Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La ripetizione del segnale radio porta gli astronomi su un esopianeta delle dimensioni della Terra

La ripetizione del segnale radio porta gli astronomi su un esopianeta delle dimensioni della Terra

(CNN) Gli astronomi hanno rilevato un segnale radio ripetuto da un pianeta extrasolare e dalla stella che orbita, entrambi situati a 12 anni luce dalla Terra. Il segnale suggerisce che il pianeta delle dimensioni della Terra potrebbe avere un campo magnetico e forse anche un’atmosfera.

Il campo magnetico terrestre protegge l’atmosfera del pianeta, di cui la vita ha bisogno per sopravvivere, disperdendo particelle energetiche e plasma che fluisce dal sole. Trovare atmosfere attorno a pianeti al di fuori del nostro sistema solare potrebbe indicare altri mondi che potrebbero potenzialmente sostenere la vita.

Gli scienziati hanno notato forti onde radio provenienti dalla stella YZ Ceti e dall’esopianeta roccioso su cui orbita, chiamato YZ Ceti b, durante le osservazioni con il Karl G. Jansky Very Large Array of Telescopes nel New Mexico. I ricercatori ritengono che il segnale radio sia stato generato dalle interazioni tra il campo magnetico del pianeta e la stella.

I risultati dettagliati dello studio sono stati Pubblicato lunedì sulla rivista astronomia naturale.

“Abbiamo visto l’eruzione iniziale e sembrava bellissima”, ha detto Sebastian Pineda, autore senior dello studio, una ricerca. Astrofisico dell’Università del Colorado Boulder, in una dichiarazione. “Quando l’abbiamo visto di nuovo, è stato molto indicativo che, beh, forse abbiamo davvero qualcosa qui.”

I campi magnetici potrebbero impedire all’atmosfera del pianeta di diminuire ed essenzialmente erodersi nel tempo mentre le particelle si staccano dalla stella e la bombardano, ha detto Pineda.

Come si verificano le forti onde radio?

Affinché le onde radio siano rilevabili sulla Terra, hanno detto i ricercatori, dovrebbero essere molto potenti.

“Il fatto che un pianeta rimanga o meno nell’atmosfera può dipendere dal fatto che il pianeta abbia o meno un forte campo magnetico”, ha detto Pineda.

READ  Il conflitto in Ucraina potrebbe ritardare la missione di Rosalind Franklin

In precedenza, i ricercatori avevano rilevato campi magnetici su esopianeti di dimensioni simili a Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare. Ma trovare campi magnetici su pianeti più piccoli è molto più difficile perché i campi magnetici sono essenzialmente invisibili.

Il coautore dello studio Jackie Feldsen, assistente professore di fisica e astronomia alla Bucknell University, ha dichiarato: Pennsylvania in una dichiarazione.

“Stiamo cercando pianeti molto vicini alle loro stelle e di dimensioni simili alla Terra”, ha detto. “Questi pianeti sono troppo vicini alle loro stelle per essere ovunque tu possa vivere, ma poiché sono così vicini, il pianeta passa attraverso un mucchio di materiale proveniente dalla stella. Se il pianeta ha un campo magnetico e abbastanza materiale stellare passa attraverso di esso, Questo causerà l’emissione di onde radio luminose dalla stella.”

YZ Ceti b impiega solo due giorni terrestri per completare un’orbita attorno alla sua stella. Nel frattempo, l’orbita più breve nel nostro sistema solare è il pianeta Mercurio, che impiega 88 giorni terrestri per completare una rivoluzione attorno al Sole.

Mentre YZ Ceti b orbita attorno alla sua stella, il plasma della stella si scontra con il campo magnetico del pianeta, rimbalzando indietro e interagendo con il campo magnetico della stella. Tutte queste interazioni energetiche creano ed emettono potenti onde radio che possono essere rilevate sulla Terra.

Questa illustrazione mostra il plasma emesso da una stella deviata dal campo magnetico di un esopianeta in orbita. Il plasma quindi interagisce con il campo magnetico della stella, producendo aurore e onde radio.

I ricercatori hanno misurato le onde radio che hanno rilevato per determinare la forza del campo magnetico del pianeta.

READ  La risoluzione MRI avanza da millimetri a micron

“Questo ci fornisce nuove informazioni sull’ambiente intorno alle stelle”, ha detto Pineda. “Questa idea è ciò che chiamiamo ‘clima spaziale extrasolare'”. “

Nel nostro sistema solare, l’attività sul Sole può creare meteorologia spaziale che influisce sulla Terra. Le esplosioni attive dal sole possono interrompere i satelliti e le comunicazioni globali e causare spettacoli di luce abbagliante vicino ai poli terrestri, come l’aurora boreale o l’aurora boreale.

Gli scienziati immaginano che anche le interazioni tra YZ Ceti e il suo pianeta creino aurore, ma questo spettacolo di luci si verifica effettivamente sulla stella.

“In realtà stiamo vedendo l’aurora boreale sulla stella – ecco di cosa tratta questa trasmissione radiofonica”, ha detto Pineda. “Ci dovrebbero essere anche aurore sul pianeta se avesse una sua atmosfera.”

Candidato esopianeta roccioso

I ricercatori ritengono che YZ Ceti b sia il miglior candidato osservato finora per un esopianeta roccioso con un campo magnetico.

“Questa potrebbe essere una cosa davvero ragionevole da fare”, ha detto Viadsen. “Ma penso che ci sarà molto lavoro di follow-up prima che ci sia una conferma davvero forte delle onde radio indotte dal pianeta”.

Nuovi radiotelescopi pronti per il funzionamento in questo decennio potrebbero aiutare gli astronomi a effettuare più rilevamenti di segnali che indicano campi magnetici, hanno detto i ricercatori.

Joe Pesci, direttore del programma per l’Osservatorio Astronomico Nazionale, ha dichiarato in una nota. “Questa ricerca mostra non solo che questo particolare esopianeta roccioso ha probabilmente un campo magnetico, ma fornisce un modo promettente per trovarne di più”.