Febbraio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La prima banca repubblicana è stata rilevata dalle autorità di regolamentazione e venduta a JPMorgan Chase

La prima banca repubblicana è stata rilevata dalle autorità di regolamentazione e venduta a JPMorgan Chase

I regolatori hanno preso il controllo della First Republic Bank e l’hanno venduta a JPMorgan Chase lunedì, con una mossa drammatica volta a frenare una crisi bancaria di due mesi che ha scosso il sistema finanziario.

La First Republic è la seconda banca statunitense per attività a fallire dopo Washington Mutual, fallita durante la crisi finanziaria del 2008 e anch’essa rilevata da JPMorgan.

Fondata nel 1985, First Republic era la quattordicesima banca più grande degli Stati Uniti all’inizio di quest’anno.Le attività di First Republic sono state colpite dall’aumento dei tassi di interesse e la società ha lottato per sopravvivere dopo il crollo di altri istituti di credito a marzo. di depositanti e investitori.

L’annuncio dell’acquisizione da parte dell’assicuratore federale dei depositi di First Republic e della sua vendita a JPMorgan è avvenuto poche ore prima dell’apertura dei mercati statunitensi e dopo una rissa da parte dei funzionari durante il fine settimana. Lunedì, 84 filiali della Prima Repubblica in otto stati hanno riaperto come filiali di JPMorgan.

“Questa parte della crisi è finita”, L’amministratore delegato di JPMorgan, Jamie Dimon, ha dichiarato lunedì in una teleconferenza. “Per ora abbiamo tutti bisogno di fare un respiro profondo.”

Gli investitori hanno accolto con favore l’acquisizione di JPMorgan, facendo salire le azioni della banca del 3,5% lunedì. PNC Financial Services e Citizens Financial Group – due banche regionali che hanno perso nel tentativo di acquistare First Republic – sono scese di oltre il 5%.

Gli azionisti e i detentori del debito della Prima Repubblica verrebbero eliminati nell’accordo, il che è tipico quando una banca viene posta in amministrazione controllata. Il nome e il logo della Prima Repubblica – l’aquila che spiega le ali a forma di V – saranno demoliti e le filiali della banca diventeranno punti vendita JPMorgan Chase.

Anche il presidente Biden ha accolto con favore l’acquisizione durante un discorso sulle piccole imprese lunedì pomeriggio. “Queste misure garantiranno che il sistema bancario sia sano e salvo”, ha affermato Biden del Rose Garden. Ha aggiunto: “Mentre i depositanti sono protetti, gli azionisti perdono il loro investimento. Ancora più importante, non sono i contribuenti ad essere nei guai”.

READ  FDIC per smantellare SVB e cercare di vendere un'unità privata separata

La FDIC ha stimato che il suo fondo assicurativo, che consiste nelle commissioni pagate dalle banche all’agenzia per l’assicurazione dei depositi, dovrebbe pagare circa 13 miliardi di dollari per coprire le perdite della Prima Repubblica. JPMorgan ha anche affermato che FDIC gli fornirà un finanziamento di $ 50 miliardi e che JPMorgan pagherà $ 10,6 miliardi a FDIC.

“Il nostro governo e altri ci hanno invitato a intensificare, e lo abbiamo fatto”, ha detto Dimon. Ha detto che lo scopo dell’accordo era “ridurre i costi per il Fondo di assicurazione dei depositi”.

L’acquisizione rende JPMorgan, già la più grande banca del paese, ancora più grande ed era già in lavorazione Alcuni legislatori lo hanno criticato. “Dalla crisi finanziaria del 2008, le autorità di regolamentazione hanno cercato di impedire alle banche più grandi di diventare più dominanti”, ha scritto Ian Katz, analista di Capital Alpha Partners, in una nota di ricerca. L’aumento delle dimensioni di JPMorgan “sarà risentito per i legislatori su entrambi i lati della navata, ma in particolare per i progressisti che hanno combattuto contro il consolidamento attraverso fusioni e acquisizioni”.

La First Republic ha fallito nonostante abbia ricevuto un’ancora di salvezza da 30 miliardi di dollari da 11 delle più grandi banche del paese a marzo. JPMorgan ha detto $ 30 miliardi Verrà pagato dopo la chiusura della transazione.

L’acquisizione e la vendita di First Republic da parte del governo arriva quasi otto settimane dopo che il governo ha preso il controllo di Silicon Valley Bank e Signature Bank, i cui fallimenti hanno provocato onde d’urto nel settore e sollevato timori che altre banche regionali fossero a rischio di simili operazioni di deposito.

Molti esperti bancari hanno affermato che i problemi della Prima Repubblica sono stati una reazione ritardata alle turbolenze di marzo piuttosto che l’inizio di una nuova fase della crisi. Gli investitori e i dirigenti del settore sono ottimisti sul fatto che nessun altro prestatore di medie o grandi dimensioni sia a rischio imminente di fallimento.

