Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Paramount sta indagando sulle accuse secondo cui Sylvester Stallone avrebbe usato un linguaggio dispregiativo sul set di “Tulsa King”.

La Paramount sta indagando sulle accuse secondo cui Sylvester Stallone avrebbe usato un linguaggio dispregiativo sul set di “Tulsa King”.

Mert Albert Darwish/Agenzia Anadolu/Getty Images

Sylvester Stallone nel 2023



CNN

La Paramount sta esaminando le accuse secondo cui Sylvester Stallone avrebbe usato un linguaggio dispregiativo nei confronti degli attori secondari sul set di “Tulsa King”, che è in streaming su Paramount+, hanno detto fonti alla CNN.

Lo studio sta indagando sulle accuse emerse per la prima volta sui social media in cui Stallone è accusato di riferirsi ad alcuni artisti che lavorano come comparse sul set della serie TV come “brutti”, una “vasca di lardo” e un “uomo grasso con un canna.” Secondo due fonti vicine allo spettacolo.

“Porta ragazze carine intorno a me”, è stato accusato Stallone quando è stato sentito dire al regista di “Tulsa King” in un altro post sui social media riguardo al gruppo.

Non è stata presentata alcuna denuncia formale contro Stallone o il regista, hanno detto alla CNN le due fonti di produzione. Le persone hanno affermato che il personale delle risorse umane è venuto a conoscenza delle accuse attraverso post sui social media.

ha detto Craig Zisk, regista e produttore esecutivo di “Tulsa King”. TMZ “Non sono stati fatti insulti del genere.”

La CNN ha contattato i rappresentanti di Stallone e Zisk.

Brian Douglas/Paramount+

Sylvester Stallone nel ruolo di Dwight “Generale” Manfredi in “Tulsa King”.

I post sui social media che dettagliano le accuse sembrano aver avuto origine su gruppi Facebook riguardanti le esperienze passate degli attori sul set di “Tulsa King”, ma sono stati diffusi più ampiamente quando I presunti screenshot sono stati condivisi su X, precedentemente noto come Twitter, della scrittrice televisiva Julie Benson. Sebbene non lavori in “Tulsa King”, Benson ha detto di aver appreso delle accuse da un amico che lavora come attore di sottofondo nello show.

READ  Il sogno di una leggenda di "Minecraft" finalmente svela il suo volto

In Un ambiente in cui non mi sentivo a mio agio nel mettere me stesso o i miei artisti di background.

Fonti hanno anche detto alla CNN che l'agenzia di casting si è dimessa dallo show televisivo.

Pubblicato su Facebook Pagina ufficiale La società di Locke, Catrett Locke Casting, ha confermato di aver “scelto di separarsi” dal “Re di Tulsa”, anche se il post non ha specificato il motivo.

Una fonte vicina alla produzione di entrambe le stagioni di “Tulsa King” ha detto alla CNN che i produttori miravano ad abbinare lo stesso tono e le stesse sensazioni agli attori secondari apparsi nella prima stagione dello show, e i nuovi attori per la seconda stagione non erano quelli che il regista aveva previsto. richiesto. Dal casting. L'individuo ha aggiunto che il regista ha chiesto all'agente del casting di inviare le foto degli attori sullo sfondo, il che ha causato una spaccatura e, infine, le dimissioni della società di casting.

Inoltre, alcuni attori secondari hanno chiesto di scattare foto con Stallone sul set, ha aggiunto la fonte della produzione.

La questione viene ora indagata attraverso interviste con il cast e la troupe mentre la produzione continua, secondo entrambe le fonti che hanno familiarità con la situazione attuale. Una fonte ha detto che le telecamere hanno recentemente iniziato a filmare la seconda stagione di “Tulsa King” e che l'indagine non cambia in alcun modo i piani di produzione.

Stallone e il regista continuano a lavorare come previsto.

Una fonte di produzione ha detto alla CNN che la Paramount è orgogliosa di un “posto di lavoro giusto e rispettoso”. L'altra fonte, anch'essa a conoscenza dell'indagine, ha affermato che l'indagine viene presa sul serio per garantire che tutti si sentano sicuri sul lavoro e siano felici durante le riprese.

READ  Non è più la prima, è la norma

La CNN ha contattato SAG-AFTRA, che rappresenta gli attori secondari, per chiedere se il sindacato è a conoscenza – o sta indagando – su qualche accusa che circonda il “Re di Tulsa”. Un rappresentante della CSA, la Casting Society of America, ha detto alla CNN che gli agenti di casting di sottofondo non sono inclusi tra i suoi membri.

101 Studios, la società di produzione dietro il successo della Paramount “Yellowstone”, sta producendo “Tulsa King” con MTV Entertainment Studios, di proprietà della Paramount.

La CNN ha contattato i rappresentanti di 101 Studios e Paramount per un commento.