanciata la missione Earthcare Cloud per risolvere problemi climatici sconosciuti

Lanciata la missione Earthcare Cloud per risolvere problemi climatici sconosciuti

Commenta la foto, Opera: Ci sono voluti 20 anni per portare Earthcare nello spazio

È stato lanciato un sofisticato satellite congiunto euro-giapponese per misurare l’effetto delle nuvole sul clima.

È noto che alcune nubi a basso livello raffreddano il pianeta, mentre altre ad alta quota fungeranno da coperta.

La missione Earthcare utilizzerà laser e radar per sondare l’atmosfera per scoprire esattamente dove si trova l’equilibrio.

Si tratta di una delle maggiori incertezze nei modelli computerizzati utilizzati per prevedere come il clima risponderà ai crescenti livelli di gas serra.

“Molti dei nostri modelli suggeriscono che la copertura nuvolosa scomparirà in futuro, il che significa che le nuvole rifletteranno meno luce solare nello spazio, ne verranno assorbite di più in superficie, e ciò fungerà da amplificatore per il riscaldamento che otterremo dal biossido di carbonio, “, ha detto il dottor Robin Hogan, del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, alla BBC News.

Il satellite da 2,3 tonnellate è stato inviato dalla California su un razzo SpaceX.

Il progetto è guidato dall’Agenzia spaziale europea (Esa), che lo ha descritto come il progetto di osservazione della Terra più complesso mai realizzato dall’organizzazione.

Certamente, la sfida tecnica nel far funzionare gli strumenti come previsto era enorme. Ci sono voluti ben 20 anni per passare dall’approvazione della missione al lancio.

Commenta la foto, Le nuvole svolgono un ruolo essenziale nel bilancio energetico sulla superficie terrestre

Earthcare orbiterà attorno alla Terra ad un’altitudine di circa 400 chilometri (250 miglia).

Il più semplice è l’imager, una fotocamera che scatta immagini della scena che passa sotto la navicella spaziale per dare contesto alle misurazioni effettuate dagli altri tre strumenti.

Il laser ultravioletto europeo di Earthcare vedrà le nuvole sottili e alte e le cime delle nuvole sottostanti. Rileverà inoltre piccole particelle e goccioline (aerosol) nell’atmosfera che influenzano la formazione e il comportamento delle nuvole.

Il radar giapponese osserverà le nuvole per determinare quanta acqua trasportano e come cade sotto forma di pioggia, grandine e neve.

Il radiometro percepirà quanta energia che cade sulla Terra dal sole viene riflessa o irradiata nello spazio.

Commenta la foto, Il terreno di cura è largo circa 2,5 metri e profondo 3,5 metri. Il suo pannello solare (non mostrato nella foto) è lungo 11 metri

La dottoressa Helen Brindley del Centro nazionale per l’osservazione della Terra del Regno Unito ha dichiarato: “È l’equilibrio tra la quantità totale di radiazioni in uscita e la quantità in entrata dal sole che determina fondamentalmente il nostro clima”.

“Se cambiamo questo equilibrio, ad esempio aumentando le concentrazioni di gas serra, riduciamo la quantità di energia in uscita rispetto a quella in entrata e riscaldiamo il clima”.

Oltre alla prospettiva climatica a lungo termine, i dati Earthcare verranno utilizzati qui e ora per migliorare le previsioni meteorologiche. Ad esempio, il modo in cui si sviluppa una tempesta sarà influenzato dallo stato iniziale delle sue nuvole osservato dal satellite giorni prima.

Commenta la foto, Le osservazioni Earthcare delle nuvole aiuteranno anche con le previsioni meteorologiche attuali

Ha detto che vedere il satellite finalmente volare è stato un sogno diventato realtà: “È stato un viaggio lungo e impegnativo con uno straordinario team di scienziati e ingegneri dedicati dal Regno Unito e oltre. Insieme, abbiamo creato qualcosa di veramente straordinario che farà la differenza”. .” Il modo in cui comprendiamo il nostro pianeta”.

Una delle principali sfide tecniche sono stati i laser spaziali, o LIDAR.

Lo sviluppatore Airbus-France ha avuto difficoltà a ideare un progetto che funzionasse in modo affidabile nel vuoto dello spazio. Era necessaria una riconfigurazione fondamentale dello strumento, che non solo ha portato a ritardi ma ha aumentato significativamente il costo finale della missione, oggi stimato in circa 850 milioni di euro (725 milioni di sterline).

Commenta la foto, Polvere sahariana: il laser studierà come le piccole particelle influenzano la formazione delle nuvole

“Queste non sono missioni organizzate per risolvere piccoli problemi in modo rapido ed economico; sono complesse”, ha affermato la dottoressa Beth Greenaway, capo del Programma Terra. “Il motivo per cui ci vuole così tanto tempo per prendersi cura della Terra è perché vogliamo il gold standard”. Osservazione presso l’Agenzia spaziale britannica.

Earthcare non avrà molto tempo per raccogliere i suoi dati. Volare ad un’altitudine di 400 chilometri significa che sentirà la resistenza dell’atmosfera rimanente a quell’altitudine. Questo tirerà giù il satellite.

“Ha tre anni di carburante con un altro anno di riserva. La sua vita è sostanzialmente limitata dalla sua orbita bassa e dalla resistenza”, ha affermato il dottor Michael Eisinger dell’Agenzia spaziale europea.

Commenta la foto, L’Agenzia spaziale giapponese ha chiamato la missione “Hakuryu” o “Drago Bianco”.

L’Agenzia aerospaziale giapponese (JAXA), a causa del suo forte interesse per la missione, seguirà la consueta pratica di dare alla navicella un soprannome: “Hakuryu” o “Drago Bianco”.

Nella mitologia giapponese, i draghi sono antiche creature divine che controllano l’acqua e volano nel cielo. Quest’anno, il 2024, è anche l’anno del Drago giapponese, noto come “Tatsu Doshi”.

C’è anche una connessione nell’aspetto del satellite, che è ricoperto di isolamento bianco e ha un lungo pannello solare finale che ricorda una coda.

“Prenderci cura della Terra, come un drago che si solleva nello spazio, diventerà un’entità che immagina il futuro per noi”, ha affermato Ichi Tomita, Project Manager JAXA.