Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'accordo sull'esportazione di grano dall'Ucraina ritorna mentre la Russia riprende la partecipazione

L’accordo sull’esportazione di grano dall’Ucraina ritorna mentre la Russia riprende la partecipazione

  • La Turchia afferma che l’accordo sul grano riprenderà mercoledì a mezzogiorno
  • La Russia afferma di aver ricevuto garanzie dall’Ucraina
  • Le garanzie dichiarate non vanno oltre l’accordo originale

ANKARA/Kiev (Reuters) – La Russia ha dichiarato mercoledì che riprenderà la sua partecipazione a un accordo per liberare le esportazioni di grano vitale dall’Ucraina dilaniata dalla guerra dopo che era stata sospesa nel fine settimana, con una mossa che minacciava di esacerbare la fame in tutto il Paese. Globalismo.

Il ministero della Difesa russo ha affermato di aver ricevuto garanzie scritte da Kiev che il corridoio del grano del Mar Nero non sarebbe stato utilizzato nelle operazioni militari contro la Russia.

“La Federazione Russa ritiene che le garanzie ricevute in questo momento appaiano sufficienti e sta riprendendo l’attuazione dell’accordo”, ha affermato il ministero in una nota.

La Russia ha sospeso la sua partecipazione all’accordo sabato, dicendo che non poteva garantire la sicurezza delle navi civili che attraversano il Mar Nero a causa di un attacco alla sua flotta, parte del quale, secondo quanto riferito, proveniva dall’interno del corridoio di esportazione del grano. L’Ucraina ha detto che era una scusa falsa.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato in precedenza che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto al suo omologo turco che l’accordo sul grano firmato il 22 luglio, mediato dalla Turchia e dalle Nazioni Unite, continuerà a funzionare a partire da mezzogiorno di mercoledì.

Erdogan ha affermato che “il trasferimento di grano continuerà come precedentemente concordato fino alle 12 di oggi”.

Dopo l’annuncio, i prezzi di grano, soia, mais e colza sono scesi drasticamente sui mercati globali, attenuando i timori sulla crescente accessibilità dei generi alimentari.

READ  Le Nazioni Unite chiedono alla Russia di pagare un risarcimento. Come hanno votato i paesi? | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Fonti del settore hanno detto a Reuters che le navi hanno continuato a trasportare grano ucraino sulla rotta nonostante la sospensione, ma che è improbabile che ciò continui a lungo perché gli assicuratori non hanno emesso nuovi contratti a causa del trasferimento della Russia.

“Questa è una svolta completamente inaspettata”, ha detto Andrei Sizov, presidente della società di consulenza agricola Sofikon, focalizzata sulla Russia, a proposito della decisione della Russia.

“Tuttavia, l’accordo rimane traballante, poiché ora si torna a congetturare se ci sarà o meno una proroga. A due settimane dalla proroga, è chiaro che il dibattito su questo tema continuerà”, ha aggiunto Sizov.

L’accordo scade il 19 novembre e un diplomatico europeo informato sui colloqui sul grano ha detto a Reuters che il presidente russo Vladimir Putin probabilmente utilizzerà una potenziale estensione come un modo per ottenere influenza e dominio al vertice del G20 del prossimo mese in Indonesia.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock ha affermato che l’appello mostra quanto i paesi possono ottenere insieme.

“Questa è un’espressione di quanto sia importante per coloro che credono nel sistema internazionale … stare insieme in questi tempi difficili e non lasciarsi ricattare dalla Russia”, ha detto Felt a Felt.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato in precedenza che il mondo dovrebbe rispondere con fermezza a qualsiasi tentativo russo di interrompere il corridoio di esportazione dell’Ucraina attraverso il Mar Nero, che è stato bloccato dopo che Mosca ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio.

READ  L'aiutante di Zelensky afferma che Vladimir Putin "vive nella paura per la sua vita mentre l'esercito si ritira"

Il blocco russo ha esacerbato la carenza di cibo e una crisi del costo della vita in molti paesi, con l’Ucraina che è uno dei maggiori fornitori mondiali di grano e semi oleosi.

Zelensky, in un video discorso di martedì sera, ha affermato che le navi si stanno ancora muovendo dai porti ucraini con merci grazie al lavoro della Turchia e delle Nazioni Unite.

“Ma è necessaria una difesa affidabile ea lungo termine del corridoio del grano”, ha affermato Zelensky.

“La Russia deve rendersi conto chiaramente che riceverà una dura risposta dal mondo per qualsiasi azione volta a interrompere le nostre esportazioni alimentari”, ha affermato Zelensky. “Ovviamente, il problema qui riguarda la vita di decine di milioni di persone”.

L’accordo sul grano mira ad aiutare a prevenire la carestia nei paesi poveri pompando più grano, olio di girasole e fertilizzanti nei mercati mondiali e allentando i forti aumenti dei prezzi. Mirava al livello prebellico di 5 milioni di tonnellate esportate dall’Ucraina ogni mese.

Il ministro degli Esteri turco Mevlu Cavusoglu ha affermato in precedenza che la Russia era preoccupata per le sue esportazioni di fertilizzanti e cereali, facendo eco ai funzionari russi dicendo che le navi che li trasportavano non potevano attraccare anche se le esportazioni non erano incluse nelle sanzioni occidentali.

Non si fa menzione di concessioni su questi temi nella dichiarazione russa sull’appello.

L’analista politica russa Tatiana Stanovaya ha affermato che la decisione di Mosca di riprendere l’accordo non ha nulla a che fare con le garanzie dell’Ucraina.

“Lo stesso Cremlino è semplicemente caduto in una trappola da cui non sapeva come uscire”, ha detto.

READ  La Russia ha invaso l'Ucraina, ha attaccato Mariupol dal Mar d'Azov

“Era necessario fare un passo indietro e guardare bene (non molto bene) quando si affronta una brutta partita. Cioè, Putin, non importa quanto sia impegnato con l’Ucraina, la sua missione storica e la sua convinzione di avere ragione, rimane un politico moderatamente razionale che sa come fare marcia indietro se necessario”.

L’ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas Greenfield, ha detto alla CNN di essere “contenta” di sentire il ritorno della Russia all’accordo.

“Non possono ostacolare il nutrimento del mondo intero”, ha detto.

Copertura aggiuntiva di Ezci Erkoyun ad Ankara e in altri uffici Reuters; Scritto da Philippa Fletcher; A cura di Angus Maxwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.