Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come Jay Powell e la Fed sono tornati in ascesa più a lungo

Come Jay Powell e la Fed sono tornati in ascesa più a lungo

Per mesi, il presidente della Federal Reserve Jay Powell ha offerto garanzie sui tagli dei tassi di interesse nel 2024, sostenendo che i rapporti sull’inflazione più caldi del previsto facevano tutti parte di un percorso “accidentato” verso il raggiungimento dell’obiettivo della Fed.

La settimana scorsa quelle assicurazioni sono scomparse.

“Chiaramente, gli ultimi dati non ci hanno dato maggiore fiducia, e suggeriscono invece che probabilmente ci vorrà più tempo del previsto per raggiungere quella fiducia”, ha detto martedì parlando a un evento a Washington, D.C.

Il messaggio di Powell era chiaro: i tassi di interesse rimarranno più alti del previsto per un periodo più lungo.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell partecipa al Forum di Washington sull'economia canadese, con Tiff Macklem, governatore della Banca del Canada, mercoledì 16 aprile 2025 a Washington.  (AP Photo/Manuel Bals Sinita)

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell. (AP Photo/Manuel Bals Sinita) (Agenzia di stampa)

Non è stata l’unica voce importante della Fed a compiere un simile cambiamento la scorsa settimana.

Anche altri tre funzionari della Fed hanno assunto una posizione più dura a causa dei dati sull’inflazione più caldi del previsto nel primo trimestre.

Tra loro c’era il presidente della Fed di Chicago Austin Goolsbee, uno dei membri più pessimisti della Fed.

Goolsbee, noto per la sua precedente opinione secondo cui la Fed è su un “percorso d'oro” per ridurre l'inflazione senza aumentare la disoccupazione, ha riconosciuto venerdì che “i progressi sull'inflazione sono in fase di stallo” e che “ora ha senso aspettare” prima di tagliare i tassi di interesse.

Un altro cambiamento è arrivato dal presidente della Fed di New York, John Williams, che giovedì ha dichiarato di non vedere “l'urgenza” di tagliare i tassi di interesse e di non escludere di alzarli se l'inflazione dovesse aumentare ulteriormente.

Questo avvertimento è arrivato appena quattro giorni dopo che Williams ha dichiarato in un'intervista televisiva che i tagli dei tassi di interesse sarebbero “probabili” per iniziare quest'anno.

Il “bias da facilitazione” evapora

Il cambiamento da parte di alcune delle figure più influenti della Fed ha innescato un nuovo dibattito a Wall Street su come potrebbe svolgersi il resto del 2024.

READ  Il mercato si sta sbarazzando degli "investitori deboli"

“L’orientamento accomodante che molte persone si aspettavano all’inizio dell’anno sembra evaporare molto rapidamente”, ha detto a Yahoo Finance Jerome Schneider, responsabile della gestione del portafoglio a breve termine di Pimco.

I trader ora scommettono che il primo taglio dei tassi non arriverà prima di settembre, piuttosto che di giugno o luglio, e stanno scontando solo uno o due tagli invece dei sei previsti all’inizio del 2024.

Per saperne di più: Cosa significa la decisione sul tasso di interesse della Fed per conti bancari, CD, prestiti e carte di credito

Ma un taglio a settembre potrebbe anche esporre la Fed alle critiche per aver agito troppo in prossimità delle elezioni presidenziali di novembre.

Di conseguenza, Blake Gowen, responsabile della strategia sui tassi di interesse statunitensi presso RBC Capital Markets, prevede ora un taglio a dicembre dopo aver tagliato le sue previsioni da tre a uno solo nel 2024.

Ha detto a Yahoo Finance che i commenti di Powell di questa settimana hanno rafforzato il cambiamento già in atto tra gli altri membri del Federal Open Market Committee della Fed.

“Alcuni degli altri membri di tipo centrista, e anche alcune delle persone che tendono ad essere accomodanti, li vedi in un certo senso indietreggiare di fronte a questo ostacolo sulla strada in cui stavano cercando di cancellare le elezioni di gennaio”, Gwin “La forza e l’inflazione sono cose speciali”.

La presidentessa della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, presso la sede della banca a San Francisco, California, Stati Uniti, il 16 luglio 2019. Fotografia: Anne Safire - Reuters.La presidentessa della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, presso la sede della banca a San Francisco, California, Stati Uniti, il 16 luglio 2019. Fotografia: Anne Safire - Reuters.

