Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Italia. Lioloca Orlando: “C’è un rapporto strettissimo tra cultura e diritto e il primo dei diritti è l’identità”.

Palermo (Italia), corrispondenza.

Sei su tutti i fronti. Come sindaco di Palermo dal 1985, è stato più volte deputato al Parlamento italiano ed europeo e è una delle figure più importanti della politica siciliana. Tu possiedi la causa degli immigrati. Credi che cultura e diritti umani siano intrecciati?

Lioloca Orlando È del tutto connesso perché, che cos’è la cultura: rispetto e consapevolezza della propria identità. Sono educato se conosci me e la mia identità. Da questo punto di vista c’è un rapporto molto stretto tra cultura e diritti. E il primo dei diritti è, per me, l’identità. Sono razzista perché credo fermamente che ci sia una sola razza, la razza umana. Difendo questa razza, la razza umana. Ma credo anche fermamente che ci siano sei miliardi di segni. Sono contro l’identità associata al sangue, contro la legge del sangue. L’identità è il più alto atto di libertà. Io sono Palermo, ho scelto di essere Palermo ma alla fine di questa conversazione posso cambiare in ebraico o tedesco o altro. Mi piace ricordare che ogni essere umano è un cocktail di emozioni diverse, esperienze diverse, lingue diverse, culture diverse e scegliamo la nostra identità. Un bengalese, nato in Bangladesh, Francia, diventa un po’ francese, un po’ bengalese, un po’ tedesco, un po’ italiano, come gli italiani che vanno in Germania. Sono convinto che il movimento internazionale sia un diritto inalienabile. Avere l’identità di genitore non può essere condannato, né nessuno può essere condannato a vivere, morire o essere ucciso nel luogo in cui è nato perché bisogna essere liberi di scegliere dove vivere.

READ  È morto il famoso stilista Nino Cheruti

Qual è la tua definizione di cultura?

Lioloca Orlando La cultura è la consapevolezza della propria identità e dell’identità degli altri.

È risaputo che la globalizzazione e il sistema capitalista ultraliberale sono anticulturali. Cosa ne pensi e cosa si dovrebbe fare per cambiare questa situazione?

Lioloca Orlando Purtroppo devo rispondere che al capitalismo interessano gli stati, gli stati con confini. Noi, a differenza dei sindaci, non abbiamo frontiere o eserciti e non stampiamo monete. Siamo più indipendenti di un Primo Ministro. Un primo ministro ha l’esercito, i confini, la moneta. Credo che sia dovere di un sindaco far conoscere tutto. Se sei invisibile, non lo sei per te stesso e per gli altri. Non c’è differenza. Che tu sia un criminale latitante o un immigrato senza documenti, sei invisibile. Senza documenti sei pericoloso per te stesso e per gli altri. Grazie per i permessi di soggiorno vedo tutto a Palermo. Si può firmare un contratto quando è in buone condizioni e non in “nero” e si può firmare un contratto di locazione di un appartamento in buone condizioni. Un immigrato che mi ha rilasciato il permesso di soggiorno ha detto: “Ringrazio il sindaco di Palermo, che non conosco, perché grazie al mio permesso di soggiorno finalmente posso pagare le tasse. Finalmente puoi andare a pagare le tasse perché vedi.

Come sarebbe una cultura mediterranea?

Lioloca Orlando In una democrazia, la sicurezza si intreccia con i diritti. L’unica alternativa ai diritti è la protezione in una dittatura. Un Mediterraneo di cultura è, in sostanza, quello che dovrebbe essere, un continente senza frontiere senza permesso di soggiorno. Nel 2015 ho proposto “La Carta di Palermo”. Il permesso di soggiorno è una nuova forma di schiavitù, come la pena di morte. Quando pensi a quanto sia difficile sbarazzarsi della pena di morte. Il Vaticano ha abolito la pena di morte nel 2001. Quando si tratta di schiavitù, Voltaire è un commerciante di schiavi. All’epoca era normale. Oggi, per fortuna, non c’è più. Ma invece della schiavitù c’è il rischio di avere un permesso di soggiorno.

READ  La Spagna è andata in finale, chiudendo a dieci l'incredibile schieramento italiano

Ti sembra di non esserti mai fermato, dove trovi forza nella curiosità?

Lioloca Orlando Mi sono innamorato della mia città perché ho deciso di essere Palermo. Sono orgoglioso di essere un ballermitano e devo affrontare alcuni ballermitani che mi fanno vergognare di essere un ballermitano.

A volte ti senti preoccupato per le tue responsabilità?

Lioloca Orlando Non sono un filosofo, non sono un avvocato, sono un politico, sono un politico, sono eletto e rieletto. Questo significa che sto svelando cosa c’è nel cuore dei palermitani che da anni sono oppressi dalla mafia. Insomma, le vittime della mafia sono arrivate a riconoscere l’importanza dei diritti, della legge, delle pene e delle pene. All’epoca era la sofferenza degli immigrati a rendere comprensibile l’importanza dei diritti. La legge statale viola spesso i diritti umani, cosa che accade con gli immigrati. Non solo con gli immigrati, ma anche con gli omosessuali, per esempio. Sono andato al più grande Gay Pride dell’Europa meridionale. E sono stato il primo sindaco a consentire un’associazione gay. Diritti! Quando qualcuno dice che Orlando parla sempre di immigrati. Orlando non parla di diritti! Umani immigrati.

Che tipo di lettura e musica ti fa sentire rilassato?

Lioloca Orlando Mi piace molto la letteratura, ovviamente. Quando avevo 10 anni, ho letto “Delitti e pene”. Mi piace soprattutto la musica jazz. È musica interculturale, musica arcobaleno.

Cosa ti aspetti per il futuro di Palermo, dell’Italia, dell’Europa e del pianeta?

Lioloca Orlando Voglio candidarmi a presidente del mondo. Ma sfortunatamente la tassa non è ancora arrivata perché ci sono ancora restrizioni alle frontiere. L’UE, per me, è l’antitesi di come dovrebbe essere il mondo, un insieme di realtà sconfinate.

READ  Questo fan del "Signore degli Anelli" vive con la sua famiglia come hobby

Qual è la tua definizione di felicità?

Lioloca Orlando La mia definizione di felicità è armonia con te.

Intervista a Daniel Dufour-Verna