Come le altre due banche fallite – Silicon Valley Bank e Signature – la First Republic è crollata sotto il peso di prestiti e investimenti che hanno perso miliardi di dollari di valore mentre la Federal Reserve ha rapidamente alzato i tassi di interesse per combattere l’inflazione. Quando iniziò a diventare chiaro che questi beni erano ora molto meno preziosi, i ricchi clienti della Prima Repubblica, la maggior parte dei quali vivevano sulle coste, iniziarono a ritirare i loro soldi il più velocemente possibile e gli investitori scaricarono le sue azioni.

READ  Un altro grande rialzo dei tassi della Fed sta arrivando. Ma quanti dopo?

“Il peccato fondamentale di FRC e SVB è che sono cresciuti troppo rapidamente quando i tassi di interesse erano vicini allo zero percento”, ha detto Timothy Coffey, analista bancario di Janney Montgomery Scott, in una nota di ricerca, riferendosi a First Republic e Silicon Valley Bank. “Probabilmente ce n’erano altri. Tuttavia, si tratta di un gruppo molto ristretto di istituzioni poiché la stragrande maggioranza delle banche passava a raccogliere penny davanti allo steam controller”.

Tuttavia, il sistema finanziario statunitense ha molti problemi. I recenti fallimenti bancari e l’aumento dei tassi di interesse hanno costretto le banche a frenare i prestiti, rendendo difficile l’espansione delle imprese e l’acquisto di case e automobili per i privati. Questo è uno dei motivi per cui l’economia ha rallentato negli ultimi mesi.

La fine della Prima Repubblica è arrivata dopo settimane durante le quali la banca ei suoi consulenti hanno cercato di salvare la banca o di trovare un acquirente al di fuori di un’acquisizione da parte del governo. Ma gli sforzi sono stati vani: altre banche erano riluttanti ad acquistarli o li hanno acquistati senza garanzie che non sarebbero rimasti con miliardi di dollari di perdite. La scorsa settimana, dopo un preoccupante rapporto sugli utili in cui la banca ha rivelato che i clienti avevano ritirato più della metà dei suoi depositi, è diventato chiaro che non c’era altra scelta al di fuori di un’acquisizione da parte del governo.

Alla fine della scorsa settimana, la FDIC ha contattato altre istituzioni finanziarie, tra cui JPMorgan Chase, PNC Financial Services e Bank of America, cercando offerte per l’acquisizione di First Republic. Gli offerenti avevano tempo fino a domenica pomeriggio per presentare le loro offerte. Come parte del processo di offerta, alle banche è stato anche chiesto quali strutture avrebbero chiesto al governo in futuro, hanno detto persone che hanno familiarità con il processo.

READ  UM Health acquisisce Sparrow Health System a Lansing

La vendita doveva concludersi domenica sera, ma l’annuncio è stato dato a mezzanotte. Dimon di JPMorgan ha affermato che la banca ha 800 dipendenti che lavorano all’accordo negli ultimi giorni.

La crisi bancaria ha anche messo sulla difensiva le autorità di regolamentazione federali, esponendo i problemi che secondo gli analisti i funzionari del governo avrebbero dovuto identificare e costringere le banche a risolvere mesi prima. La scorsa settimana, la Federal Reserve e la FDIC hanno pubblicato rapporti autocritici per non aver regolamentato adeguatamente la Silicon Valley Bank e Signature. I rapporti hanno anche accusato le banche di cattiva gestione e assunzione di rischi eccessivi.

First Republic aveva molti clienti nel settore delle start-up – simili alla Silicon Valley Bank – e nel settore finanziario, inclusi i migliori banchieri e gestori di hedge fund. Molti dei suoi conti avevano più di $ 250.000, il limite federale di assicurazione sui depositi.

La recente chiusura delle banche potrebbe mantenere la Fed sulla buona strada per aumentare i tassi di un quarto di punto, ha dichiarato Krishna Guha, capo del team di politica globale e strategia della banca centrale di Evercore ISI, durante la riunione di mercoledì. In effetti, ha affermato, potrebbe “spianare la strada” a una tale mossa eliminando una persistente fonte di rischio e incertezza.

Ma Guha ha detto che le questioni bancarie stanno passando da una fase “acuta” a una “cronica”: altri istituti di credito potrebbero considerare i recenti fallimenti di First Republic e di altre banche e cercare di rafforzare le loro posizioni diventando più cauti sui prestiti.

“Gli effetti macroeconomici delle pressioni bancarie potrebbero essere nella fase iniziale dell’esposizione”, ha affermato Guha.

Rob Copland E Jim Tankersley Contribuire alla redazione dei report.