Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Federal Reserve lancia un altro rialzo dei tassi

La Federal Reserve lancia un altro rialzo dei tassi

La Federal Reserve ha alzato il tasso di interesse di riferimento mercoledì di tre quarti di punto per la quarta volta consecutiva, ma ha lasciato intendere che potrebbe presto ridurre l’entità dei suoi aumenti dei tassi. 3,75% al ​​4%, un massimo di 15 anni. È stata la sesta volta che il tasso di interesse della banca centrale è aumentato quest’anno, una serie che ha reso i mutui e altri prestiti ai consumatori e alle imprese sempre più costosi e ha aumentato i rischi di recessione, ma in una dichiarazione, la Fed ha suggerito che potrebbe presto andare più a fondo. La frequenza dell’aumento del tasso. Nei prossimi mesi, ha affermato, esaminerà l’effetto cumulativo dei suoi ampi aumenti dei tassi di interesse sull’economia. Notando che l’aumento dei tassi di interesse richiede tempo per influenzare pienamente la crescita e l’inflazione, queste parole indicavano che i politici della Fed potrebbero ritenere che i costi finanziari siano in aumento abbastanza da rallentare l’economia e ridurre l’inflazione. Se è così, potrebbe indicare che non hanno bisogno di aumentare i prezzi così rapidamente come hanno fatto, tuttavia, per ora, la persistenza dei prezzi gonfiati e gli alti costi finanziari stanno mettendo sotto pressione le famiglie americane e minando la capacità dei democratici di fare campagna. sulla salute del mercato del lavoro e stanno cercando di controllare il Congresso. I candidati repubblicani hanno criticato i Democratici per l’effetto punitivo dell’inflazione in vista delle elezioni di medio termine che si concluderanno martedì, e la dichiarazione della Fed è stata rilasciata mercoledì dopo il suo ultimo incontro politico. Molti economisti si aspettano che il presidente Jerome Powell indichi in una conferenza stampa che il prossimo rialzo dei tassi della Fed a dicembre potrebbe essere solo di mezzo punto, non di tre quarti. Ma dopo aver calcolato erroneamente l’inflazione dell’anno scorso come probabile transitoria, Powell ha spinto la Federal Reserve ad aumentare drasticamente i tassi di interesse per cercare di rallentare l’indebitamento e la spesa e allentare le pressioni sui prezzi. per sconvolgere l’economia. Il governo ha riferito che l’economia è cresciuta nell’ultimo trimestre e che i datori di lavoro stanno ancora assumendo a un ritmo solido. Ma il mercato immobiliare è crollato e i consumatori stanno a malapena spendendo di più, con l’acquirente di mutui Freddie Mac che ha riferito che il tasso medio dei mutui a tasso fisso a 30 anni, appena il 3,14% un anno fa, ha superato il 7% la scorsa settimana. Le vendite di case esistenti sono diminuite per otto mesi consecutivi e Plerina Orochi, economista di T. Rowe Price, ha suggerito che il calo delle vendite di case è un “canarino da miniera di carbone”, il che implica che l’aumento dei tassi di interesse della Fed sta smorzando il tasso di interesse più alto . Un settore sensibile come quello delle abitazioni. Orochi ha osservato, tuttavia, che i rialzi della Fed non hanno ancora rallentato in modo apprezzabile gran parte del resto dell’economia, in particolare il mercato del lavoro o la domanda dei consumatori. Basandosi su una bassa inflazione “vicina al loro obiettivo del 2% nei prossimi due anni. Diversi funzionari della Fed hanno recentemente affermato di non aver ancora visto progressi significativi nella loro battaglia contro l’aumento dei costi. L’inflazione è aumentata dell’8,2% a settembre rispetto a 12 mesi prima, è solo al di sotto del tasso più alto degli ultimi 40 anni, tuttavia, i responsabili politici potrebbero ritenere di poter presto rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi perché alcune prime indicazioni indicano che l’inflazione potrebbe iniziare a diminuire nel 2023. La spesa, che è stata schiacciata dai prezzi, sta crescendo a malapena Prezzi più alti e prestiti più costosi Le crisi della catena di approvvigionamento si attenuano, il che significa meno carenza di beni e pezzi di ricambio La crescita dei salari è piatta, il che, se seguito da cali, dovrebbe ridurre le pressioni inflazionistiche, ma il mercato del lavoro rimane costantemente forte, il che potrebbe renderlo difficile per la Federal Reserve raffreddare l’economia e frenare l’inflazione. Questa settimana, il governo ha riferito che le aziende hanno annunciato più posti di lavoro a settembre rispetto ad agosto. Ora ci sono 1,9 posti di lavoro disponibili per ogni lavoratore disoccupato, che è un’offerta inimmaginabilmente grande. Normale La percentuale più alta che i datori di lavoro probabilmente continueranno ad aumentare i salari per attrarre e trattenere i lavoratori. I costi del lavoro più elevati vengono spesso trasferiti ai clienti sotto forma di prezzi più elevati, facendo aumentare l’inflazione e, alla fine, gli economisti di Goldman Sachs si aspettano che i politici della Fed alzino il tasso chiave a quasi il 5% entro marzo. Questo è più alto di quanto la stessa Fed aveva previsto nella sua precedente serie di previsioni a settembre. Al di fuori degli Stati Uniti, anche molte altre importanti banche centrali stanno aumentando rapidamente i tassi di interesse per cercare di raffreddare livelli di inflazione superiori alla scorsa settimana, la Banca centrale europea ha annunciato un secondo aumento consecutivo dei tassi, aumentando i tassi al ritmo più veloce della storia. La valuta dell’euro nel tentativo di frenare l’inflazione che è salita al massimo storico del 10,7% il mese scorso, allo stesso modo, la Banca d’Inghilterra dovrebbe aumentare i tassi di interesse giovedì per cercare di allentare i prezzi al consumo, che sono aumentati al ritmo più veloce degli ultimi 40 anni , al 10,1% a settembre. Anche se i tassi vengono aumentati per combattere l’inflazione, sia l’Europa che il Regno Unito sembrano entrare in recessione.