Mary Daly, presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco. Reuters/Anne Saphir. (Reuters/Reuters)

Una di queste voci è la presidente della Fed di San Francisco Mary Daly, che prevedeva tre tagli dei tassi nel 2024, ma durante un discorso del 12 aprile ha affermato che “non c’è assolutamente alcuna urgenza nella mia mente per un aggiustamento dei tassi”.

READ  I profitti di Adobe superano le stime. Perché il titolo crolla?

“Devo essere abbastanza fiducioso che sia sulla buona strada per scendere al 2%… prima di pensare a un taglio dei tassi”, ha aggiunto Daly.

Un altro funzionario che ha respinto le aspettative sulla tempistica dei tagli dei tassi questa settimana è il presidente della Fed di Cleveland, Loretta Mester.

Mercoledì ha detto che l'inflazione è aumentata più del previsto quest'anno e che la banca centrale non ha bisogno di “affrettarsi” per tagliare i tassi di interesse. La Meester aveva precedentemente affermato di aspettarsi di tagliare i tassi di interesse tre volte entro la fine dell'anno.

L’abbandono di questi funzionari della Fed è avvenuto dopo un’altra lettura dell’inflazione più calda del previsto per marzo.

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato del 3,5% rispetto all’anno precedente a marzo, un’accelerazione rispetto all’aumento annuale dei prezzi del 3,2% a febbraio e più di quanto gli economisti si aspettassero.

La variazione su base annua del cosiddetto CPI core – che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici – è stata del 3,8%, lo stesso livello di febbraio ma un decimo di punto superiore al previsto.

La Fed tende a guardare alla sua misura principale del CPI, che ora è quasi il doppio del target di inflazione del 2% della banca centrale.

Asse Powell

Quella che potrebbe essere stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per Powell, tuttavia, è stata una stima iniziale di dove avrebbe potuto andare la misura dell'inflazione preferita dalla Fed, l'indice della spesa per consumi personali (PCE).

La scorsa settimana è stata offerta un'anteprima dei numeri di marzo, che usciranno venerdì prossimo. Non sembrava contento.

La variazione su base annua di febbraio delle spese per consumi personali “core” – che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici – è stata del 2,8%. Ciò è stato in linea con le aspettative degli economisti e in calo rispetto al 2,9% di gennaio.

READ  La Federal Aviation Administration ha dichiarato che è sotto inchiesta una chiamata ravvicinata tra due aerei all'aeroporto JFK di New York

Powell è sembrato in qualche modo incoraggiato da questa lettura quando ha parlato il 29 marzo, dicendo che era “coerente con ciò che vogliamo vedere”, pur continuando a sostenere che l’inflazione rimane su una “strada accidentata” verso l’obiettivo della banca centrale di abbassare l’inflazione. 2%.

Ma Powell la settimana scorsa ha detto che si aspetta che i dati relativi alla spesa per consumi personali di marzo cambino leggermente rispetto a febbraio. Ha detto che le letture a tre e sei mesi sarebbero superiori a questo livello.

Powell non sarà in grado di commentare i numeri venerdì perché la Fed sarà in un periodo di blackout che precederà il prossimo incontro politico dal 30 aprile al 1 maggio.

“È opportuno concedere alla politica restrittiva più tempo per funzionare e lasciare che i dati e le previsioni in evoluzione ci guidino”, ha affermato mercoledì scorso.

Non tutti a Wall Street sono disposti ad abbassare le aspettative di taglio dei tassi di interesse, nonostante l’apparente svolta di Powell.

Robert Sokin, capo economista globale di Citi, mantiene la sua richiesta di un taglio a giugno. Ha ammesso che gli ultimi dati sull'inflazione “sono stati molto più forti del previsto”.

Ma ha detto: “Pensiamo ancora che ci saranno progressi sufficienti sull'inflazione prima della riunione di giugno per dimostrare che la Fed è pronta ad avviare questo ciclo di allentamento”.

“In definitiva, tutto dipenderà da dove andrà a finire l’inflazione”, ha spiegato a Yahoo Finance Dave Mazza, CEO di Roundhill Investments.

“Ora, questa immagine non sembra positiva.”

Clicca qui per un'analisi approfondita delle ultime notizie sul mercato azionario e degli eventi che muovono i prezzi delle azioni.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza