Febbraio 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il barometro economico avverte presto di una recessione negli Stati Uniti


Minneapolis
Cnn

L’indicatore principale della salute dell’economia continua a suonare un segnale di allarme recessivo, che indica una flessione negli Stati Uniti nel prossimo futuro. Un numero crescente di imprenditori concorda sul fatto che l’economia statunitense sta peggiorando.

L’America non è ufficialmente in recessione – non ancora, comunque – ma l’indicatore economico principale del Conference Board è in calo per il decimo mese consecutivo, scendendo a dicembre dell’1% a 110,5, secondo un rapporto pubblicato lunedì da un think tank aziendale. Gli economisti si aspettavano un calo dello 0,7%, secondo Refinitiv.

In media, l’indice raggiunge il picco un anno prima di una recessione, secondo il Conference Board. Viene visualizzato l’indice Ha raggiunto il picco nel febbraio 2022Nota del consiglio di conferenza.

“C’è stata una diffusa debolezza tra i principali indicatori a dicembre, il che indica un deterioramento delle condizioni nei mercati del lavoro, manifatturiero, edilizio e finanziario nei prossimi mesi”, ha dichiarato Ataman Özeldirim, Senior Director of Economics presso The Conference Board, in una dichiarazione .

Sette dei 10 componenti dell’indice sono diminuiti a dicembre e, secondo il rapporto, il percorso LEI indica ancora una recessione.

“È probabile che l’attività economica complessiva diventi negativa nei prossimi trimestri prima di riprendersi nell’ultimo trimestre del 2023”, ha affermato Özeldirim.

L’arbitro ufficiale di una recessione è un gruppo di economisti del National Bureau of Economic Research, che prende in considerazione una serie di indicatori economici prima di prendere una decisione, cosa che a volte può accadere dopo che una recessione è già iniziata.

Ma circa il 52% degli economisti intervistati dalla National Association for Business Economics pensa che ci sia più di una probabilità del 50% che gli Stati Uniti entreranno in recessione quest’anno, secondo l’ultima indagine della NABE sulle condizioni economiche pubblicata lunedì mattina.

READ  I futures azionari scendono dopo il rally del Nasdaq mentre gli investitori digeriscono i profitti aziendali

“Per la prima volta dal 2020, più intervistati si aspettano una diminuzione dell’occupazione piuttosto che un aumento dell’occupazione nelle loro aziende nei prossimi tre mesi”, ha affermato il presidente di NABE Julie Coronado nel rapporto. Meno intervistati rispetto agli ultimi anni si aspettano che le loro aziende aumentino la spesa in conto capitale nello stesso periodo.

L’attività economica statunitense ha mostrato segni di rallentamento negli ultimi mesi quando la Federal Reserve ha scatenato una raffica di aumenti dei tassi di interesse per ridurre l’inflazione.

Funzionari della Federal Reserve Dicono di vedere progressi sull’inflazione Ma questa politica monetaria restrittiva – e gli aumenti futuri – continueranno a verificarsi.

La prossima riunione di due giorni del comitato per la fissazione dei tassi della Fed inizierà il 31 gennaio. Le aspettative sono per la banca centrale di aumentare i tassi di interesse di un quarto di punto, secondo CME FedWatch.

Prima di questa riunione, la Fed avrà ulteriori dati economici da esaminare: i dati sul PIL del quarto trimestre e il rapporto sulla spesa per i consumi personali (che contiene la misura dell’inflazione preferita dalla Fed) saranno pubblicati rispettivamente giovedì e venerdì.