READ  Gli impegni sul clima stanno scivolando e un futuro caotico sembra più vicino alla realtà

La Federal Reserve ha alzato il tasso di interesse di riferimento mercoledì di tre quarti di punto per la quarta volta consecutiva, ma ha lasciato intendere che potrebbe presto ridurre l’entità dei suoi aumenti dei tassi.

La mossa della Fed ha alzato il tasso di interesse chiave a breve termine a un intervallo compreso tra il 3,75% e il 4%, il livello più alto degli ultimi 15 anni. È stato il sesto aumento dei tassi da parte della banca centrale quest’anno, una successione che ha reso i mutui e altri prestiti ai consumatori e alle imprese sempre più costosi e ha aumentato i rischi di recessione.

Ma in una dichiarazione, la Fed ha suggerito che potrebbe presto passare a un ritmo più deliberato di aumenti dei tassi. Nei prossimi mesi, ha affermato, esaminerà l’effetto cumulativo dei suoi ampi aumenti dei tassi di interesse sull’economia. Ha osservato che l’aumento dei tassi di interesse richiede tempo per influenzare pienamente la crescita e l’inflazione.

Queste parole indicavano che i responsabili politici della Fed potrebbero ritenere che i costi finanziari stiano aumentando abbastanza da rallentare l’economia e ridurre l’inflazione. Se è così, ciò indica che non hanno bisogno di aumentare i prezzi così rapidamente come una volta.

Tuttavia, per ora, la persistente inflazione dei prezzi e l’aumento dei costi finanziari stanno mettendo sotto pressione le famiglie americane e minando la capacità dei Democratici di fare campagne per la salute del mercato del lavoro mentre cercano di prendere il controllo del Congresso. I candidati repubblicani hanno attaccato i democratici per l’effetto punitivo dell’inflazione in vista delle elezioni di medio termine, che si concluderanno martedì.

READ  Divieto di voli russi sulle compagnie aeree di 36 paesi - Civil Aviation Authority

La dichiarazione della Fed è stata rilasciata mercoledì dopo il suo ultimo incontro politico. Molti economisti si aspettano che il presidente Jerome Powell indichi in una conferenza stampa che il prossimo rialzo dei tassi della Fed a dicembre potrebbe essere solo di mezzo punto, non di tre quarti.

In genere, la Fed aumenta i tassi di interesse con incrementi di un quarto di punto. Ma dopo aver erroneamente giudicato come probabile transitoria la sottovalutazione dell’inflazione dell’anno scorso, Powell ha spinto la Fed ad aumentare drasticamente i tassi di interesse per cercare di rallentare l’indebitamento e la spesa e allentare le pressioni sui prezzi.

