Settembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il funzionario russo lancia sfacciate minacce all'Occidente

Il funzionario russo lancia sfacciate minacce all’Occidente

Mosca (AFP) – Un alto funzionario russo ha avvertito sabato che Mosca potrebbe rispondere alle sanzioni occidentali scegliendo di non prendere parte all’ultimo accordo sulle armi nucleari con gli Stati Uniti, tagliando i rapporti diplomatici con i paesi occidentali e congelando i loro beni, come i legami della Russia con il declino dell’Occidente. . il suo livello più basso sulla sua invasione dell’Ucraina.

Dmitry Medvedev, vice capo del Consiglio di sicurezza russo guidato dal presidente Vladimir Putin, ha anche avvertito che Mosca potrebbe revocare la pena di morte dopo che è stata rimossa dal più grande gruppo europeo per i diritti umani.

Le sanzioni hanno imposto nuove e dure restrizioni alle operazioni finanziarie russe, imposto un rigoroso divieto alle esportazioni di tecnologia in Russia e congelato i beni di Putin e del suo ministro degli Esteri, una risposta dura che ha sminuito le restrizioni occidentali. Washington e i suoi alleati affermano che sono possibili sanzioni più severe, inclusa l’espulsione della Russia da SWIFT, il sistema che domina le transazioni finanziarie globali.

Nei commenti sarcastici pubblicati su una piattaforma sociale russa, Medvedev ha respinto le sanzioni come un’esibizione di “impotenza politica” occidentale che non farebbe altro che consolidare la leadership russa e provocare sentimenti anti-occidentali.

Ha detto, deridendo le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati come tentativo di giustificare le loro precedenti decisioni “vergognose”, come il vile ritiro dall’Afghanistan.

Medvedev è stato vicepresidente nel 2008-2012, quando Putin è stato costretto a passare alla carica di primo ministro a causa dei limiti del mandato presidenziale. Ha poi lasciato che Putin riprendesse la presidenza e ha servito come suo primo ministro per otto anni.

READ  Lo Sri Lanka impone il coprifuoco dopo che il presidente ha dichiarato lo stato di emergenza

Durante la sua presidenza, Medvedev è stato ampiamente considerato più liberale di Putin, ma sabato ha fatto una serie di minacce non menzionate nemmeno dalla figura più intransigente del Cremlino fino ad oggi.

Medvedev ha osservato che le sanzioni forniscono al Cremlino un pretesto per una revisione completa delle sue relazioni con l’Occidente, suggerendo che la Russia potrebbe ritirarsi dal trattato New START che limita le armi nucleari che limita gli arsenali nucleari statunitensi e russi.

Il trattato, firmato da Medvedev nel 2010 con l’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama, limitava ogni paese a non più di 1.550 testate nucleari dispiegate e 700 missili e lanciatori dispiegati e prevede ampie ispezioni in loco per verificarne la conformità. L’accordo, l’ultimo accordo rimasto sul controllo degli armamenti nucleari tra Stati Uniti e Russia, doveva scadere nel febbraio 2021, ma Mosca e Washington lo hanno esteso per altri cinque anni.

Se la Russia scegliesse di uscire dall’accordo ora, eliminerebbe qualsiasi controllo sulle forze nucleari statunitensi e russe e solleverebbe nuove minacce alla sicurezza globale.

Medvedev ha anche sollevato la possibilità di interrompere le relazioni diplomatiche con i Paesi occidentali, accusando che “non c’è bisogno di mantenere le relazioni diplomatiche” e aggiungendo che “possiamo guardarci attraverso binocoli e fucili”.

Riferendosi alle minacce occidentali di congelare i beni di società e privati ​​russi, Medvedev ha avvertito che Mosca non esiterebbe a fare lo stesso.

“Dovremo rispondere in natura congelando i beni degli stranieri e delle società straniere in Russia … e possibilmente nazionalizzando i beni di coloro che provengono da giurisdizioni ostili”, ha affermato. “Le cose più interessanti iniziano solo ora.”

Commentando la mossa di venerdì del Consiglio d’Europa di sospendere la rappresentanza della Russia nella principale organizzazione europea per i diritti umani, Medvedev ha descritto sdegnosamente una delle “case di cura” a cui la Russia si era erroneamente unita.

READ  I documenti della King Charles Bank non entreranno in circolazione fino alla metà del 2024

Ha aggiunto che offre una “buona opportunità” per ripristinare la pena di morte per reati gravi, osservando che Stati Uniti e Cina non hanno mai smesso di usarla.

Mosca ha mantenuto una moratoria sulla pena di morte come parte dei suoi impegni da quando è entrata a far parte del Consiglio d’Europa nel 1996, e la dichiarazione di Medvedev ha scioccato i difensori dei diritti umani e gli attivisti nel paese.