Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I marchi cinesi di veicoli elettrici si stanno espandendo nei mercati globali

I marchi cinesi di veicoli elettrici si stanno espandendo nei mercati globali

Yokohama, Giappone (AP) – Osamu Furukawa ha guidato molte auto giapponesi per il suo lavoro di conversione di modelli classici a benzina in elettrici. Ma la sua macchina preferita è un’importazione: un SUV a batteria della cinese BYD Auto.

BYD Auto fa parte di un’ondata di esportatori di veicoli elettrici in Cina Che ha iniziato a competere con i marchi occidentali e giapponesi nei loro mercati locali. Portano tecnologia in rapido sviluppo e prezzi bassi Sei “intimidatorio”, dice il CFO di Tesla.

Furukawa ha affermato di aver ordinato l’ATTO 3 quando è stato messo in vendita il 31 gennaio, per le sue caratteristiche di facile utilizzo e il prezzo interessante di 4,4 milioni di yen ($ 33.000), ovvero circa un quarto in meno di una Tesla.

“È perfetto”, ha detto Furukawa nel suo ufficio a Yokohama, a sud-ovest di Tokyo.

Altri ambiziosi esportatori cinesi di veicoli elettrici includono NIO e Zeekr di Geely e Aura Group, un’unità del produttore di SUV Great Wall Motors.

Alcuni competono sul prezzo. Altri enfatizzano le prestazioni e le caratteristiche, mettendo sotto pressione i marchi premium occidentali e giapponesi.

NIO, che ha convinto gli acquirenti in Cina a pagare prezzi di adesivo a livello di Tesla fino a 555.000 yuan ($ 80.000), afferma che il suo ultimo SUV sarà in vendita quest’anno in Europa. L’ES6 è dotato di comandi ad attivazione vocale e un’autonomia fino a 610 chilometri (380 miglia) con una singola carica.

“Siamo molto fiduciosi che l’ES6 competerà nel mercato dei SUV di lusso”, ha dichiarato William Lee, fondatore e CEO di NIO, in un’intervista allo Shanghai Auto Show.

Le vendite di veicoli a batteria e ibridi benzina-elettrici in Cina sono raddoppiate lo scorso anno, raggiungendo i 6,9 milioni di veicoli.ovvero la metà del totale globale.

Ciò è stato sostenuto da miliardi di dollari in sussidi del Partito Comunista al potere, che sta cercando di rendere la Cina un innovatore nell’energia pulita e in altre tecnologie. Ciò preoccupa i leader statunitensi ed europei che vedono la Cina come un concorrente strategico e industriale.

READ  S&P 500 guida il livello principale nella corsa al rialzo del mercato; I disordini hanno colpito la fabbrica di iPhone di Apple in Cina

I marchi cinesi sono “seri concorrenti”, secondo David Lea, analista di GlobalData.

Hanno “una tecnologia delle batterie più competitiva” e possono “raggiungere maggiori economie di scala”, ha detto Leah in una e-mail.

BYD Auto, di proprietà del produttore di batterie BYD, ha superato Tesla In totale 2022 vendite di 1,9 milioni di veicoli. La metà erano ibridi benzina-elettrici, mentre la flotta di Tesla è completamente elettrica.

“Abbiamo molto rispetto per le case automobilistiche in Cina”, ha dichiarato il CEO di Tesla Elon Musk in una teleconferenza del 25 gennaio con gli analisti finanziari. “Lavorano sodo e lavorano in modo più intelligente”.

I marchi cinesi stanno sviluppando auto elettriche per competere senza sovvenzioni mentre Pechino sposta l’onere sull’industria richiedendo loro di guadagnare crediti per la vendita dell’elettrico. I prezzi partono da 100.000 yuan ($ 14.500) per un SUV compatto con un’autonomia di 400 km (250 miglia) con una singola carica.

“I cinesi sono terrorizzati”, ha detto il CFO di Tesla Zachary Kirkhorn durante la telefonata.

I marchi cinesi di veicoli elettrici combinano centri di ricerca e progettazione negli Stati Uniti e in Europa Con fabbriche in Cina.

Zeekr di Geely prevede di lanciare quest’anno una berlina e un SUV completamente elettrici nei Paesi Bassi e in Svezia. La mini-ONU di designer cinesi ed europei si trova a Göteborg, in Svezia, accanto a Volvo Cars, un altro marchio automobilistico Geely, mentre i suoi stabilimenti sono in Cina.

“La nostra ambizione è quella di essere uno dei principali attori nel campo della mobilità elettrica in Europa entro questo decennio”, ha affermato il CEO di Zeekr Spiros Fotinos, un veterano di Toyota e Lexus. “Con una chiara ambizione globale, stiamo guardando alle opportunità e al momento giusto per altri mercati”, ha affermato.

