Maggio 18, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Bulgaria, dove alcuni sono filorussi, divisa dopo il taglio del gas |  Guerra di Russia e Ucraina

Bulgaria, dove alcuni sono filorussi, divisa dopo il taglio del gas | Guerra di Russia e Ucraina

La scorsa settimana, Bulgaria e Polonia sono diventate le prime vittime europee delle sanzioni russe sul gas quando Mosca ha tagliato le forniture ai due paesi.

In precedenza, la compagnia energetica statale bulgara, Bulgargaz, ha affermato che i termini proposti dal gigante energetico russo Gazprom erano una violazione del contratto e si è rifiutata di pagare la risorsa in rubli come stipulato dal presidente russo Vladimir Putin.

Fortunatamente per la Bulgaria, il gas rappresenta solo il 6% del suo consumo energetico totale, ma la mossa è stata presa come un avvertimento per il resto dell’Unione, in particolare per i consumatori più grandi come Germania e Italia.

Più della semplice perdita di alimentazione, i tagli hanno rafforzato la crescente separazione tra alleati di lunga data, che condividono un alfabeto, una religione e un ex governo comunista.

La loro relazione iniziò a convergere nel 1877, quando la Russia aiutò la rivolta della Bulgaria contro cinque secoli di dominio ottomano.

Ma con l’invasione russa dell’Ucraina, quella relazione speciale è stata messa in discussione.

Alcuni giorni dopo che i carri armati russi erano entrati in Ucraina il 24 febbraio, Alpha Research, un’agenzia di ricerca sociale bulgara, ha pubblicato i risultati di un’indagine a livello nazionale sui sentimenti dei comuni bulgari riguardo alla guerra.

Dopo soli quattro giorni di ostilità, Putin, che per molti anni ha goduto di una valutazione positiva nel Paese, ha perso più della metà della sua popolarità, con il 25% delle persone che lo approvava contro il 55% nel 2021.

Inoltre, il 63% degli intervistati ha convenuto che il posto della Bulgaria fosse in un’alleanza con l’Unione Europea e la NATO, rispetto al 15% che sostiene una parte con la Russia.

READ  La Russia invade l'Ucraina, si sentono esplosioni vicino all'aeroporto di Leopoli

“I dati mostrano che la società bulgara sta attraversando un periodo di trasformazione, che avrà un impatto non solo sulle sue posizioni geopolitiche, ma anche sul sostegno delle singole forze politiche nel Paese”, ha affermato Alpha Research.

Per molto tempo, l’atteggiamento di Mosca nei confronti di Sofia è stato irrispettoso, ha affermato Vasyl Dimitrov, 60 anni, restauratore conservatore, con l’ambasciatrice russa in Bulgaria Eleonora Mitrofanova che ha definito la pro-Ucraina “pilastri occidentali”.

Dimitrov non si fidava di Putin dopo l’annessione della Crimea alla Russia. Ora è pronto a pagare di più per la benzina.

“Gli permetteremo di uccidere i bambini con il gas?” Domandò. “Non abbiamo visto atrocità come questa in Europa dai tempi di Hitler”.

Mercoledì il parlamento bulgaro voterà nuovamente sull’invio di armi in Ucraina, argomento controverso, vista la precaria alleanza politica dei quattro partiti.

I socialisti hanno minacciato di separarsi dal governo se la Bulgaria avesse inviato armi, mentre i democratici hanno avvertito di conseguenze simili se il paese non lo avesse fatto.

Il 28 aprile, il primo ministro bulgaro Kirill Petkov si è recato a Kiev per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e ha promesso che il suo partito, We Continue to Change, avrebbe sostenuto l’assistenza militare, il giorno dopo che la Russia aveva interrotto il gas alla Bulgaria.

“La retorica che sentiamo da diversi mesi è ‘Non fornire assistenza militare all’Ucraina finché la pace non arriverà prima’”, ha detto Petkov ai media locali, riferendosi alle voci all’interno della coalizione. Se questo è il prezzo della pace, se il Lo stato russo continua a farlo. [attack] E nessuno ha la possibilità di difendersi, quindi vogliamo questa pace? “

READ  Biden news oggi: il presidente parla con Zelensky prima del discorso programmatico sulla pandemia di Covid-19

Lyubin Rossinov, 78 anni, un pensionato di Plovdiv, la seconda città più grande della Bulgaria, ha affermato che Sofia avrebbe dovuto prendere le distanze dal gas russo molto tempo fa, visti decenni di accordi sbilanciati sul gas, in cui la Russia deteneva il mercato del paese.

Sebbene sia felice di vedere aumentare il sostegno all’Ucraina, è preoccupato che la propaganda filo-russa nei principali organi di informazione rimanga alta.

“I media non indipendenti, di cui ce ne sono molti in Bulgaria, dividono la gente sulla guerra e in particolare gettano il primo ministro in una luce negativa”, ha detto Russinov.

“I bulgari come me odiano Putin e la leadership russa, ma nessuno è contro il popolo russo”.

Ma Biba Petrova, 60 anni, che fino a poco tempo fa lavorava in una fabbrica di armi nella Bulgaria centrale, ha detto: “Noi Rossovil, capiamo che la Russia non è responsabile di questa guerra, ma è stata la Nato a provocarla”.

Crede che le priorità politiche di Petkov siano distorte perché il suo governo fornisce ai rifugiati ucraini 40 lev (22 dollari) al giorno, mentre la maggior parte dei suoi cittadini sta “morendo di fame”.

La Bulgaria ha il prodotto interno lordo (PIL) più basso dell’Unione europea.

“È un errore del governo indurre il presidente russo a interrompere le forniture di gas”, ha detto Petrova a proposito dell’interruzione.

In generale, Daniil Smilov, direttore del programma del Centro per le strategie liberali di Sofia, ha affermato che la maggior parte dei bulgari sostiene l’Ucraina, dato che hanno aperto le loro case e si sono offerti volontari per accoglierli.

READ  Il sindaco afferma che l'immigrazione occidentale potrebbe costare 200.000 posti di lavoro a Mosca

“Le voci dominanti non sono anti-ucraine”, ha detto.

Smilov ha aggiunto che la vera sfida è coordinare la posizione del governo bulgaro.

Non solo la guerra ha rotto i legami all’interno della coalizione quadripartita, ma ha rotto l’unione tra il primo ministro liberale del paese e il presidente socialista, Rumen Radev, che è visto come filo-russo.

“A differenza dei partiti russi all’interno della coalizione, il presidente ha un ampio sostegno tra il pubblico bulgaro”, ha detto Smilov. Se continua a non essere d’accordo sulla retorica del primo ministro, porterà a un’ulteriore polarizzazione e non sarà un bene per il Paese.