Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I salari continuano a crescere, il che è positivo per i lavoratori ma preoccupante per la Federal Reserve

I salari continuano a crescere, il che è positivo per i lavoratori ma preoccupante per la Federal Reserve

La crescita dei salari è rimasta forte all’inizio del 2023: una buona notizia per i lavoratori che cercano di tenere il passo con l’aumento del costo della vita, ma una potenziale preoccupazione per i funzionari della Federal Reserve mentre cercano di frenare l’inflazione senza causare una recessione.

Il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì che i salari e gli stipendi dei lavoratori del settore privato negli Stati Uniti sono aumentati del 5,1% a marzo rispetto a un anno prima e dell’1,2% rispetto a dicembre. Questo è stato lo stesso tasso di crescita registrato a dicembre e ha sfidato le aspettative di un modesto rallentamento delle previsioni. In effetti, una misura più ampia della crescita delle retribuzioni, che include il valore dei benefit oltre ai salari, ha leggermente accelerato nel primo trimestre.

La Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse per più di un anno nel tentativo di calmare l’economia e ridurre l’inflazione. I salari sono una parte importante di questo puzzle: i politici ritengono che il mercato del lavoro, dove ci sono molti più posti di lavoro disponibili di quanti siano i lavoratori che li occupano, aumenti i salari a un ritmo insostenibile, contribuendo all’inflazione. Stanno cercando di raggiungere un delicato equilibrio, aumentando i costi di prestito abbastanza da scoraggiare le assunzioni e allentare la pressione sui salari, ma non tanto da far iniziare le aziende a licenziare i lavoratori in massa.

I risultati di questi sforzi sono stati contrastanti. L’inflazione è scesa dai massimi dello scorso anno e la crescita economica è rallentata: i dati pubblicati giovedì hanno mostrato che il prodotto interno lordo, corretto per l’inflazione, è aumentato a un tasso annualizzato di appena l’1,1% nel primo trimestre. Le aziende stanno iniziando a pubblicare meno posti di lavoro e settori dell’economia precedentemente surriscaldati, come l’edilizia abitativa e la tecnologia, hanno visto un drammatico raffreddamento.

READ  Il Nasdaq salta mentre le azioni chiudono la settimana prima del rapporto sui lavori chiave: notizie sul mercato azionario oggi

Ma l’inflazione è scesa più lentamente di quanto molti previsori si aspettassero, e molti economisti affermano che, sebbene il mercato del lavoro possa non essere più in ebollizione, sta ancora ribollendo a disagio. I numeri sui salari pubblicati venerdì raccontano una storia simile: i salari non aumentano più rapidamente come a metà dello scorso anno, ma stanno ancora aumentando molto più rapidamente di quanto non fossero prima della pandemia.

Amir Sharif, fondatore di Inflation Insights, ha affermato che i funzionari della Fed dovrebbero già aumentare nuovamente i tassi di interesse durante la riunione della prossima settimana, e i dati sui salari pubblicati venerdì hanno chiarito ogni residuo dubbio.

“Se qualche funzionario della Fed esiterà ad alzare i tassi di interesse a maggio”, ha scritto in una nota ai clienti, “i dati sui salari probabilmente li spingeranno a sostenere almeno un altro aumento”.

La crescita dei salari è una questione delicata per la Federal Reserve. Aumenti salariali più rapidi hanno aiutato i lavoratori, specialmente quelli in fondo alla scala dei guadagni, a tenere il passo con il rapido aumento dei prezzi. E la maggior parte degli economisti, all’interno e all’esterno della Fed, afferma che la crescita dei salari non è stata la causa principale della recente ondata di alta inflazione.

Ma i funzionari della Fed temono che se le aziende devono continuare ad aumentare i salari, dovranno anche continuare ad aumentare i prezzi. Ciò potrebbe rendere difficile per l’inflazione tornare all’obiettivo del 2% annuo della banca centrale, anche se le turbolenze dell’era della pandemia che hanno causato l’aumento iniziale dell’inflazione si attenuano.