Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

TOPSHOT-VATICAN-RELIGION-POPE-AUDIENCE

Il papa colpisce il potente vescovo russo per essere il portavoce di Putin

Durante un’intervista a un quotidiano italiano, Papa Francesco Ricordando una conversazione con un potente vescovo russo, lo ha criticato per essere “il chierichetto di Putin”.

In una recente intervista esclusiva a un quotidiano italiano Corriere della Sera, Francis ha discusso i suoi sforzi per incontrare il presidente russo Il presidente russo Vladimir Putin Prima di citare una conversazione che ha avuto con il patriarca Kirill, noto anche come Vladimir Gundyaev, capo della Chiesa ortodossa russa.

“Ho parlato con Kirill per 40 minuti tramite Zoom”, ha detto Francis. “Per i primi 20 minuti ha letto da un pezzo di carta che aveva in mano tutti i motivi che giustificavano l’invasione russa. L’ho ascoltato e poi gli ho risposto: non ci capisco niente”.

Francesco, che ce l’ha Ho parlato contro la guerra Tra Russia e Ucraina dal 24 febbraio lo è ha implicitamente criticato Putin Si lamentava di quelle che chiamava “le ombre oscure della guerra”.

Papa Francesco ha sparato a un potente vescovo russo in una recente intervista, dicendogli che non poteva essere “il chierichetto di Putin”. In questa foto, Papa Francesco benedice l’udienza al suo arrivo il 20 aprile 2022 per l’udienza generale settimanale in Piazza San Pietro in Vaticano.
Alberto Bezzoli/AFP via Getty Images

Durante la videochiamata con Kirill, il Papa ha proseguito dicendo: “Fratello, non siamo clero dello Stato, non dobbiamo parlare la lingua della politica, ma la lingua di Gesù. Siamo i pastori dello stesso santo gregge di Dio . Ecco perché dobbiamo cercare una via per la pace, dobbiamo fermare i combattimenti. “Un patriarca non può discendere da se stesso per diventare il chierichetto di Putin”.

READ  Accordo sui migranti tra Regno Unito e Ruanda: il Regno Unito annuncia un piano controverso per inviare richiedenti asilo in Ruanda

Il capo della Chiesa cattolica romana ha aggiunto: “Ho avuto un incontro con lui, previsto per il 14 giugno a Gerusalemme. Il nostro secondo incontro avrebbe potuto essere faccia a faccia, non correlato alla guerra. Ma l’abbiamo annullato, abbiamo convenuto che potrebbe essere Invia il messaggio sbagliato.”

Nell’intervista, Francis ha aggiunto di essere stato invitato più volte in Ucraina, ma ha detto: “Non sono ancora pronto per viaggiare a Kiev, non ancora”.

Ha aggiunto: “Ho inviato i miei inviati, il cardinale Michael Cherny (capo del Dipartimento per il progresso dello sviluppo umano) e il cardinale Konrad Kragowski (papa Almonair). Quest’ultimo ha visitato Kiev per la quarta volta. Ma sento che dovrei non andateci. Non ancora. “

“Per prima cosa, devo andare a Mosca”, ha continuato Francis. “Voglio incontrare prima Putin. Ma alla fine sono solo un prete, cosa posso ottenere? Farò quello che posso”.

L’Ucraina ha chiesto la guida del Papa prima dell’invasione sembrare. Il 14 febbraio, l’ambasciatore dell’Ucraina presso la Santa Sede, Andrei Yurash, ha dichiarato a Reuters che l’Ucraina era aperta alla mediazione del Vaticano poiché le tensioni tra la Russia si sono intensificate al confine per la prima volta.

NEWSETTIMANA Ho contattato il ministero degli Esteri russo per un commento.