Dicembre 7, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Divieto di voli russi sulle compagnie aeree di 36 paesi - Civil Aviation Authority

Divieto di voli russi sulle compagnie aeree di 36 paesi – Civil Aviation Authority

Una panoramica del terminal dell’aeroporto internazionale di Vnukovo in mezzo allo scoppio della malattia del coronavirus (COVID-19) a Mosca, in Russia, il 22 maggio 2020. REUTERS/Maxim Shemetov

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

MOSCA (Reuters) – La Russia ha chiuso il suo spazio aereo alle compagnie aeree di 36 paesi, inclusi tutti i 27 Stati membri dell’Unione Europea, in risposta alle sanzioni legate all’Ucraina contro il suo settore aereo.

Alcuni paesi vietati sono già stati identificati, mentre altri sono stati nominati per la prima volta dall’autorità aeronautica Rosaviatsia lunedì sulla scia delle misure punitive imposte sull’invasione russa dell’Ucraina.

Si prevede che il divieto di volo danneggerà le compagnie aeree che volano sul paese più grande del mondo dall’Europa all’Asia. È probabile che li costringeranno a trovare nuove strade.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rosaviatsia ha affermato che i voli da quei paesi potrebbero essere consentiti in circostanze eccezionali se avesse ottenuto un permesso speciale dall’autorità aeronautica o dal ministero degli Esteri russo.

Paesi come Albania, Anguilla, Austria, Belgio, Bulgaria, Isole Vergini britanniche, Germania, Gibilterra, Ungheria, Grecia, Danimarca, Canada, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Jersey, Irlanda, Islanda, Italia sono inclusi., Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito l’invasione dell’Ucraina una “operazione speciale” e l’ha giustificata dicendo che i “neo-nazisti” stavano governando il paese e minacciavano la sicurezza della Russia – un’accusa che Kiev e i governi occidentali ritengono essere propaganda infondata.

Montaggio di Timothy Heritage

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.