Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il rapporto FDIC rileva che la banca delle firme è fallita a causa di “cattiva gestione”

Il rapporto FDIC rileva che la banca delle firme è fallita a causa di “cattiva gestione”

New York (CNN) Secondo un rapporto della Federal Deposit Insurance Corporation pubblicato venerdì, il crollo della banca della firma è stato dovuto a “cattiva gestione”.

Il rapporto afferma che la direzione della banca “non ha sempre prestato attenzione alle preoccupazioni dell’esaminatore della FDIC, né è stata sempre reattiva o tempestiva nell’affrontare le raccomandazioni di vigilanza della FDIC”.

Il rapporto FDIC afferma che gli effetti di contagio del fallimento della banca della Silicon Valley e l’auto-liquidazione di Silvergate Bank, avvenuta pochi giorni prima che Signature Bank fosse costretta a chiudere, hanno contribuito a innescare una corsa ai depositi. Ma la FDIC ha affermato che non era questa la causa principale dei fallimenti di Signature Bank.

In particolare, la direzione della banca non ha compreso appieno i rischi associati all’accettazione di depositi di criptovalute, che rappresentano oltre il 20% di tutti i depositi, secondo il rapporto FDIC.

“Quando quel settore ha iniziato a invertire la rotta e i tassi di interesse hanno iniziato a salire, quei depositi hanno iniziato a lasciare la banca”, ha detto Marshall Gentry, chief risk officer della FDIC, durante una chiamata con i giornalisti venerdì. “Sebbene fosse un deposito di criptovaluta, era un tipo più tradizionale di gestione bancaria.”

Signature Bank aveva un patrimonio di 110 miliardi di dollari alla fine del 2022, diventando così la 29a più grande banca statunitense. La FDIC ha affermato che la banca dipendeva eccessivamente dai depositi non assicurati, che costituivano il 90% di tutti i depositi alla fine del 2022, secondo i dati bancari trimestrali della FDIC.

Una carenza di personale presso la FDIC ha ostacolato la supervisione della banca

Dal punto di vista della vigilanza, la FDIC ha riconosciuto di non essere stata all’altezza quando si trattava di fornire alla banca di firma revisioni adeguate e tempestive, citando una carenza di personale presso l’agenzia.

READ  Un acquirente di Costco afferma di aver rivelato segretamente i cartellini dei prezzi dei grossisti

La Signature Bank avrebbe dovuto avere un proprio gruppo di esami attraverso l’ufficio FDIC di New York. Ma dal 2020, secondo la Federal Insurance Corporation (FDIC), il 40% delle posizioni negli uffici regionali è stato vacante o ricoperto da dipendenti temporanei.

“Alcune revisioni mirate non sono state completate in modo tempestivo o per niente a causa della mancanza di risorse”, afferma il rapporto.

L’agenzia ha affermato che l’alto costo della vita di New York e la concorrenza per gli stipendi delle società finanziarie private e di altri regolatori sono tra i motivi per cui la FDIC sta lottando per reclutare nuovi talenti.

Il rapporto FDIC arriva alle calcagna Rapporto della Federal Reserve, che ha rilevato che SVB ha fallito a causa di un’analoga mancanza di gestione interna del rischio. Il rapporto afferma inoltre che le autorità di vigilanza della Fed “non hanno apprezzato appieno l’entità delle vulnerabilità man mano che la banca della Silicon Valley cresceva in dimensioni e complessità”. Il rapporto ha rilevato che quando hanno identificato i rischi in SVB, non hanno collaborato con la banca per risolvere i problemi in modo tempestivo.

La FDIC ha condotto le indagini su Signature Bank, una banca istituita dallo Stato di New York, perché era il principale regolatore. Signature Bank non era un membro del Federal Reserve System e quindi non era direttamente regolamentato o supervisionato dalla Federal Reserve, mentre SVB lo era.

Non esiste alcuna raccomandazione FDIC per il capitale e i requisiti di liquidità sono più rigorosi

Il rapporto osservava che la velocità con cui i depositanti prelevavano fondi da SVB e Signature Bank era “senza precedenti” e “potrebbe portare a cambiamenti nei regolamenti”, ma la FDIC non ha formulato raccomandazioni. Ciò è in netto contrasto con il rapporto della Fed, che chiedeva direttamente requisiti patrimoniali e di liquidità più severi.

READ  Exxon intende acquistare la compagnia petrolifera di scisto Pioneer Pioneer per 60 miliardi di dollari in azioni

Gentry, che ha supervisionato il rapporto della FDIC, ha affermato che gli esaminatori stanno lavorando con la banca della firma per sviluppare “maggiori controlli interni sulla gestione del rischio di liquidità”. Ha lasciato intendere che un rapporto separato della FDIC, previsto per lunedì, sulle opzioni di riforma dell’assicurazione dei depositi del paese potrebbe fornire raccomandazioni normative.

timori di stretta creditizia

Rob Nichols, presidente e CEO dell’American Banking Association, un gruppo commerciale, esorta i responsabili politici ad “astenersi dal far passare requisiti normativi nuovi e irrilevanti che potrebbero limitare la disponibilità di credito”. Dal crollo di SVB e Signature Bank, gli istituti di credito, in particolare le banche di medie dimensioni e regionali, hanno dovuto essere più selettivi su chi concedere prestiti, con tassi di interesse più elevati e depositi sempre più ridotti.

Alcuni legislatori, tra cui la senatrice Elizabeth Warren del Massachusetts, hanno affermato che il rapporto della Fed chiede “alla Federal Reserve di adottare immediatamente una supervisione più severa delle banche e al Congresso di rafforzare rapidamente i regolamenti bancari per prevenire un’altra crisi”.