Luglio 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I picchetti della WGA sono pieni di cauto ottimismo nel terzo giorno di colloqui del CEO

I picchetti della WGA sono pieni di cauto ottimismo nel terzo giorno di colloqui del CEO

I picchetti della WGA si sono gonfiati venerdì sulla costa occidentale in risposta all’appello dei leader sindacali per una forte partecipazione nelle strade mentre i negoziatori della direzione del lavoro si sono riuniti per il terzo giorno consecutivo di colloqui volti a porre fine a uno sciopero che è in corso da più di quattro mesi.

A Hollywood, Netflix e Paramount hanno visto grandi folle di picchetti WGA e SAG-AFTRA radunarsi entro le 9 del mattino. La scorsa settimana è stata piena di voci diffuse sui social media, canali privati ​​online e canali di testo secondo cui un accordo sarebbe imminente. A West Los Angeles, una folla tipicamente numerosa ha fatto il giro fuori dagli studi Fox.

Molti veterani della WGA hanno esortato alla cautela nel nutrire speranze troppo grandi per ciò che potrebbe uscire dalla sala delle trattative dell’AMPTP più tardi oggi, dopo un terzo giorno di colloqui sulla gestione del lavoro che hanno coinvolto quattro amministratori delegati.

“Sono una realista”, ha detto Amy Berg, regista della serie e team leader della WGA che si fa chiamare “Lot Mom” ​​ai Fox Studios. “Voi volete che venga fatto. Ma allo stesso tempo, ci siamo già passati. Qualche settimana fa tutti hanno sentito venerdì che lo sciopero era finito improvvisamente, e non era così.

In qualità di ex membro del comitato negoziale, Berg ha anche osservato che il processo di negoziazione del contratto è un processo noioso che non si muove rapidamente e può essere difficile da gestire sotto pressione. In parole povere, se l’accordo non va bene, Berg ritiene che ci sia una forte volontà tra i membri di restarne fuori, se necessario.

“Anche se siamo d’accordo su alcuni punti importanti, c’è molto linguaggio su cui lavorare. Dobbiamo negoziare la lingua del contratto, soprattutto in questo sciopero, per ottenere la protezione di cui abbiamo bisogno”, ha detto. “Quindi sono aperta a restare qui più a lungo se questo significa che tutti saranno protetti.

Billy Ray, uno sceneggiatore che ha ospitato il podcast “Strike Talk” di Deadline poco dopo l’inizio dell’interruzione del lavoro il 2 maggio, ha sottolineato che gli studi cinematografici non dovrebbero fare affidamento su scrittori affamati durante un lungo sciopero.

READ  Jason Bean, editore della rivista Luxury Manhattan, è stato arrestato per aver molestato una ragazza di età inferiore ai 17 anni

“Penso che una delle cose che le aziende hanno calcolato male è che la vita era molto difficile per gli scrittori e gli attori prima degli scioperi, e che uno sciopero non rappresenta un grande passo indietro”, ha detto Ray. diversificato Mentre faccio il giro fuori Fox. “Penso che la volontà di farlo per diversi mesi ci sia”.

Ray ha riconosciuto che le opinioni degli scrittori sugli scioperi e sulle tattiche sindacali possono variare ampiamente, ma ciò che ha trovato coerente durante Labor Action Now del giorno 144 è la comprensione che la lotta condotta dalla WGA e dal SAG-AFTRA è parte di un più ampio progetto sindacale. azione. Movimento negli Stati Uniti

“La gente ora sta pensando a dove si collocano questi scioperi in un dibattito più ampio sulla privatizzazione dell’America, il potere della forza lavoro, il valore dell’individuo? Queste sono questioni eterne”, ha detto Ray. combattimento. “Qui tutti hanno un sentimento per questo.”

Altri scrittori in linea venerdì hanno espresso una serie di emozioni, dall’estremo scetticismo alla rabbia nei confronti degli studi cinematografici per la durata dello sciopero e alla speranza che entrambe le parti raggiungano il traguardo.

“Sono molto fiduciosa, ma aspetto anche con ansia notizie dalla leadership, perché so che ci sono una serie di strategie che possono essere utilizzate per aumentare l’ottimismo e cercare di fare pressione su un accordo”, ha detto Eleanor Morrison, membro della WGA. (“vicepresidente”). “Cerco di tenerlo a mente mentre mi avvicino all’atmosfera di oggi.”

Alle 10:30, la folla di manifestanti fuori dalla Paramount era cresciuta fino a raggiungere più o meno lo stesso numero del primo giorno di sciopero della WGA, iniziato il 2 maggio. L’atmosfera era ottimista e allegra – aiutata dalla pura coincidenza, il “Puppet Day” sulla linea, dove molti manifestanti marciavano usando marionette o burattini intricati – mentre i membri del sindacato mostravano un tono di cauto ottimismo.

Peter Morita (“I maghi di Waverly”), che è stato uno dei leader dello sciopero della WGA del 2007-2008 e ha prestato servizio nel comitato di contrattazione del 2000, ha fatto eco a questi sentimenti. “Quando leggo i rapporti che dicono che le cose stanno andando in un modo o nell’altro, ho la sensazione che potrebbe provenire dall’altra parte dei negoziati”, ha detto. “Quindi prendo tutto con le pinze. Sono molto emozionato e pronto ad andare avanti.”