L’ultimo aumento dei tassi di mercoledì ha coinciso con le crescenti preoccupazioni che la Federal Reserve possa restringere il credito tanto quanto far deragliare l’economia. Il governo ha riferito che l’economia è cresciuta nell’ultimo trimestre e che i datori di lavoro stanno ancora assumendo a un ritmo solido. Ma il mercato immobiliare sta crollando e i consumatori difficilmente stanno aumentando la loro spesa.

L’acquirente di mutui Freddy Mac ha riferito che il tasso medio dei mutui a tasso fisso a 30 anni, che era solo del 3,14% un anno fa, ha superato il 7% la scorsa settimana. Le vendite di case esistenti sono diminuite per otto mesi consecutivi.

Blerina Uruci, economista di T. Rowe Price, ha suggerito che il calo delle vendite di case è il “canarino della miniera di carbone” che mostra che l’aumento dei tassi della Fed sta indebolendo un settore sensibile agli interessi come quello immobiliare. Orochi ha osservato, tuttavia, che i rialzi della Fed non hanno ancora rallentato in modo apprezzabile gran parte del resto dell’economia, in particolare il mercato del lavoro o la domanda dei consumatori.

READ  I lavoratori di Felixstow, il più grande porto per container del Regno Unito, inizieranno uno sciopero di 8 giorni

“Finché queste due componenti rimarranno forti”, ha affermato, i politici della Fed “non possono contare su una bassa inflazione” vicino al loro obiettivo del 2% nei prossimi due anni.

Diversi funzionari della Federal Reserve hanno recentemente affermato di non aver ancora visto progressi significativi nella loro battaglia contro l’aumento dei costi. L’inflazione è aumentata dell’8,2% a settembre rispetto a 12 mesi prima, appena al di sotto del tasso più alto degli ultimi 40 anni.

Tuttavia, i responsabili politici potrebbero ritenere di poter presto rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse perché alcune prime indicazioni indicano che l’inflazione potrebbe iniziare a diminuire nel 2023. La spesa dei consumatori, schiacciata da prezzi più alti e prestiti più costosi, sta crescendo appena. Le crisi della catena di approvvigionamento si stanno attenuando, il che significa meno carenze di beni e parti. La crescita dei salari è piatta e, se seguita da un calo, ridurrebbe le pressioni inflazionistiche.

Tuttavia, il mercato del lavoro rimane costantemente forte, il che potrebbe rendere difficile per la Fed calmare l’economia e frenare l’inflazione. Questa settimana, il governo ha riferito che le aziende hanno annunciato più posti di lavoro a settembre rispetto ad agosto. Ora ci sono 1,9 posti di lavoro disponibili per ogni lavoratore disoccupato, un’offerta insolitamente grande.

Un rapporto più alto significa che i datori di lavoro probabilmente continueranno ad aumentare i salari per attrarre e trattenere i lavoratori. I costi del lavoro più elevati vengono spesso trasferiti ai clienti sotto forma di prezzi più elevati, il che porta a un aumento dell’inflazione.

In definitiva, gli economisti di Goldman Sachs si aspettano che i politici della Fed alzino il tasso di interesse chiave a quasi il 5% entro marzo. Questo è più alto di quanto la stessa Fed aveva previsto nella sua precedente serie di previsioni a settembre.

Al di fuori degli Stati Uniti, anche molte altre importanti banche centrali stanno aumentando rapidamente i tassi di interesse per cercare di raffreddare i livelli di inflazione al di sopra degli Stati Uniti.

La scorsa settimana, la Banca centrale europea ha annunciato un secondo aumento consecutivo dei tassi, aumentando i tassi al ritmo più veloce nella storia della valuta euro, nel tentativo di frenare l’inflazione che è salita al record del 10,7% il mese scorso.

Allo stesso modo, la Banca d’Inghilterra dovrebbe aumentare i tassi di interesse giovedì nel tentativo di allentare i prezzi al consumo, che sono aumentati al ritmo più veloce degli ultimi 40 anni, al 10,1% a settembre. Anche se i tassi vengono aumentati per combattere l’inflazione, sia l’Europa che il Regno Unito sembrano entrare in recessione.