Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Russian Maj. Gen. Andrei Sukhovetsky seen in March of 2021.

Un generale russo è stato ucciso in Ucraina alla fine di febbraio

Carolina, fuggita da Poltava, attende con suo figlio in un centro di distribuzione a Przemysl, in Polonia, il 10 marzo, di salire a bordo di un autobus diretto a Pforzheim. (Sebastian Julno / Picture-Alliance / dpa / Immagini AP)

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato giovedì che circa 100.000 persone sono state evacuate attraverso i corridoi umanitari negli ultimi due giorni.

Nel titolo di un video pubblicato su Facebook nella tarda serata di giovedì, Zelensky ha dichiarato: “Uno dei compiti principali per noi oggi è stata l’organizzazione dei corridoi umanitari. Sumy, Trostianets, Krasnopilia, Irpin, Bucha, Hostomil, Izyum. Quasi 40mila persone. sono stati evacuati oggi. Hanno finalmente avuto la sicurezza. A Poltava, Kiev, Cherkassy, ​​​​Zaporizhzhya, Dnipro, Lviv. “

Ha detto che sono stati consegnati aiuti umanitari, cibo e medicine.

“Stiamo facendo tutto il possibile per salvare la nostra gente nelle città che il nemico vuole solo distruggere”, ha detto Zelensky.

Mariupol e Volnovaka, tuttavia, rimangono completamente chiusi, ha affermato, aggiungendo che, nonostante gli sforzi dei funzionari ucraini per rendere il corridoio un successo, “le forze russe non hanno smesso di sparare”. Indipendentemente da ciò, Zelensky ha detto di aver deciso di inviare un convoglio di camion che trasportavano cibo, acqua e medicine.

Ma gli invasori hanno iniziato un attacco di carri armati esattamente nell’area in cui avrebbe dovuto trovarsi questo corridoio. Corridoio della Vita. Per il popolo di Mariupol”.

All’inizio di giovedì: Le autorità locali della città ucraina assediata di Mariupol hanno affermato che le forze russe hanno iniziato a lanciare bombe sul “corridoio verde” designato per evacuare i residenti di Mariupol.

“Al momento è in corso un bombardamento aereo di Mariupol”, ha detto Petro Andryushenko, consigliere del sindaco di Mariupol.

“Lo hanno fatto consapevolmente. Sapevano cosa stavano bloccando. Avevano l’ordine chiaro di tenere in ostaggio Mariupol, torturarla ed effettuare continui bombardamenti”, ha detto Zelensky.
READ  L'ondata di caldo in India e Pakistan "mette alla prova i limiti della sopravvivenza umana"

Ha aggiunto: “Oggi hanno distrutto l’edificio del Dipartimento principale del servizio statale di emergenza nella regione di Donetsk. Immediatamente accanto a questo edificio c’era il luogo in cui i residenti di Mariupol si sarebbero dovuti radunare per l’evacuazione “

All’inizio di oggi, anche il sindaco di Mariupol, Vadim Boychenko, ha rilasciato un videomessaggio arrabbiato in cui condanna quella che ha definito la “guerra cinica e distruttiva della Russia contro l’umanità” e ha affermato che ogni 30 minuti le forze russe invadevano la città. Il sindaco ha affermato che gli aiuti umanitari non sono riusciti a raggiungere Mariupol per il sesto giorno consecutivo.

Zelensky ha osservato che lo stato continuerà a cercare di fornire assistenza a Mariupol alla sua popolazione, “che ne ha un disperato bisogno”.