Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dow chiude sotto quota 30.000 a causa delle inversioni di rally post-Fed

Dow chiude sotto quota 30.000 a causa delle inversioni di rally post-Fed

Le azioni statunitensi sono scese giovedì, con il Dow Jones Industrial Average che ha chiuso sotto quota 30.000 per la prima volta da gennaio 2021 con volatilità. ha continuato a scuotere il mercato.

I principali indici hanno registrato cali significativi nel 2022 con l’aumento dell’inflazione, alti tassi di interesse Le crescenti preoccupazioni sugli utili aziendali e sulla crescita economica hanno anche smorzato la propensione al rischio degli investitori. Le blue chips sono scese del 18% quest’anno, l’S&P 500 è sceso del 23% e il pesante Nasdaq Composite è sceso del 32%.

I negozi folla mercoledì Dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha suggerito che un aumento del tasso della banca centrale di 0,75 punti percentuali questa settimana non sarebbe diventato un luogo comune. Giovedì Questo ottimismo è svanitoLe azioni sono scese in tutto il mercato.

L’indice S&P 500 è sceso del 3,2%, mentre l’indice Dow Industrial è sceso del 2,4%, o 741 punti, a 29.927. L’ultima volta che il Dow ha chiuso al di sotto di questo traguardo è stato il 29 gennaio 2021. Il Nasdaq Composite è sceso del 4,1% con Big titoli tecnologici. ritirarsi.

“Penso che i mercati stiano rivalutando l’ambiente di mercato”, ha affermato Michael Sheldon, chief investment officer della società di consulenza per gli investimenti RDM Financial Group. “Le prospettive di crescita, utili e inflazione, almeno per i prossimi mesi, non sono purtroppo favorevoli”.

L’aumento del tasso della Fed di 0,75 punti percentuali è stato Più grande dal 1994 Ma è in linea con le aspettative degli investitori mentre la banca centrale si affretta a domare l’inflazione elevata. Gli ultimi dati hanno mostrato l’inflazione dei prezzi al consumo a maggio Ha raggiunto il suo livello più alto In più di quattro decenni.

READ  Il proprietario di un'auto del Michigan ha citato in giudizio dopo aver ucciso meccanicamente Jeep durante un cambio d'olio

disse il signor Powell Che mentre la banca centrale non sta cercando di causare una recessione, è diventato molto più difficile da ottenere Il cosiddetto atterraggio morbido, dove l’economia rallenta abbastanza da contenere l’inflazione senza entrare in recessione. Alcuni analisti hanno affermato che gli investitori stanno venendo a patti con esso Aumento dei rischi per la crescita economica.

Penso che questa sia la consapevolezza che potremmo davvero entrare in una recessione. “Non sono sicuro che questo sia ancora penetrato nella mente del mercato”, ha affermato Altaf Kassam, responsabile della strategia di investimento per l’EMEA presso State Street Global Advisors.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che l’obiettivo della banca centrale è di portare l’inflazione al 2%. La Federal Reserve ha approvato mercoledì un aumento del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali, il più grande aumento dal 1994. Foto: Elizabeth Frantz/Reuters

Se il Dow Jones Industrial Average chiude al di sotto di 30.000, ciò potrebbe influenzare l’umore degli investitori abituati all’aumento dei titoli.

ha affermato Carol Schleif, vicedirettore degli investimenti presso BMO Family Office.

Le azioni sono crollate su tutta la linea giovedì, con ciascuno degli 11 settori dell’S&P 500 in ribasso durante la giornata. Il gruppo Energia, unico settore in territorio positivo per il 2022, è rimasto indietro rispetto al mercato con un calo del 6,1%.

Anche le grandi azioni tecnologiche sono scese, con Microsoft Le azioni sono scese del 2,7%, Amazon Le azioni sono scese del 3,7% e nvidia I prezzi delle azioni sono scesi del 5,6%.

