Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra e le malattie potrebbero uccidere 85.000 abitanti di Gaza entro 6 mesi

La guerra e le malattie potrebbero uccidere 85.000 abitanti di Gaza entro 6 mesi

L’escalation della guerra a Gaza potrebbe portare alla morte di 85.000 palestinesi per ferite e malattie nei prossimi sei mesi, la peggiore delle tre condizioni indicate dai principali epidemiologi. Sono progettati nel tentativo di comprendere il potenziale futuro bilancio delle vittime a causa del conflitto.

Queste morti si aggiungeranno agli oltre 29.000 morti a Gaza che le autorità locali hanno attribuito al conflitto dall’inizio di ottobre. Questa stima rappresenta una “mortalità in eccesso” più elevata di quella che ci si aspetterebbe se non ci fosse stata la guerra.

Nel secondo scenario, presupponendo che non vi sia alcun cambiamento nell’attuale livello di combattimenti o di accesso umanitario, secondo i ricercatori della Johns Hopkins University e della London School of Hygiene, nei prossimi sei mesi potrebbero esserci altri 58.260 morti nell’enclave. Medicina tropicale.

La loro analisi ha rilevato che questo numero potrebbe salire a 66.720 se si verificasse un’epidemia di malattie infettive come il colera.

L’analisi ha rilevato che anche nel migliore dei tre scenari descritti dal gruppo di ricerca – un cessate il fuoco immediato e prolungato senza epidemie di malattie infettive – altri 6.500 abitanti di Gaza potrebbero morire nei prossimi sei mesi come conseguenza diretta della guerra.

La popolazione della Striscia di Gaza prima della guerra era di 2,2 milioni di persone.

“Questo non è un messaggio o una difesa politica”, ha affermato il dottor Francesco Cecchi, professore di epidemiologia e salute internazionale alla London School of Hygiene and Tropical Medicine.

Ha aggiunto: “Volevamo semplicemente metterlo davanti alle menti delle persone e sulle scrivanie dei decisori, in modo che si potesse poi dire che quando queste decisioni furono prese, c'erano prove disponibili su come le influenzarono. ” In termini di vita”.

READ  Le immagini satellitari mostrano la devastazione a Gaza dopo gli attacchi aerei israeliani

Il dottor Shishi e i suoi colleghi hanno stimato il numero di morti in eccesso previste sulla base dei dati sanitari disponibili per Gaza prima dell’inizio della guerra e di quelli raccolti durante più di quattro mesi di combattimenti.

Il loro studio esamina le morti per lesioni traumatiche, malattie infettive, cause materne e neonatali e malattie non trasmissibili per le quali le persone non possono più ricevere farmaci o cure, come la dialisi.

Il dottor Cheshi ha affermato che l’analisi ha permesso di determinare il potenziale impatto del cessate il fuoco sulle vite umane. Ha aggiunto: “Le decisioni che saranno prese nei prossimi giorni e settimane sono di grande importanza per quanto riguarda l'evoluzione del numero delle vittime a Gaza”.

La proiezione della morte di 6.500 persone anche in caso di cessate il fuoco si basa sul presupposto che non si verificheranno epidemie di malattie infettive. Con le epidemie di colera, morbillo, poliomielite o meningite, quel numero sarebbe 11.580, ha affermato il dottor Paul Spiegel, direttore dell'Hopkins Center for Human Health e autore della ricerca, che non è stata sottoposta a revisione paritaria.

Ha aggiunto che, sebbene sia chiaro che l’escalation militare porterebbe a ulteriori vittime, i politici dovrebbero essere consapevoli della gamma di morti che questi scenari indicano.

“Speriamo di portare un po' di realtà alla questione”, ha detto il dottor Spiegel. “Ciò significa 85.000 morti aggiuntivi in ​​una comunità dove l’1,2% della popolazione è già stata uccisa”.

Patrick Ball, un esperto di analisi quantitative delle morti nei conflitti che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che è insolito vedere uno sforzo così accurato per calcolare il potenziale costo umanitario di una guerra in corso.

READ  Gli ucraini si stanno preparando per un inverno cupo mentre gli attacchi russi interrompono la capacità energetica

“Questo documento fa luce su questo conflitto in un modo mai visto in nessun conflitto precedente”, ha affermato il dottor Paul, direttore della ricerca presso lo Human Rights Data Analysis Group, un'organizzazione senza scopo di lucro. “Evidenzia i potenziali costi in vite umane e sofferenze umane di diversi tipi di azioni future che sono sotto il controllo umano”.

Ha aggiunto: “Le persone prenderanno decisioni che porteranno a uno di questi tre scenari, o a una complessa combinazione di essi, e questo ci dà un'idea dei possibili esiti di tali decisioni”.

L’analisi prevede che le morti per lesioni traumatiche a Gaza nei prossimi sei mesi saranno distribuite tra tutte le età e tutti i sessi.

Il documento afferma: “Il 43% delle morti dovute a traumi si verificano tra le donne e il 42% tra i bambini di età inferiore ai 19 anni”, il che “riflette l’intensità e la natura diffusa dei bombardamenti”.

Secondo l’analisi, anche con un cessate il fuoco immediato, le morti legate alla guerra continueranno. Questo bilancio include la morte di persone morte a causa di ferite precedenti o ferite da ordigni inesplosi, morte di bambini e donne a cui non possono essere fornite cure complesse durante il parto e morte di bambini malnutriti e incapaci di combattere infezioni come la polmonite.

“Non credo che la gente si renda conto di quanto tempo ci vorrà perché la situazione cambi”, ha detto il dottor Spiegel.