READ  Coachella 2022 - LIVE: Tutti gli aggiornamenti dal California Music Festival all'inizio del secondo giorno

Per Jimmy Denbo (“Grey’s Anatomy”), i punti più importanti dell’accordo erano la protezione dell’intelligenza artificiale e la trasparenza dei dati che consentono ricadute basate sul successo. “Costituiscono la minaccia più esistenziale per le imprese e la società nel suo complesso”, ha affermato. “E se questa azione dovesse essere un esempio del perché è importante, così sia. Sono qui per combattere quelle battaglie.” Per quanto riguarda uno dei maggiori punti critici, lo spazio minimo del libro, Denbo è sincero.

“Lavoro in una stanza molto grande, perché è un vecchio modello che funzionava e funziona ancora, quindi ne sono un esempio”, ha detto. “Ma rispetto anche i creatori che hanno una sola voce. Penso sempre che dovrebbe essere una scelta. Hanno soldi, quindi dacci il minimo indispensabile di spazio, e se vuoi o meno usare tutti questi scrittori dovrebbe spettare a te.” i creatori.”

Denbo è rimasto ottimista sul fatto che le due parti avrebbero raggiunto un accordo, anche se le questioni di fondo che hanno alimentato le azioni dei lavoratori in molti settori aziendali rimangono irrisolte.

“L’intera battaglia è un simbolo dei mali del capitalismo e della privatizzazione senza barriere”, ha affermato. “Penso che saremo in grado di ottenere uno spin-off che manterrà insieme questa attività un po’ più a lungo? Sì. Alla fine lo faremo. Perché la gente vuole ancora ‘Grey’s Anatomy’. E dovrebbero, perché è ancora bello.” Lo sto scrivendo. E sono coinvolto nell’EP: mettilo là fuori. Ma non penso che questa lotta finirà necessariamente per molto tempo. “

Su Netflix, la scrittrice Jane Anderson ha parlato a nome di molti membri veterani quando ha sottolineato che per lei lo sciopero mira a garantire un futuro forte ai giovani scrittori. Il colpo non fu così duro per lei come per gli scribi più giovani e meno esperti.

“Il morale è molto alto”, ha detto Anderson, sottolineando che l’inizio dello sciopero del SAG-AFTRA a metà luglio è stata una sferzata di energia che ha aiutato gli scrittori a superare gli ultimi due mesi. “C’è stata una grande crisi a luglio, quando faceva molto caldo, e tutti stavano rallentando”, ha osservato.

READ  L'audio di "SNL" va fuori sincrono durante il cold open e parte del monologo di Steve Martin e Martin Short (VIDEO)

“Non sto lottando perché sono diventato uno scrittore decenni fa, quando potevo ottenere un grosso stipendio. Lo sto facendo davvero per i giovani scrittori. Voglio che possano comprare una casa e provvedere alle loro famiglie”, ha detto Anderson. .

Michael Cobian (“Power: Book IV”), che appare anche su Netflix, era disposto a esprimere qualche speranza ma era pieno di cautela.

“Ci si sente bene [negotiators] “Possiamo parlare avanti e indietro e questo ci dà speranza”, ha detto Cobian. “Ma ovviamente solo perché stiamo parlando non significa che le cose che chiediamo per il prossimo decennio accadranno già. Lo prendo giorno per giorno, cercando solo di portare a termine il lavoro e rimanere positivo.

Travis Adam Wright è inoltre incoraggiato nel vedere coinvolti i massimi leader dello studio: Bob Iger della Disney, David Zaslav della Warner Bros. Discovery, Ted Sarandos di Netflix e Donna Langley della NBCUniversal.

“Ha creato un sacco di buzz positivo”, ha detto Wright durante un sit-in fuori Netflix. “Quello che ho sempre paura è che prendano posizione e dicano: ‘Bene, abbiamo offerto loro condizioni migliori ma ci hanno rifiutato e siamo stati molto ragionevoli.’ L’idea di far sembrare che gli scrittori o gli attori siano avidi, è ridicolo pensare che stiamo chiedendo troppo.

Adam Penick, un altro soldato della WGA al di fuori di Netflix, ha sottolineato che i problemi di fondo che hanno portato allo sciopero di maggio non sono scomparsi e devono essere risolti. Come scrittore a metà carriera, Benitch ha detto di sentirsi ostacolato nella sua capacità di avanzare a causa dei cambiamenti nella natura delle stanze degli scrittori e nelle assunzioni di serie TV negli ultimi anni.

“Le stanze piccole e il personale minimo sono un grosso problema per me”, ha detto Benic. «Serve un percorso minimo perché quelli come me di livello medio-basso possano diplomarsi, altrimenti assumeranno solo un paio di modelle e nessun altro».

Allo stesso tempo, ha aggiunto: “Sono felice che gli amministratori delegati partecipino, come dovrebbero. Avrebbe dovuto accadere prima, ma meglio tardi che mai”.