Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il programma dei Warriors inizia a raccontare dure verità mentre il front office cerca chiarezza: NBC Sports Bay Area e California

Il programma dei Warriors inizia a raccontare dure verità mentre il front office cerca chiarezza: NBC Sports Bay Area e California

SAN FRANCISCO — Le buone vibrazioni che avevano portato i Warriors a sostenere Denver con cinque vittorie consecutive quattro giorni fa sono svanite, e non è ancora chiaro se la regressione sia il colpevole.

Si tratta principalmente di affrontare un livello di concorrenza più elevato. La serie di vittorie consecutive di Golden State è arrivata principalmente contro i deboli della NBA.

Con la sconfitta del giorno di Natale contro i Nuggets entrata nella storia, i Warriors sono tornati a casa giovedì sera per salutare una squadra dei Miami Heat specializzata in due cose. Innanzitutto, fa sudare gli avversari su ogni possesso palla; In secondo luogo, dedicare una grande quantità di energia per contenere l'avversario più pericoloso.

Gli Heat hanno avuto successo in entrambi i casi, e i Warriors sono usciti dal Chase Center con una sconfitta per 114-102 che li ha riportati sotto .500 (a 15-16) e li ha lasciati ancora una volta alla ricerca di un modo per battere un avversario di qualità quando Stephen ha sparato a Curry un colpo molto più basso del suo livello.

“Abbiamo superato l'allenamento, il lavoro e il gioco”, ha detto l'allenatore Steve Kerr.

Gli Heat (19-12, vincitori di quattro partite consecutive) erano senza le stelle Jimmy Butler e Kyle Lowry, ma hanno mostrato la consueta disciplina e una feroce determinazione. Hanno superato i Warriors con un ampio margine (dal 48,4% al 42,0%), li hanno superati nel pitturato (60-50 sul bordo) e li hanno addirittura superati (44-43), anche se Golden State è entrato in gioco guidando l'NBA in quella categoria.

Con un'impressionante varietà di blitz e doppi team ha anche impedito a Curry di assomigliare a Steph. Ha concluso con 13 punti – pareggiando Klay Thompson per una squadra alta – su 3 su 15 tiri da terra, di cui 2 su 8 oltre l'arco.

READ  Kevin Kiermayer e Mike Zunino subiranno un intervento chirurgico di fine stagione

Nessuno si è fatto avanti per riempire il vuoto. Altri sei Warriors hanno raggiunto la doppia cifra, segnando tutti 10 o 11 punti. Questa è la prima volta dal 27 marzo 2018 che il loro capocannoniere ha 13 punti.

“È una di quelle notti”, ha detto Kerr. “Siamo stati presenti in ogni partita, a quanto pare, durante tutto l'anno. Ogni partita è stata equilibrata. Siamo stati competitivi e tenaci. Stasera, abbiamo perso quella competitività. Ci sentivamo come se fossimo frustrati quando i tiri erano” t sparatoria. Ce l'hanno già portato.

Dopo le sconfitte consecutive contro le squadre dirette ai playoff, ci sono altre squadre simili in attesa di avere la possibilità di battere i Warriors. Dopodiché, è tutto al Chase Center con i Dallas Mavericks (18-14), seguiti dagli Orlando Magic (18-12) e dai Nuggets (23-10).

Il piano di Golden State è ora alla ricerca della verità.

Mentre il front office cerca chiarezza.

I Warriors sono nel bel mezzo di un momento cruciale della prima metà della stagione – e forse dell’intera stagione. Sono senza Draymond Green almeno per qualche altra partita, la scadenza commerciale della NBA è esattamente a sei settimane di distanza, e poi ci sono le parole di Mike Dunleavy sulla scia della sospensione a tempo indeterminato di Green due settimane fa.

“L'impatto maggiore sarà il modo in cui si svolgeranno le prossime 15-20 partite”, ha detto Dunleavy il 14 dicembre a Los Angeles. “Ciò probabilmente determinerà dove andremo oltre questo specifico incidente o quanto tempo ci vorrà (Green). La realtà della situazione è che se stai valutando Draymond, la sua abilità è stata grande. La sua disponibilità no. Abbiamo bisogno lui di più perché quando gioca, sii davvero bravo, noi siamo davvero bravi e questa è la cosa più importante.

READ  Scelte NBA, migliori scommesse per Lakers-Warriors e Heat-Knicks: Defending Champions Survival; Più successi di MSG

“Non penso di aver bisogno di una maggiore valutazione di Draymond come giocatore. Ho bisogno di una maggiore valutazione di questa squadra, dell'intesa, della formazione e tutto il resto.

Dunleavy stava misurando la lista. Si chiese come sarebbe stato senza Green. Come sarebbe, punto, determinare se ci dovrebbe essere un'azione per realizzare lo scambio. Ciò che il GM ha ottenuto in cambio è stato sopravvalutato quando i Warriors hanno vinto sei su sette prima del giorno di Natale.

Ma ora, dopo aver perso due volte di seguito contro squadre forti, tutto ciò che Dunleavy e i suoi assistenti sanno per certo è che il roster di Golden State è vasto. Tuttavia, devono chiedersi se sia abbastanza serio, nonostante Curry, da abbattere l'élite della NBA.

Le prossime quattro partite saranno un'opportunità per i Warriors di fare la loro dichiarazione. Possono giocare con la big league? Ritroveranno i loro denti difensivi?

Fino a prova contraria, questa serie di cinque vittorie consecutive sembra più un tesoro che un'anteprima di giorni migliori a venire.

Scarica e segui il podcast Dubs Talk