Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Falcon 9 viene lanciato per la missione EarthCARE dell’Agenzia spaziale europea

Il Falcon 9 viene lanciato per la missione EarthCARE dell’Agenzia spaziale europea

WASHINGTON – Un Falcon 9 ha lanciato con successo una missione di scienze della Terra in Europa e Giappone il 28 maggio come parte della continua, seppur temporanea, dipendenza dell’Agenzia spaziale europea da SpaceX per l’accesso allo spazio.

Il razzo Falcon 9 è decollato dalla base spaziale di Vandenberg in California alle 18:20 ET. Il carico utile, la navicella spaziale Earth Cloud Aerosol and Radiation Explorer (EarthCARE), si è separata dallo stadio superiore circa 10 minuti dopo il decollo.

Simonetta Celli, direttrice dei programmi di osservazione della Terra presso l’Agenzia spaziale europea, ha dichiarato in un’intervista dopo il lancio che gli osservatori erano in contatto con la navicella spaziale. “È tutto nel mio nome e sulla strada giusta.”

I controllori della navicella spaziale trascorreranno le prossime settimane e mesi a controllare e calibrare gli strumenti della navicella, ha detto. Ciò consentirà la prima pubblicazione di dati scientifici da EarthCARE alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo anno.

EarthCARE è una missione guidata dall’ESA, da 800 milioni di euro (870 milioni di dollari), per studiare le nuvole e gli aerosol nell’atmosfera. La navicella spaziale trasporta quattro strumenti, incluso un radar per la profilazione delle nuvole fornito dall’agenzia spaziale giapponese JAXA al costo di 8,3 miliardi di yen (53 milioni di dollari). La Japan Aerospace Exploration Agency ha chiamato la navicella spaziale Hakuryu, o “drago bianco”, per via del suo aspetto esterno.

La navicella spaziale da 2.200 kg, volando in un’orbita eliosincrona a un’altitudine di 393 km, raccoglierà dati su nuvole e aerosol nell’atmosfera, insieme a immagini e misurazioni della luce solare riflessa e del calore irradiato. Queste informazioni verranno utilizzate nella scienza dell’atmosfera, compresi i modelli climatici e meteorologici.

READ  È stata fatta una svolta che potrebbe portare alla rinascita del mammut lanoso

“EarthCARE esiste per studiare l’effetto delle nuvole e degli aerosol sull’equilibrio termico della Terra”, ha detto Dirk Bernerts, responsabile del progetto EarthCARE dell’ESA, in una conferenza stampa prima del lancio del 21 maggio. Stessa posizione allo stesso tempo. “Questo è ciò che distingue questa navicella spaziale.”

Altri veicoli spaziali stanno effettuando misurazioni simili, tra cui il veicolo spaziale Plankton, Aerosol, Cloud, Ocean Ecosystem (PACE) della NASA, lanciato a febbraio. “Le tecniche di monitoraggio sono diverse”, ha affermato. “Stiamo osservando la stessa cosa ma aspetti leggermente diversi di nuvole e aerosol”. Ha aggiunto che EarthCARE utilizzerà i dati PACE per aiutare a calibrare e convalidare le sue osservazioni.

Lo sviluppo di EarthCARE ha richiesto circa vent’anni e ha comportato un aumento dei costi del 30%. Maximilian Sauer, project manager di EarthCARE presso l’appaltatore principale Airbus, ha affermato che diversi fattori hanno contribuito ai ritardi e ai superamenti, inclusi problemi tecnici con gli strumenti e gli effetti della pandemia.

Il Cile ha affermato in un’intervista post-lancio che una delle lezioni apprese da EarthCARE è stata la necessità di una “gestione rigorosa” del progetto, che secondo lei era afflitto da sfide nel coordinamento del lavoro tra agenzie e aziende. Ha aggiunto che la missione ha anche sottolineato l’importanza di un forte sostegno da parte degli Stati membri nel tentativo di superare i problemi.

Un altro fattore che ha ritardato EarthCARE è stato il cambiamento dei veicoli di lancio. Originariamente era previsto che EarthCARE fosse utilizzato a bordo di un razzo Soyuz, ma l’Agenzia spaziale europea ha perso l’accesso al veicolo dopo l’invasione russa dell’Ucraina. La missione è stata inizialmente trasportata su Vega C in Europa, ma lo scorso giugno l’ESA ha deciso di lanciarla invece su un Falcon 9, citando ritardi nel rimettere in volo il razzo e modifiche al carico utile del razzo necessarie per ospitare EarthCARE.

READ  Il cambiamento climatico fa sì che gli alberi facciano fatica a “respirare”

Tecnicamente, lo spostamento dei veicoli di lancio non è stato un grosso problema per la missione. “Durante le modifiche alle piattaforme di lancio, non abbiamo dovuto cambiare il design della navicella spaziale”, ha detto Bernarts.

Ha detto che durante i test ambientali, gli ingegneri hanno sottoposto la navicella spaziale a condizioni che simulavano diversi veicoli di lancio per prepararsi alla possibilità di cambiare veicolo. “Dal momento in cui abbiamo appreso che la Soyuz non era disponibile, abbiamo valutato il modo rigoroso in cui il veicolo spaziale avrebbe potuto essere testato per incapsulare altre piattaforme di lancio candidate. Questo è quello che abbiamo fatto e alla fine ha funzionato.”

EarthCARE è la seconda missione guidata dall’ESA ad essere lanciata a bordo del Falcon 9, dopo quella del telescopio spaziale Euclid lo scorso luglio. Un razzo Falcon 9 lancerà la missione dell’ESA sull’asteroide Hera questo autunno.

“Abbiamo avuto una buona esperienza con Euclid l’anno scorso”, ha detto Joseph Aschbacher, direttore generale dell’ESA, in un’intervista dopo il lancio. “I nostri team e quelli di SpaceX lavorano molto bene insieme”.

Il Falcon 9 è un periodo provvisorio fino all’entrata in servizio dell’Ariane 6, con il primo lancio ora previsto per la prima metà di luglio, e il Vega C che tornerà in volo alla fine dell’anno. “Sto sentendo molte domande sul perché stiamo lanciando con Falcon e non con Ariane, ed è davvero bello vedere il volo inaugurale dell’Ariane 6 avvicinarsi”, ha detto.

I partecipanti alla missione erano semplicemente felici di mettere finalmente in orbita la navicella spaziale. “C’è una sensazione di sollievo e felicità”, ha detto Chili dopo il lancio.

READ  Un "forte vento caldo" è stato visto soffiare attraverso il cosmo dopo che una stella di neutroni ha fatto a pezzi la sua vicina

“È una montagna russa di emozioni”, ha detto Thorsten Fehr, scienziato della missione EarthCARE dell’ESA, nel webcast dell’agenzia poco dopo la separazione del carico utile. “Questo è uno dei momenti più belli di sempre della mia carriera.”