Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il rabbino capo di Mosca “in esilio” dopo aver resistito alle pressioni del Cremlino sulla guerra | Russia

Il rabbino capo di Mosca, Pinchas Goldschmidt, “in esilio” dopo aver resistito alle pressioni del Cremlino per sostenere la guerra in Ucrainadisse sua nuora.

Goldschmidt, che presiede anche la Conferenza dei rabbini europei, ha lasciato la Russia poche settimane dopo aver lanciato l’invasione dell’Ucraina, dicendo che doveva prendersi cura del padre malato a Gerusalemme.

Ma questa settimana sua nuora ha rivelato che anche Goldschmidt e sua moglie hanno subito pressioni ufficiali per sostenere la guerra e ora si considerano in esilio a causa della loro opposizione a quanto accaduto. Russia L’ha definita la sua “operazione militare speciale”.

“Posso finalmente condividere questo con i miei suoceri, il rabbino capo di Mosca [Pinchas Goldschmidt] & Rebbetzin Dara Goldschmidt, sono stati spinti dalle autorità a offrire sostegno pubblico per “Operazioni speciali” in Ucraina – e hanno rifiutato, “Avital esek Goldschmidt, giornalista sposato con il figlio di Goldschmidt, Benjamin, ha scritto su twitter Martedì sera.

I miei parenti possono finalmente condividere, il rabbino capo di Mosca Incorpora il tweet & Rebbetzin Dara Goldschmidt, sotto la pressione delle autorità per fornire sostegno pubblico per l'”operazione speciale” in Ucraina – ha rifiutato. pic.twitter.com/Gy7zgI3YkJ

– Avital Czech Goldschmidt (@avitalrachel) 7 giugno 2022

Goldschmidt è il rabbino capo di Mosca dal 1993 ed è uno dei leader ebrei più influenti in Russia. Se il resoconto sarà confermato, Goldschmidt sarà un raro leader religioso di spicco a lasciare la Russia a causa dell’opposizione alla guerra. Vescovo ortodosso, Patriarca Kirill e altri leader religiosi della Russia sostegno espresso dalla guerra.

Il Guardian ha scritto a Goldschmidt e Chizhik-Goldschmidt per un commento.

“Ora sono in esilio dalla comunità che hanno amato, costruito e cresciuto i loro figli in oltre 33 anni”, ha scritto Czeczek-Goldschmidt, descrivendo il viaggio che ha portato i suoi suoceri attraverso l’Ungheria e poi l’Europa orientale, dove ha detto che hanno aiutato a raccogliere fondi sforzi per i rifugiati ucraini.

Andò a Gerusalemme, dove suo padre era ricoverato.

“Il dolore e la paura nella nostra famiglia negli ultimi mesi sono oltre le parole”, ha detto. “L’anello della Sinagoga Corale di Mosca risuona nelle nostre orecchie… Non dimenticherò mai il nostro fidanzamento lì nell’anno 14, portando lì i nostri figli, Shavuos ’18… Grato ai nostri genitori al sicuro; preoccupato per la malattia di molti…”

demografia Stima Ci sono circa 150.000 ebrei in Russia.

Goldschmidt è stato rieletto martedì per altri sette anni come rabbino capo di Mosca e leader della sinagoga di Mosca, uno dei luoghi di culto più famosi della Russia. Rimase in carica all’estero, delegando poteri al suo vice in sua assenza.

La sua rielezione è stata sostenuta da un certo numero di anziani rabbini israeliani che hanno chiesto “che non fosse apportato alcun cambiamento nella composizione del rabbinico e della corte senza coordinamento con noi”. Un altro leader religioso conservatore in Israele ha avvertito che “stiamo assistendo a una realtà difficile quando i governi cercano di interferire nel mandato dei rabbini”.

Ci sono state anche segnalazioni di pressioni del governo per sostituire Goldschmidt alle elezioni. “Il tentativo di colpo di stato è fallito”, ha detto al Jerusalem Post una fonte della comunità ebraica russa.

Goldschmidt aveva precedentemente detto al quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth che “non mi definivo un rabbino in esilio, sono un rabbino che non vive nella sua comunità”.

Iscriviti alla 1a edizione, la nostra newsletter giornaliera gratuita – ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00

Ma alla cerimonia di apertura della Conferenza dei rabbini europei a Monaco la scorsa settimana, Goldschmidt è stato accompagnato da diverse guardie del corpo tedesche mentre pronunciava un discorso in cui attaccava la guerra.

“Dobbiamo pregare per la pace e per la fine di questa terribile guerra”, ha detto. “Dobbiamo pregare affinché questa guerra finisca presto e non si trasformi in un conflitto nucleare che potrebbe distruggere l’umanità”.

READ  L'ondata di caldo porta temperature estreme ad aprile in India e Pakistan