Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Jim Otto, leggenda dei Raiders, muore a 86 anni

Jim Otto, leggenda dei Raiders, muore a 86 anni

NFL

Il centro di lunga data dei Raiders Jim Otto è morto all’età di 86 anni, ha annunciato la squadra domenica sera.

Non è stata fornita alcuna causa di morte.

Il resistente Otto, che indossava il distintivo numero “00”, fu un centro per le prime 15 stagioni dei Raiders dal 1960 al 1974, giocando da titolare con 210 partite consecutive.

“Ho sempre considerato l’essere un giocatore di football come un wrestler”, ha detto Otto a Bleacher Report nel 2009.

“C’è qualcosa dentro di te che dice: ‘Voglio andare là fuori e dimostrare il mio valore.’ La maggior parte delle volte ti infortunerai. Alcune persone hanno bisogno di una sfida nella vita e giocano a hockey o il rugby era il modo in cui potevo mettermi alla prova”.

Jim Otto, storico centro dei Raiders, è morto domenica all’età di 86 anni. Gruppo MediaNews tramite Getty Images

Otto è stato nove volte giocatore della prima squadra dell’All-AFL e poi tre volte centro del Pro Bowl dopo la fusione tra AFL e NFL.

“Le sue abilità come centro erano esemplari”, ha detto il defunto allenatore della Raiders Hall of Fame John Madden disse una volta. “Era uno di quei ragazzi che non voleva mai interrompere l’allenamento. Questo è l’opposto di quello che fanno la maggior parte dei debuttanti, che dicono: ‘Mandate il secondo ragazzo.'”

Otto è stato votato nella Hall of Fame nel 1980, il suo primo anno di ammissibilità.

Il duraturo Otto, che indossava il distintivo numero “00”, fu un centro per le prime 15 stagioni dei Raiders dal 1960 al 1974, giocando da titolare per 210 partite consecutive. Stampa degli Stati Uniti
Otto è stato nove volte giocatore della prima squadra dell’All-AFL e poi tre volte centro del Pro Bowl dopo la fusione tra AFL e NFL. Stampa degli Stati Uniti

“Impegno per l’eccellenza, orgoglio e compostezza, Jim Otto non solo incarnava la grandezza della nostra squadra di calcio, ma per più di un decennio è stato lo standard di eccellenza in base al quale vengono giudicate le posizioni nel calcio professionistico”, ha dichiarato Al, defunto proprietario della Raiders Hall of Fame. Davis ha detto in onore di Otto.

READ  Bruins firma David Krejci con un contratto di un anno

Otto ha subito più di 70 interventi chirurgici e nel 2007 gli è stata amputata la gamba destra.

“Non sono il tipo di persona che vuole che qualcuno sia dispiaciuto per me. Farò qualsiasi cosa. Andrò in guerra se devo vivere”, ha detto Otto nel 2013, aggiungendo: “Ho fatto un molto da quando mi è stata amputata la gamba. Sono stato al Circolo Polare Artico. “Sono stato in tutti i tipi di posti… adoro pescare.”

Otto è stato votato nella Hall of Fame nel 1980, il suo primo anno di ammissibilità. Kyle Terada – USA Today Sport
Otto ha subito più di 70 interventi chirurgici e nel 2007 gli è stata amputata la gamba destra. Gruppo MediaNews tramite Getty Images

Ha lasciato la moglie, un figlio e 14 nipoti.

“L’ho visto sanguinare”, ha detto l’outfielder dei Raiders Phil Villapiano in un’intervista del 2022. “Voglio dire, ogni partita. Qualunque casco indossasse, sicuramente non funzionava, perché cadeva e gli si rompeva sul naso. Sanguinava ad ogni partita. E i giocatori dell’altra squadra dicevano: ‘Cosa c’è?” stai andando avanti con questo ragazzo?!’




Carica altro…









https://nypost.com/2024/05/20/sports/jim-otto-raiders-legend-hall-of-famer-dead-at-86/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l’URL di condivisione