Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La strada da Kharkiv a Dnipro: checkpoint, armi e determinazione per combattere i russi

La strada da Kharkiv a Dnipro: checkpoint, armi e determinazione per combattere i russi

Domenica, le forze russe sono penetrate nella città, che è la seconda più grande dell’Ucraina e si trova a 25 miglia dal confine russo. Quindi l’esercito ucraino riuscì a respingerli. Una seconda spinta russa sembrava più probabile. Sono rimasti pochi giornalisti stranieri.

Sebbene fossimo stati molto coinvolti nella storia di Kharkiv, essendo stati in città da prima dell’inizio dell’invasione russa, abbiamo deciso che c’era sicurezza nei numeri e abbiamo contattato un altro gruppo di giornalisti per guidare insieme in due auto fino a Dnipro, a circa 140 miglia a sud-ovest.. Google Maps ha detto che ci sarebbero volute circa tre ore per guidare.

Whitney Liming del Washington Post descrive com’era viaggiare da Kharkiv a Dnipro il 28 febbraio su strade ora segnate da posti di blocco e uomini armati. (Zoyn Murphy, Whitney Liming/The Washington Post)

Gli ucraini in tutto il paese hanno dovuto prendere in considerazione un’opzione simile: restare a rischio di un attacco russo o mettersi in strada e affrontare condizioni inaspettate e forse più pericolose durante la guida. Siamo stati fortunati ad avere le risorse per uscire, un’opzione non disponibile per tutti a Kharkiv.

Le strade della città erano deserte quando abbiamo lasciato Kharkiv. Solo cinque giorni fa era pieno di traffico nell’ora di punta. Una macchina girava freneticamente intorno a noi. L’autista gridò dal finestrino che stavamo andando troppo lentamente. Da lontano si sentivano ancora i colpi di artiglieria. Ma ci siamo abituati a quel suono quattro giorni dopo che siamo stati bombardati qui.

Apparentemente lo erano anche i locali. Durante la guida, abbiamo visto una fila di oltre 100 persone fuori da un negozio di alimentari. Alloggiare negli scantinati e nelle piattaforme della metropolitana sotterranea per quattro giorni ha lasciato le persone alla disperata ricerca di rifornimenti. Gli scioperi in piena espansione, apparentemente ancora lontani, non li hanno spinti a rinunciare alle loro posizioni in linea.

READ  In esclusiva per l'Associated Press: il Venezuela imprigiona 3 americani in mezzo a contatti americani

Sapevamo che avremmo dovuto aspettarci posti di blocco armati durante il nostro viaggio a Dnipro e abbiamo incontrato il nostro primo ai margini del centro città. Uomini in uniforme militare Hanno piazzato delle barricate lungo la strada e ci hanno ordinato di fermarci. Tutti nella nostra macchina indossavano una giacca a vento per precauzione. Stavo guidando, quindi ho cercato di coprirmi la giacca con un foulard per non spaventare i soldati, che a questi posti di blocco erano già nervosi.

C’erano quattro persone nella nostra macchina, ma ha chiesto di vedere solo un passaporto. Convinto di essere americano, ci lasciò passare. La prossima volta ci è stato chiesto di mostrare i nostri passaporti e anche di aprire il bagagliaio.

Non era chiaro se questi posti di blocco fossero presidiati da membri delle forze armate o da volontari della milizia civile. Abbiamo visto molti di questi passeggiare per Kharkiv e lungo le autostrade durante il nostro viaggio. Indossavano abiti da strada e portavano armi da fuoco.


area di attesa

dalla Russia-

sostenuto

separatisti

annesso dalla Russia

nel 2014

area di attesa

dalla Russia-

sostenuto

separatisti

annesso dalla Russia

nel 2014

area di attesa

dalla Russia-

sostenuto

separatisti

annesso dalla Russia

nel 2014

Il nostro collega nell’altra macchina ha aperto la portiera per uscire e ho sentito uno degli uomini gridare in russo: “Sali in macchina!”

Ho chiesto alle persone nella mia macchina di rimanere in silenzio. Questi membri di una milizia ucraina hanno visto uno dei nostri colleghi fotografare l’insegna di una stazione di servizio e hanno pensato che potesse documentare i loro movimenti per passarla ai russi. I nostri colleghi hanno tenuto le mani alzate mentre spiegavano l’equivoco.

Quando i miliziani sono venuti alla mia macchina, ho mostrato loro il mio passaporto e ho assicurato loro che non avremmo fotografato nulla. Ci hanno lasciato partire.

Il prossimo checkpoint era più amichevole. I soldati hanno chiesto a due delle nostre auto di fermarsi per far passare un veicolo militare ucraino dietro di noi. Al centro della barriera, un uomo armato osservava attraverso il binocolo per assicurarsi che il camion passasse in sicurezza. Poi, quando hanno visto i nostri passaporti, si sono rallegrati del fatto che veniamo da un paese che ha sostenuto l’Ucraina con oltre 2,7 miliardi di dollari in aiuti militari.

Uno dei soldati ha alzato il pugno e si è detto pronto a “uccidere i russi”. Il viaggio è continuato.

Molti segnali stradali sono stati rimossi o ricoperti di vernice, nel tentativo di confondere le forze russe. Su uno dei cartelli, qualcuno ha disegnato una freccia che punta all’indietro e l’ha chiamata “Mosca”.

Durante questa breve pausa di guida, ho visto gli aggiornamenti sul mio telefono su quello che è successo a Kharkiv subito dopo la nostra partenza. Le aree civili sono state devastate dall’artiglieria russa, forse munizioni a grappolo, che disperdono submunizioni o bombe. Almeno 11 persone sono state confermate uccise e molte altre ferite.

Poi ho pensato a tutte quelle persone che sono uscite sicure perché avevano bisogno di generi alimentari.

Abbiamo continuato a controllare i rapporti da Kharkiv mentre eravamo bloccati in oltre due ore di traffico fino al nostro ultimo checkpoint. I miei colleghi – uno un fotografo, l’altro un video giornalista – hanno cercato di catturare la scena della congestione stradale per arrivare a Dnipro. Ma quando finalmente siamo arrivati ​​al posto di blocco, il soldato ha detto alla nostra macchina di fermarsi. Aveva la nostra targa scritta su un pezzo di carta.

“Abbiamo sentito che la tua macchina stava scattando foto”, ha detto.

Gli ho assicurato che siamo giornalisti. Ha chiesto a tutti noi di scendere dall’auto per poterla ispezionare. Ma dopo una rapida occhiata al bagagliaio, lo lasciò passare e ci portò avanti a Dnipro. Il viaggio, che di solito dura tre ore, è durato sei ore.