Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Cina afferma che gli Stati Uniti "non hanno il diritto" di interferire nell'accordo portuale di Amburgo

La Cina afferma che gli Stati Uniti “non hanno il diritto” di interferire nell’accordo portuale di Amburgo

PECHINO (Reuters) – Il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato giovedì che gli Stati Uniti “non hanno il diritto” di interferire nella cooperazione della Cina con la Germania, dopo che Washington ha avvertito che Pechino sta assumendo una partecipazione di controllo nel porto di Amburgo.

Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa quotidiana a Pechino che l’interferenza degli Stati Uniti è un sintomo della sua pratica di diplomazia coercitiva.

“La cooperazione pratica tra Cina e Germania è una questione di due paesi sovrani, e gli Stati Uniti non dovrebbero attaccare senza motivo e non hanno il diritto di interferire e interferire”, ha detto Zhao giovedì, un giorno prima che il cancelliere tedesco Olaf Schulz arrivasse a Pechino. In una visita di un giorno, dovrebbe incontrare il presidente Xi Jinping.

Il gigante cinese delle spedizioni Cosco ha fatto un’offerta l’anno scorso per acquisire una partecipazione del 35% in una delle società di logistica di HHLA. (HHFGn.DE) Tre terminal nel porto più grande della Germania, ma l’alleanza tedesca è divisa sull’accordo.

La scorsa settimana, il gabinetto tedesco ha approvato un investimento del 24,9% da parte di COSCO in quella che una fonte del ministero dell’Economia ha descritto come una “soluzione di emergenza” per approvare l’accordo ma mitigarne l’impatto.

L’investimento approvato non dà a COSCO alcuna voce in capitolo nella gestione o nelle decisioni strategiche.

(Report) di Eduardo Baptista, scritto da Martin Quinn Pollard; Montaggio di Raisa Kasulowski e Kim Coogle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.