Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il presidente brasiliano Lula licenzia l’amministratore delegato di Petrobras dopo una disputa sui profitti

Il presidente brasiliano Lula licenzia l’amministratore delegato di Petrobras dopo una disputa sui profitti

(Bloomberg) – Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha scosso la leadership della compagnia petrolifera statale del paese, licenziando l’amministratore delegato e uno dei suoi principali vice dopo mesi di combattimento.

I più letti da Bloomberg

L’amministratore delegato della Petroleo Brasileiro SA, Jean-Paul Prats, che aveva litigato con il presidente sui dividendi, è stato formalmente licenziato mercoledì durante una riunione del consiglio. È stato licenziato anche il direttore finanziario della società, Sergio Caetano Leite.

Lula, come viene chiamato il presidente, intende nominare Magda Chamberillard, l’ex capo dell’organismo brasiliano di regolamentazione del petrolio e del gas, al posto di Prats. Petrobras ha affermato che Clarice Copetti, responsabile degli affari aziendali, ricoprirà il ruolo di amministratore delegato ad interim.

Le reazioni sui mercati sono state rapide e negative mentre gli investitori si preparavano ad un nuovo amministratore delegato che, secondo gli analisti, potrebbe essere più disposto del suo predecessore a mettere le priorità del presidente al di sopra di quelle degli azionisti.

Le azioni privilegiate di Petrobras sono scese fino all’8,3% a San Paolo, il più grande calo intraday dall’8 marzo, quando l’annuncio di un dividendo inferiore alle attese ha deluso i mercati e ha portato ad una diffusa ondata di asset brasiliani.

“L’improvviso cambio di gestione aggiunge una notevole quantità di incertezza”, ha scritto in una nota ai clienti Regis Cardoso, analista di XP Investimentos.

VEDI ANCHE: Il prossimo CEO di Petrobras è un veterano del petrolio che sostiene l’esplorazione

La partenza di Prats mette fine a mesi di speculazioni secondo cui i suoi giorni alla Petrobras erano contati. Le tensioni si sono intensificate all’inizio di quest’anno quando ha rifiutato di unirsi ai membri del consiglio nominati dal governo che hanno votato per trattenere la distribuzione di dividendi straordinari agli azionisti abituati a rendimenti fissi.

READ  La Sound Transit chiude la stazione della metropolitana leggera a causa della manifestazione pro-Palestina

I dipendenti hanno applaudito Prats mercoledì pomeriggio a Rio de Janeiro mentre lasciava la sede centrale dell’azienda.

“Sono triste, tutto qui”, ha detto, difendendo anche il suo track record in materia di prezzi del carburante e investimenti. “Il futuro dell’azienda è sulla strada giusta con la transizione energetica e i buoni progetti in portafoglio dovrebbero essere analizzati.”

L’espulsione potrebbe aumentare la preoccupazione che Petrobras sia sottoposta a crescenti pressioni da parte del Partito dei Lavoratori al potere affinché aiuti a rilanciare l’industria brasiliana e creare posti di lavoro, a scapito degli azionisti. I dividendi hanno scioccato alcuni investitori che li hanno visti come un segno di crescente interferenza politica nel più grande paese produttore di petrolio dell’America Latina.

Dopo settimane di dibattito, Petrobras alla fine ha accettato di restituire metà della sua liquidità disponibile agli investitori attraverso un dividendo speciale, come aveva inizialmente proposto il consiglio esecutivo di Prats. Il governo è il maggiore azionista e i dividendi hanno contribuito a sostenere il deficit fiscale in un momento di aumento della spesa.

Prima dell’annuncio ufficiale, Prats ha dichiarato al Comitato Esecutivo che Lula aveva chiesto il ripristino del suo incarico. In una lettera vista da Bloomberg, ha affermato che la sua missione “è finita prematuramente” e ha incolpato Alexandre Silveira, ministro dell’Energia e delle Miniere, e Rui Costa, capo dello staff di Lula, con i quali aveva litigato.

Prats, ex senatore del partito di sinistra di Lula con un passato di lavoro nell’industria petrolifera, è diventato amministratore delegato nel gennaio 2023, poco dopo che Lula ha ripreso la presidenza. Petrobras aveva licenziato sei amministratori delegati, compresi capi ad interim, dal 2019 fino alla nomina di Prats.

READ  I datori di lavoro stanno diventando più aperti ad assumere lavoratori anziani

Sotto la sua guida, Petrobras ha cambiato direzione, bloccando le vendite di asset, proteggendo i consumatori dalle forti fluttuazioni dei prezzi globali del petrolio e stanziando miliardi di dollari per investimenti nella trasformazione energetica. La società ha recentemente aumentato il budget del piano aziendale quinquennale portandolo a 102 miliardi di dollari, il più grande piano di spesa dal 2015.

Petrobras ha dichiarato di aver ricevuto martedì tardi una notifica dal Ministero dell’Energia che conferma che proporrà Chamberillard per sostituire Prats.

L’ingegnere ha iniziato la sua carriera presso Petrobras nel 1980, dove ha lavorato per l’azienda per 22 anni, prima di passare all’ente regolatore del petrolio brasiliano Agência Nacional de Petróleo, Gás Natural e Biocombustíveis, noto come ANP. È stata nominata capo dell’agenzia dall’ex presidente brasiliana Dilma Rousseff nel 2012 e ha ricoperto la carica fino al 2016.

Come Prats, Chambrillard faceva parte del team di transizione energetica di Lula nel 2022. All’epoca era già stata identificata come potenziale candidata per il posto di vertice presso Petrobras. L’ex capo della Polizia nazionale brasiliana ha difeso la necessità del Brasile di esplorare nuove aree petrolifere, tra cui il margine equatoriale e il bacino del Pelotas.

Il boom pre-sale è finito. “È tempo di cercare nuove frontiere, affinché il Brasile possa continuare a produrre petrolio”.

Chambrillard sostiene inoltre maggiori investimenti nella raffinazione del petrolio nazionale e vuole vedere più beni fabbricati in Brasile anziché esportati come materie prime.

Citigroup ha affermato in una nota che la cacciata di Ratz rappresenta un deterioramento nella gestione di Petrobras e che il compito di Chamboriard non sarà facile. Ha detto che “arriva sotto pressione per attuare il piano di investimenti e accelerare l’espansione delle spese in conto capitale di Petrobras” e questo potrebbe portare a una riduzione dei pagamenti dei dividendi.

READ  Un aereo si scontra con un altro aereo durante il viaggio all'aeroporto di Logan

–Con l’assistenza di Rachel Jamarski, Peter Millard e Lida Alvim.

(Aggiornamenti per includere la partenza del CFO nel secondo paragrafo)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P