Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Andrew Wiggins dei Warriors ritorna, ma le questioni personali non sono completamente risolte – NBC Sports Bay Area e California

Andrew Wiggins dei Warriors ritorna, ma le questioni personali non sono completamente risolte – NBC Sports Bay Area e California

SAN FRANCISCO – Andrew Wiggins è tornato nella Bay Area lunedì, è tornato ai Warriors per l’allenamento martedì e giocherà mercoledì. Se giovedì dovesse ripartire, questo sarà capito e accettato.

Se qualcuno del team dovesse lasciare il team a causa di una grave questione familiare, ciò sarà compreso e accettato.

“Non mi interessa la parte relativa al basket”, ha detto l'allenatore Steve Kerr dopo l'allenamento di martedì. “La vita è molto più importante del gioco. La cosa principale è che se qualcuno dei nostri giocatori si trova in una situazione di vita in cui ha bisogno di stare con la propria famiglia, è lì che si troverà.

“Vuoi solo che tutti stiano bene e diano loro lo spazio di cui hanno bisogno, e questo sarà sempre il caso del nostro modo di lavorare.”

Il congedo di Wiggins è durato una settimana. Ha saltato quattro partite, tre delle quali vinte dai Warriors. Erano, in ogni caso ragionevole, in grado di fare un viaggio di successo mentre lui era via per motivi familiari personali.

È importante notare che Wiggins, che ha iniziato come ala piccola per il Golden State, è rimasto coinvolto durante la sua assenza. Ha partecipato ad alcuni allenamenti e ha seguito i Warriors mentre rimbalzavano attraverso le divisioni della Eastern Conference a Washington, New York, Toronto e Boston. Gli è piaciuto quello che ha visto.

“Siamo in aumento”, ha detto Wiggins. “Abbiamo trovato qualcosa di buono. Ho trovato quell'identità che cercavamo. Abbiamo messo insieme i pezzi che hanno funzionato e le ultime partite sono state speciali. Tutti stanno giocando bene, giocano insieme e sembriamo dei veri Golden State Warriors”.

READ  Brooks Robinson muore all'età di 86 anni

I “veri” Golden State Warriors hanno un roster pieno di giocatori che possono dare il loro contributo. I “veri” Warriors giocano il loro miglior basket nel momento più importante della stagione regolare. I “veri” Warriors sono fiduciosi di avere quello che serve per fare qualcosa di più di una semplice apparizione simbolica nei playoff.

I “veri” Warriors si aspettano di giocare bene tenendo conto delle esigenze personali di ciascuno dei giocatori e allenatori più pagati della NBA.

Tuttavia, non c'è dubbio che il ritorno di Wiggins rappresenti un'enorme spinta. Dopo un primo tempo mediocre per i suoi standard, Wiggins ha segnato in doppia cifra in 14 delle sue ultime 16 partite fornendo anche un'eccellente difesa perimetrale.

Assomigliava più al “vero” Andrew Wiggins, e gli Warriors sono molto migliori per questo.

Ecco perché giocherà – e probabilmente inizierà – mercoledì sera, quando i Milwaukee Bucks invaderanno il Chase Center.

“Ci sentiamo a nostro agio”, ha detto Kerr. “Vedremo quanti minuti. Non puoi davvero simulare una partita NBA (mentre sei via), quindi vedremo come reggerà. Ma fisicamente è assolutamente in ottima forma per andare avanti e giocare domani .”

Sebbene né lui né Kerr abbiano fornito dettagli sulla sua assenza, ciò ha influenzato Wiggins abbastanza da tenerlo fuori dal lavoro.

“Prendermi semplicemente cura di ciò di cui dovevo occuparmi ed essere presente per ciò per cui dovevo essere presente.” “È molto divertente”, ha detto Wiggins del suo tempo lontano. “Penso che sia il momento giusto per tornare. Mi sono sentito così. Quindi sono di nuovo qui con la squadra e pronto a farlo.

Ciò che resta sono domande pertinenti riguardanti lo stato d'animo di Wiggins. Riuscirà a concentrarsi completamente, durante ogni minuto della partita, sulle sue responsabilità cestistiche? È in grado di eseguire la ginnastica mentale necessaria per esibirsi ad alto livello?

READ  Ranger Suarez e Kyle Schwarber guidano i Phillies alla vittoria sui Cardinals - NBC Sports Philadelphia

Alcuni giocatori, indipendentemente dallo sport, possono essere influenzati negativamente da eventi lontani dal campo o dal campo, proprio come alcuni dipendenti in qualsiasi lavoro troveranno difficile continuare a svolgere i propri compiti mentre lavorano 24 ore su 24 se la loro vita personale diventa più stressante.

Una cosa che Wiggins sa e sente per certo è che il suo posto di lavoro è un luogo sicuro.

“Stare con la squadra è tutto amore e supporto”, ha detto. “Qui è una famiglia. Quando ero via mi mancavano i giocatori e il basket. Sono felice di essere tornato”.

La felicità di Wiggins arriva con cautela e condizioni. Ci è già passato e l'esperienza gli dice che le circostanze possono cambiare rapidamente. Ciò è stato chiaro quando martedì gli è stato chiesto se la questione da lui affrontata fosse stata interrotta.

“Non esattamente”, ha detto. “Ma lo affronterò un giorno alla volta.”

Potrebbe arrivare un momento – forse questa settimana, la prossima settimana o il mese prossimo – in cui Wiggins dovrà decidere, ancora una volta, se restare con i suoi compagni di squadra o tornare dalla sua famiglia. C’è conforto nel sapere che entrambe le decisioni saranno accettate.

Scarica e segui il podcast Dubs Talk