Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I prezzi più bassi di cioccolato e marmellata rallentano l'inflazione degli alimenti

I prezzi più bassi di cioccolato e marmellata rallentano l'inflazione degli alimenti

  • Scritto da Gemma Dempsey
  • Corrispondente d'affari, BBC News

Fonte immagine, Immagini Getty

Secondo i nuovi dati del settore, il calo dei prezzi di cioccolato, zucchero e marmellata ha contribuito a rallentare l’inflazione alimentare al livello più basso degli ultimi due anni.

Il British Retail Consortium (BRC) ha affermato che la concorrenza tra i rivenditori ha portato al calo dei prezzi di alcuni prodotti a marzo, ma i regali di Pasqua sono stati più costosi.

Il tasso complessivo con cui i prezzi sono aumentati è quasi dimezzato, all’1,3%, rispetto al 2,5% di febbraio.

L’inflazione alimentare è in calo per 10 mesi consecutivi.

Ma nel complesso, i prezzi dei prodotti alimentari sono stati del 3,7% più alti rispetto a un anno fa, in calo rispetto al 5% di febbraio, ha affermato la federazione.

La BRC ha affermato che i rivenditori hanno gareggiato “ferocemente” per le offerte, soprattutto nel periodo che precede Pasqua.

Nel mese di marzo sono diminuiti i prezzi dei latticini e del cioccolato, a seguito delle promozioni sono diminuiti anche i prezzi degli elettrodomestici, dell'abbigliamento e delle scarpe.

Helen Dickinson, amministratore delegato della BRC, ha dichiarato: “Mentre i dolci pasquali erano più costosi rispetto agli anni precedenti a causa dell’aumento dei prezzi globali del cacao e dello zucchero, i rivenditori hanno offerto offerte sporadiche sui cioccolatini popolari, con conseguente calo dei prezzi rispetto al mese precedente.

Tuttavia, Dickinson ha dichiarato al programma BBC Today che, sebbene gli alti prezzi delle materie prime causati dagli shock globali si siano ampiamente attenuati, i consumatori non dovrebbero aspettarsi un ritorno dei prezzi pre-pandemia.

“Non vedremo cali significativi dei prezzi ai livelli pre-Covid”, ha affermato, “per farlo sarebbe necessaria una contrazione che non si vedeva dai tempi della Grande Depressione (degli anni ’30)”.

Sono “entrati” altri costi associati ai salari, all’energia e ad altri beni, che secondo Dickinson potrebbero minacciare la tendenza al ribasso dell’inflazione, insieme alle modifiche alle normative e ai controlli alle frontiere dopo la Brexit.

“Questi costi includono un aumento del 6,7% delle tariffe commerciali, proposte di riciclaggio sconsiderate e nuovi controlli alle frontiere – il tutto contemporaneamente al più grande aumento mai registrato del salario minimo nazionale”, ha affermato. “I rischi sono al rialzo mentre entriamo nel secondo trimestre dell’anno”.

Il salario minimo del governo, noto come salario minimo nazionale, è aumentato di oltre 1 sterlina per la prima volta, fornendo una spinta a 2,7 milioni di lavoratori a basso salario.

La tariffa salariale è aumentata il 1° aprile da £ 10,42 a £ 11,44 per gli over 21.

In preparazione al nuovo salario minimo, diversi supermercati, tra cui Tesco, Sainsbury’s, Asda, Aldi, Lidl e M&S, hanno aumentato i salari per il personale fuori Londra a 12 sterline l’ora, con una concorrenza ancora accanita per attirare personale.

“Ciò manterrà l’impatto del costo del lavoro più alto di quanto sarebbe altrimenti sui prezzi per i consumatori”.

Mike Watkins, responsabile del commercio al dettaglio e degli affari di NielsenIQ, che ha anche preparato il rapporto BRC, ha affermato che il calo dell’inflazione alimentare era “previsto”.

Ciò è stato aiutato dalla forte concorrenza tra i supermercati, ha detto, che cercano di aumentare il numero di visitatori, con tagli di prezzo mirati e promozioni all'inizio del mese per la festa della mamma e ora di nuovo nelle settimane che precedono Pasqua.