Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il telescopio Webb fa una scoperta inaspettata alla periferia del nostro sistema solare

Il telescopio Webb fa una scoperta inaspettata alla periferia del nostro sistema solare

Nella proverbiale “terra di nessuno” del nostro sistema solare, un profondo mondo alieno oltre i pianeti, gli scienziati hanno scoperto attività inaspettate.

Questa remota regione, abitata da mondi coperti di ghiaccio come Plutone (un pianeta nano), è chiamata Cintura di Kuiper, una regione a forma di ciambella che circonda gran parte del nostro sistema solare. È un luogo relativamente sconosciuto, ma si pensa che milioni di oggetti “morti” congelati orbitino attorno ad esso. Ora, gli astronomi hanno puntato il potente telescopio spaziale James Webb verso alcuni di questi oggetti ghiacciati e hanno trovato prove che non lo sono. Molto morto Dopo tutto questo.

“Stiamo vedendo alcuni segnali interessanti di tempi caldi in luoghi freddi”, ha detto in una dichiarazione Christopher Glenn, uno scienziato del Southwest Research Institute che studia i mondi ghiacciati.

Glenn, che in precedenza aveva condotto ricerche su Encelado, la luna di Saturno che emette geyser, ha condotto questa nuova indagine sugli oggetti della cintura di Kuiper, che è stata pubblicata sulla rivista Planetary Science. Icaro.

Guarda anche:

Ci sono misteriose “super-Terre” in tutta la galassia

Gli scienziati hanno puntato il telescopio Webb, che orbita a un milione di miglia dalla Terra, sui due più grandi oggetti conosciuti nella fascia di Kuiper: Eris e Makemake. Questo dispositivo è dotato di telecamere specializzate in grado di rilevare diversi tipi di elementi o molecole (come acqua o anidride carbonica) su mondi lontani.

Ciò che hanno trovato è stata una sorpresa: si ritiene che gli oggetti celesti e gli oggetti ghiacciati trovati nella cintura di Kuiper siano conservati, reliquie primitive del primo sistema solare. Ma il metano congelato individuato sulle superfici di Iris e Makemake (si trovano, in media, molto più distanti) 6 e 4 miliardi Queste molecole (a chilometri di distanza) mostrano che sono state recentemente “cotte”, ha spiegato Glenn. Ciò indica la presenza di regioni interne calde sotto queste croste di ghiaccio, in grado di spingere liquidi o gas in superficie. Depositi di metano relativamente recenti suggeriscono anche che questi mondi potrebbero avere oceani, come mostrato nel diagramma seguente (simili alle lune ghiacciate come Europa, che orbitano attorno a Giove).

READ  L'aereo Boeing Starliner soffre ora di 5 perdite mentre era parcheggiato fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale

“I nuclei caldi potrebbero anche indicare potenziali fonti di acqua liquida sotto le loro superfici ghiacciate”, ha spiegato Glenn.

Un diagramma che mostra come una fonte di calore vicino al nucleo di Iris e Makemake potrebbe sostenere l'oceano, spingendo gli elementi in superficie.
Credito: Istituto di ricerca del sud-ovest

Una visualizzazione di come appaiono i pianeti nani Eris e Makemake.

Una visualizzazione di come appaiono i pianeti nani Eris e Makemake.
Credito: Istituto di ricerca del sud-ovest

È anche possibile che alcuni di questi mondi ghiacciati, a miliardi di chilometri di distanza, possano fornire condizioni adatte all’evoluzione della vita, anche se non ci sono ancora prove di ciò.

Forse una missione è destinata ad essere inviata su questa frontiera cosmica. Dopotutto, la missione New Horizons della NASA su Plutone (e oltre) ha rivelato un mondo complesso con terreni diversi, inclusi ghiacciai e montagne fatte di ghiaccio d'acqua.

Velocità della luce mashable

“Con il sorvolo del sistema Plutone da parte di New Horizons e con questa scoperta, la fascia di Kuiper è diventata una serie di mondi dinamici più vibrante di quanto avessimo mai immaginato”, ha detto Glenn. “Non è troppo presto per iniziare a pensare di inviare una navicella spaziale a sorvolare uno di questi oggetti per inserire i dati del telescopio spaziale James Webb in un contesto geologico. Penso che rimarremo stupiti dalle meraviglie che ci aspettano!”

Un disegno che mostra la Cintura di Kuiper fuori dall'orbita di Nettuno nel nostro sistema solare.

Un disegno che mostra la Cintura di Kuiper fuori dall'orbita di Nettuno nel nostro sistema solare.
Credito: NASA

Potenti funzionalità del telescopio Webb

Il telescopio Webb, una collaborazione scientifica tra la NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese, è progettato per scrutare l’universo più profondo e rivelare nuove intuizioni sull’universo primordiale. Ma esamina anche i pianeti interessanti della nostra galassia, insieme ai pianeti e alle lune del nostro sistema solare.

READ  Aggiornamenti live di SpaceX: la navicella spaziale è stata lanciata con successo ma è stata persa al rientro

Ecco come Webb ha realizzato imprese senza precedenti che probabilmente dureranno per decenni:

– Specchio gigante: Lo specchio Webb, che cattura la luce, è largo più di 21 piedi. Questo è due volte e mezzo più grande dello specchio del telescopio spaziale Hubble. Catturare più luce consente a Webb di vedere oggetti più antichi e lontani. Come mostrato sopra, il telescopio osserva le stelle e le galassie che si sono formate più di 13 miliardi di anni fa, poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang.

Nel 2021, “vedremo le prime stelle e galassie mai formate”, ha detto a Mashable Jan Creighton, astronomo e direttore del Planetario Manfred Olson dell'Università del Wisconsin-Milwaukee.

– Display a infrarossi: A differenza di Hubble, che vede la luce in gran parte visibile a noi, Webb è principalmente un telescopio a infrarossi, il che significa che vede la luce nello spettro infrarosso. Questo ci permette di vedere di più dell'universo. L'infrarosso ha più tempo Lunghezze d'onda di luce visibile, così le onde luminose scivolano più efficacemente attraverso le nubi cosmiche; La luce spesso non colpisce né viene diffusa da queste particelle densamente compattate. Alla fine, il mirino a infrarossi di Webb potrebbe penetrare in luoghi dove Hubble non può.

“Solleva il velo”, ha detto Creighton.

– Osservando i pianeti extrasolari distanti: Telescopio Webb Trasporta attrezzature specializzate chiamate spettrometri Rivoluzionerebbe la nostra comprensione di questi mondi lontani. Gli strumenti possono decifrare le molecole (come acqua, anidride carbonica e metano) presenti nelle atmosfere di esopianeti lontani, siano essi giganti gassosi o mondi rocciosi più piccoli. Webb osserverà gli esopianeti nella Via Lattea. Chissà cosa troveremo?

READ  La più grande galassia conosciuta nell'universo è stata scoperta con una lunghezza di circa 16,3 milioni di anni luce

“Potremmo imparare cose a cui non avevamo mai pensato”, ha detto Mercedes Lopez Morales, ricercatrice e astrofisica di esopianeti presso Centro di Astrofisica ad Harvard e alla Smithsonian UniversityNel 2021, lo ha detto a Mashable.

Gli astronomi sono già riusciti a scoprire interessanti reazioni chimiche su un pianeta distante 700 anni luce e, come mostrato sopra, l'osservatorio ha iniziato a osservare uno dei luoghi più improbabili dell'universo: i pianeti rocciosi delle dimensioni della Terra nel sistema solare TRAPPISTA. sistema. Sistema.