Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il richiamo della birra allo champagne lascia i produttori francesi in spuma

Il richiamo della birra allo champagne lascia i produttori francesi in spuma

BRUXELLES (AP) – I custodi dello champagne non permetteranno a nessuno di nominare invano il nome della bevanda allo champagne, nemmeno al colosso americano della birra.

Per molti anni, Miller High Life ha utilizzato lo slogan “Champagne of Beers”. Questa settimana, quell’assegnazione è diventata impossibile da digerire.

Su richiesta dell’ente di commercio che difende gli interessi delle famiglie e dei produttori di spumante nel nord-est della Francia, la dogana belga ha frantumato più di 2.000 lattine di Miller High Life che erano state così pubblicizzate.

Il Comité Champagne ha ordinato la distruzione di 2.352 lattine in quanto il logo centenario utilizzato dal birrificio americano violava la denominazione di origine protetta “Champagne”.

Un portavoce dell’amministrazione doganale belga ha detto venerdì che la spedizione è stata intercettata nel porto belga di Anversa all’inizio di febbraio ed era destinata alla Germania. La dogana belga ha rifiutato di dire chi ha ordinato la birra.

L’organizzazione di categoria ha affermato in una dichiarazione che l’acquirente in Germania “è stato informato e non si è opposto alla decisione”.

Frederick Miller, un immigrato tedesco negli Stati Uniti, fondò la Miller Brewing Company negli anni ’50 dell’Ottocento. Miller High Life, il suo marchio più antico, è stato lanciato come marchio nel 1903.

Secondo il sito Web del marchio con sede a Milwaukee, la società ha iniziato a utilizzare il soprannome di “Champagne of Bottle Beers” tre anni dopo. Fu abbreviato in “Champagne Beers” nel 1969. La birra era disponibile anche in bottiglie stile Champagne da 750 millilitri durante le festività natalizie.

Non importa quanto sia popolare il logo negli Stati Uniti, è incoerente con le norme dell’Unione Europea che chiariscono che le merci che violano una denominazione di origine protetta possono essere trattate come contraffatte.

READ  Un parlamentare di estrema destra afferma che i medici possono rifiutare le cure per motivi religiosi, provocando un putiferio

Il conglomerato di 27 nazioni ha un sistema di denominazioni geografiche protette creato per garantire la vera origine e la vera qualità di cibi, vini e liquori artigianali e per proteggerli dalle imitazioni. Questo mercato è pari a ca 75 miliardi di euro (87 miliardi di dollari) all’anno La metà è nei vini, secondo uno studio del 2020 del braccio esecutivo dell’Unione Europea.

Charles Guimier, amministratore delegato di Comité Champagne, ha affermato che la distruzione della birra “sottolinea l’importanza che l’Unione Europea attribuisce alle denominazioni di origine e premia la determinazione dei produttori di Champagne a proteggere la loro denominazione”.

La società di bevande Molson Coors, proprietaria del marchio Miller High Life, ha dichiarato in una dichiarazione all’Associated Press che “rispetta le restrizioni locali” intorno alla parola Champagne.

“Ma rimaniamo orgogliosi di Miller Hi Life, il suo soprannome e la sua origine a Milwaukee, nel Wisconsin”, ha affermato la società. “Invitiamo i nostri amici in Europa negli Stati Uniti in qualsiasi momento per brindare insieme alla bella vita”.

Molson Coors Beverage ha aggiunto che attualmente non esporta Miller High Life nell’UE e “francamente non sappiamo bene come o perché sia ​​​​arrivato lì, o perché fosse diretto in Germania”.

La dogana belga ha affermato che il costo della distruzione delle lattine è stato addebitato dalla Commissione Champagne. Secondo la loro dichiarazione congiunta, ciò è stato fatto “nel massimo rispetto per le preoccupazioni ambientali, assicurando che l’intero lotto, sia contenuto che contenitore, sia riciclato in modo ecologicamente responsabile”.

___

Condividi Marco D. Carlson di Bruxelles.