Carlos Tavares, CEO di Stellantis, la società madre di Chrysler, Peugeot e Fiat, ha avvertito a gennaio che l’Europa aveva bisogno di una strategia per competere con i prezzi più bassi della Cina. Secondo Tavares, le elettriche di fabbricazione europea costano il 40% in più rispetto ai modelli cinesi.

READ  Rapporto: Amazon ha guadagnato 1 miliardo di dollari utilizzando un algoritmo segreto per aumentare i prezzi su Internet

“È uno scenario molto cupo”, ha detto Tavares alla rivista tedesca Automobilwoche. “Ma non dovrebbe andare così.”

Le esportazioni di BYD Auto sono quadruplicate nell’ultimo anno a 55.916 berline, SUV e hatchback. La maggior parte di loro è andata in India, Tailandia, Brasile e altri mercati in via di sviluppo. BYD lo scorso anno ha annunciato la vendita di 1.000 veicoli alla società messicana VEMO per la più grande flotta di taxi al di fuori della Cina.

BAIC di proprietà statale con sede a Pechino ha dichiarato che un concessionario in Giordania ha ordinato 1.000 unità della sua berlina compatta EU5 a gennaio. La società ha dichiarato di voler lanciare altre due o tre auto elettriche in America Latina, Sud-est asiatico ed Europa.

E gli Stati Uniti, il mercato più grande e ricco?

I marchi cinesi di veicoli elettrici sono ombrosi riguardo a un paese tentacolare che richiede importanti investimenti in concessionarie e reti di ricarica, soprattutto perché Washington e Pechino sono in conflitto. Su sicurezza, tecnologia e diritti umani.

“Questo non è un compito facile”, ha detto Lee di NIO. “I nostri prodotti e servizi devono essere preparati.”

BYD Auto è presente sul mercato statunitense ormai da un decennio vendendo autobus di transito alimentati a batteria assemblati nel suo stabilimento di Northeast Los Angeles. In una risposta scritta alle domande, la società ha affermato di essere “ancora in procinto” di decidere se vendere SUV e berline agli americani.

Lia ha affermato che le tensioni politiche “rendono difficile per un’azienda cinese lanciare veicoli elettrici o altro” negli Stati Uniti.

In Europa, l’Ora della Grande Muraglia vende Il suo modello 03 parte da 140.000 yuan ($ 20.000). Ora cerca di distinguersi tra dozzine di marchi alle prime armi commercializzando le sue auto come progettate per le donne, le loro dimensioni corporee e le esigenze quotidiane.

“Questa è una seconda o terza auto per una casa. Una moglie o una figlia possono usarla per andare al lavoro, uscire con gli amici o fare shopping”, ha detto il vicedirettore generale di Aura Tan Jian.

READ  Le azioni asiatiche sono aumentate mentre i colloqui tra Russia e Ucraina hanno rafforzato il sentimento

In Europa, BYD Auto ha partnership con catene di rivenditori in Gran Bretagna, Svezia, Germania e Paesi Bassi. La società afferma di aver consegnato auto anche in Belgio, Danimarca e Austria. Ha un accordo con la società di leasing europea SIXT che secondo BYD porterà alla vendita di 100.000 veicoli nei prossimi sei anni.

In Giappone, BYD Auto prevede di aprire 100 showroom entro la fine del 2025. La sua berlina Dolphin e la berlina Ceylon dovrebbero raggiungere il mercato giapponese quest’anno. La società afferma di aver esportato anche circa 4.000 ATTO 3 in Australia.

L’azienda OZ di Furukawa sta trasformando i Maggiolini Volkswagen e altri modelli classici sostituendo i motori a benzina con batterie e motori elettrici. Furukawa ha detto che guida il suo ATTO 3 ogni giorno ed è andato fino a Osaka, a 400 chilometri (250 miglia) di distanza.

Lo showroom di Yokohama di BYD Auto, aperto il 2 febbraio, è circondato da concessionarie di marchi noti tra cui Toyota, Nissan, BMW, Volkswagen e Chevrolet.

Un padre sposato di uno ha detto di aver guardato i modelli giapponesi, ma ha acquistato l’ATTO 3 per la sua spaziosità e il prezzo.

“Mi piace guidare, ed è facile da guidare”, ha detto l’acquirente, che ha chiesto di non essere identificato se non con il suo cognome, Ota. “Ci sono molte buone caratteristiche.”

Il padre di Ohta ha avuto una “reazione negativa” sul fatto che BYD provenisse dalla Cina, che ha una storia di relazioni tese con il Giappone. Ma Ohta ha affermato che il suo lavoro nell’industria dei giochi elettronici gli ha insegnato a rispettare l’innovazione cinese.

“Escono con prodotti eccellenti”, ha detto Ota. “Rispetto la nazione”.

___

McDonald riferito da Shanghai.