Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I leader dell’opposizione in Georgia sollecitano il Regno Unito ad opporsi alla legge sull’influenza straniera

I leader dell’opposizione in Georgia sollecitano il Regno Unito ad opporsi alla legge sull’influenza straniera

  • Scritto da James Landale
  • Corrispondente diplomatico della BBC

Spiegazione video, Guarda: Scontri tra polizia e manifestanti in Georgia per un disegno di legge controverso

I leader dell’opposizione georgiana hanno chiesto al Regno Unito di fare di più per opporsi a quella che considerano una repressione della società civile nell’ex paese sovietico.

Hanno esortato il ministro degli Esteri a dimostrare al partito al governo che la comunità internazionale è unita contro le proposte.

Si prevede che il progetto di legge sulla trasparenza dell’influenza straniera supererà gli ultimi ostacoli parlamentari nei prossimi giorni.

Gli oppositori hanno organizzato proteste di massa nella capitale, Tbilisi, contro la legge.

La legislazione obbligherebbe le ONG e i media a registrarsi come “organizzazioni che servono gli interessi di una potenza straniera” se più del 20% dei loro finanziamenti proviene dall’estero.

Il partito al governo Sogno Georgiano afferma che questa misura aumenterà la trasparenza e difenderà la sovranità della Georgia.

Ma gli oppositori sostengono che il governo lo utilizzerà per schiacciare i voti e i partiti dell’opposizione prima delle elezioni generali di ottobre.

Dicono che l’obiettivo è anche quello di ostacolare l’ambizione della Georgia di aderire all’Unione Europea, che non può accettare la nuova legge.

Questa legislazione è stata chiamata “Legge Russa” perché è una legislazione simile che il Cremlino usa per mettere a tacere i suoi critici.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, I manifestanti ritengono che la proposta di legge imporrebbe restrizioni in stile russo

La proposta ha portato decine di migliaia di persone in piazza nel piccolo Paese sulla costa orientale del Mar Nero.

Gli Stati Uniti sono stati espliciti nell’attaccare il disegno di legge, con il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan che ha scritto su X durante il fine settimana che gli Stati Uniti sono “profondamente preoccupati per il declino democratico in Georgia”.

Secondo lui i rappresentanti devono scegliere tra “le aspirazioni euro-atlantiche del popolo georgiano o l’adozione di una legge sugli agenti stranieri simile a quella del Cremlino, che contraddice i valori democratici… Noi stiamo dalla parte del popolo georgiano”.

Il Regno Unito, invece, è stato più discreto nell’esprimere la propria opposizione.

In una risposta parlamentare scritta pubblicata in sordina la scorsa settimana, il ministro europeo Nusrat Ghani ha affermato che l’ambasciatore britannico a Tbilisi ha “coerentemente espresso le nostre preoccupazioni sulla proposta di legge” nei recenti incontri con il primo ministro e il presidente.

Ha detto di aver discusso lei stessa la questione con l’ambasciatore georgiano a Londra il mese scorso.

Le sue uniche altre dichiarazioni pubbliche sono state 10 giorni fa, in un post sui social media in cui metteva in guardia contro “l’uso eccessivo della forza da parte della polizia contro i manifestanti pacifici a Tbilisi”, che secondo lei “non è coerente con i valori democratici e minaccia l’Euro della Georgia”. -Aspirazioni atlantiche.” “.

Ma i legislatori dell’opposizione georgiana vogliono che Ghani e il ministro degli Esteri David Cameron vadano molto oltre.

Giorgi Vashadze, deputato e leader dello Strategy Builder Party, ha dichiarato: “Lord Cameron è stato uno dei più importanti sostenitori internazionali della Georgia quando siamo stati invasi nel 2008.

“Siamo stati grati per il suo sostegno, che ha contribuito molto a risollevare il morale del Paese.

“Come Segretario di Stato, gli chiedo di fare lo stesso per evidenziare i tentativi del governo di reprimere il dissenso durante l’anno elettorale”, ha aggiunto.

Tina Bokochava, deputata georgiana e leader parlamentare del Movimento Nazionale Unito, ha dichiarato: “Queste risposte scritte mostrano che il governo britannico era particolarmente preoccupato per la situazione in Georgia.

“Ora dobbiamo rendere pubbliche queste preoccupazioni, in modo che il partito al governo comprenda che la comunità internazionale è unita nell’opporsi a tali azioni autoritarie”.

Un portavoce del British Foreign, Commonwealth and Development Office ha detto alla BBC che il Regno Unito è “profondamente preoccupato” per la legge sull’influenza straniera.

Hanno aggiunto: “La retorica di accompagnamento e l’uso eccessivo della forza da parte della polizia contro i manifestanti suscita profonda preoccupazione”.

“Esortiamo le autorità georgiane a dar prova di moderazione nel monitorare le manifestazioni pacifiche”.

“Il Regno Unito continua a collaborare con il governo georgiano e le organizzazioni della società civile a Tbilisi, e il nostro ambasciatore ha continuamente espresso le nostre preoccupazioni sulla proposta di legge al governo georgiano, più recentemente al Primo Ministro il 22 aprile”.

READ  L'ondata di caldo porta temperature estreme ad aprile in India e Pakistan