Twitter Le azioni hanno perso l’1,7 percento in seguito Tesla amministratore delegato Elon Musk Rivolgiti ai dipendenti di Twitter Giovedì alla riunione della società su argomenti tra cui se ci saranno licenziamenti se completa l’acquisizione pianificata.

TeslaE il

Quello Alzare i prezzi di alcune sue auto Tra l’aumento dei costi, è sceso dell’8,5%.

Mentre il signor Powell ha suggerito mercoledì che un aumento dei tassi “insolitamente ampio” non sarebbe diventato popolare, ha lasciato la porta aperta per un altro aumento di 0,75 punti percentuali non appena il mese prossimo.

Ovin Devitt, chief investment officer di Moneta, ha affermato che aumenti dei tassi di interesse di questa portata potrebbero turbare gli investitori se ritengono che la Fed stia correndo troppo rapidamente per superare l’inflazione. “Questo potrebbe portare a una maggiore ansia del mercato”, ha detto.

La banca centrale svizzera ha sorpreso gli investitori alzando i tassi di interesse per la prima volta in 15 anni. La Banca nazionale svizzera ha alzato il tasso ufficiale di 0,5 punti percentuali a meno 0,25%, lasciandolo solo

Banca del Giappone

Una delle principali banche centrali dell’economia avanzata non sta alzando i tassi di interesse per domare l’inflazione. Gli economisti si aspettavano che la Banca nazionale svizzera lasciasse invariati i tassi di interesse.

“Questo è l’ultimo ostacolo da superare”, ha affermato Sima Shah, capo stratega di Principal Global Investors. “Se stiamo facendo ritenere le banche centrali perennemente pessimiste sull’aumento dei tassi di interesse, non si può negare che c’è un enorme problema di inflazione nell’economia globale”.

Giovedì la Banca d’Inghilterra Alzato il tasso di interesse chiave Come previsto all’1,25% dall’1%, segnando il suo quinto passo nel maggior numero di riunioni, ha affermato che potrebbero essere necessarie mosse più grandi per domare l’inflazione.

settimanalmente Dati sui reclami di disoccupazione Ha mostrato che 229.000 americani hanno presentato domanda per l’indennità di disoccupazione nella settimana terminata l’11 giugno. Il mercato del lavoro è stato un’area di forza per l’economia, ma i funzionari della Federal Reserve indicano numeri di occupazione deboli Potrebbe essere una conseguenza necessaria Gli sforzi della banca centrale per controllare l’inflazione.

Rendimento su un benchmark di 10 anni Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti La nota è scesa al 3,303% dal 3,389% di mercoledì. I rendimenti del Tesoro, che si muovono nella direzione opposta ai prezzi, aiutano a fissare i prezzi su una varietà di prodotti di consumo, inclusi mutui e prestiti automobilistici.

Bitcoin È sceso del 3% dal livello delle 17:00 ET di mercoledì a $ 21.041, secondo CoinDesk, mettendolo sulla buona strada per un calo a Il decimo giorno consecutivo. Le criptovalute sono state esposte a preoccupazioni economiche diffuse che danneggiano scambi rischiosi, preoccupazioni su progetti selezionati e Aziende nell’ecosistema crittografico. È improbabile che gli investitori nella rete di prestito di criptovalute Celsius forniscano alla società più finanziamenti che potrebbero salvare l’azienda, Lo ha riferito giovedì il Wall Street Journal.

Nei mercati delle materie prime, il greggio Brent, lo standard petrolifero internazionale, è salito dell’1,1% a 119,81 dollari al barile. I prezzi dell’oro sono aumentati dell’1,7%.

Le scorte d’oltremare sono diminuite. Lo Stoxx Europe 600 pancontinentale è sceso del 2,5%. In Asia , Hang Seng A Hong Kong è sceso del 2,2%, mentre il giapponese Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,4%.

Le azioni di Wall Street sono scese dopo un rally mercoledì a seguito della decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve.


immagine:

Justin Lin/Shutterstock

Scrivi a Karen Langley a karen.langley@wsj.com e Will Horner a william.horner@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8